Mercato azionario oggi: le azioni asiatiche rimbalzano dopo l’ultimo crollo di Wall Street. Il prezzo del petrolio guadagna 1 dollaro

HONG KONG (AP) – Le azioni asiatiche sono in rialzo venerdì dopo l’ultimo crollo di Wall Street, dove l’indice S&P 500 è sceso al livello più basso degli ultimi cinque mesi.

I futures americani hanno guadagnato terreno e i prezzi del petrolio sono saliti di oltre 1 dollaro, come hanno affermato le forze armate israeliane con le sue truppe e i suoi carri armati è entrato brevemente nel nord di Gaza.

L’indice giapponese Nikkei 225 ha guadagnato l’1,1% a 30.948,49 dopo che un valore inaspettatamente elevato dell’inflazione al consumo a Tokyo ha alimentato le speranze che la banca centrale possa finalmente porre fine alla sua politica di tassi di interesse vicini allo zero di lunga data.

L’inflazione al consumo core di Tokyo, che esclude la volatilità dei prezzi dei prodotti alimentari freschi, è aumentata del 2,7% in ottobre, secondo quanto riferito venerdì dall’Ufficio statistico. Come indicatore principale delle tendenze a livello nazionale, suggerisce una tendenza più ampia di aumento dei prezzi.

Anche le azioni cinesi hanno arrestato la loro recente caduta dopo che il governo ha riferito che i profitti delle aziende industriali cinesi hanno ampliato i guadagni per il secondo mese a settembre, aumentando di quasi il 12%, a seguito delle misure politiche per aiutare a stabilizzare l’economia in rallentamento.

I profitti industriali sono aumentati del 17,2% ad agosto, la prima espansione in più di un anno.

L’Hang Seng di Hong Kong è salito del 2,1% a 17.403,03, preparando il mercato per una settimana vincente, e l’indice Shanghai Composite ha guadagnato l’1,1% a 3.019,72.

Il Kospi di Seul ha guadagnato lo 0,2% a 2.302,81. L’indice S&P/ASX 200 australiano è salito dello 0,2% a 6.826,90. Il Taiex di Taiwan era in rialzo dello 0,4% e il SET di Bangkok era quasi piatto.

See also  Consigli per risolvere i conflitti da parte dei pacificatori del mondo reale: colpi

Wall Street si è ritirata giovedì, scendendo di quasi il 10% al di sotto del suo massimo dell’anno, dopo che le grandi aziende hanno avvertito che un’economia globale incerta potrebbe danneggiare i loro profitti.

L’indice S&P 500 è crollato dell’1,2% per il nono calo in 11 giorni, chiudendo a 4.137,23. Un altro forte calo per Big Tech ha trascinato il Nasdaq composito giù dell’1,8% a 12.595.61. Il Dow Jones Industrial Average è crollato dello 0,8% a 32.784,30.

Meta piattaforme è stato tra i pesi più pesanti del mercato, crollando del 3,7%, anche se la società madre di Facebook e Instagram ha riportato profitti e ricavi per l’estate più consistenti di quanto previsto dagli analisti.

Gli investitori potrebbero essere stati spaventati dall’avvertimento della società secondo cui si è vista una certa debolezza iniziale nella pubblicità a causa del l’ultima guerra tra Israele e Hamase gli analisti hanno affermato che la società ha fornito una gamma più ampia rispetto al passato per le previsioni sui ricavi futuri.

Il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni è sceso al 4,85%, dal 4,96% di mercoledì, dopo che i rapporti hanno mostrato l’economia statunitense continua a precipitare avanti nonostante i tassi di interesse molto più alti che hanno già flagellato il mercato azionario.

Una stima preliminare suggerisce che la crescita dell’economia americana ha accelerato durante l’estate al 4,9%. Questo è stato più di quanto gli economisti si aspettassero. Un rapporto separato indicava gli Stati Uniti mercato del lavoro rimane straordinariamente solido, con relativamente pochi licenziamenti in tutto il paese.

I rapporti di giovedì hanno mostrato chiaramente che l’economia americana non è in recessione. Ma gli investitori sono più preoccupati di ciò che accadrà piuttosto che di ciò che è passato, e temono che un’economia solida possa continuare a spingere i prezzi al rialzo. Ciò potrebbe spingere la Fed a mantenere i tassi alti per lungo tempo per frenare l’inflazione.

See also  Il marito dell'ex primo ministro norvegese evita le indagini della polizia sulle transazioni azionarie

Tassi di interesse più elevati potrebbero significare un’eventuale debolezza per l’economia e i profitti aziendali. Inoltre, gli elevati rendimenti obbligazionari rendono gli investitori meno disposti a pagare prezzi elevati per azioni e altri investimenti.

I rendimenti dei titoli del Tesoro sono schizzati al rialzo mentre raggiungono il tasso di interesse principale controllato dalla Federal Reserve, che è al livello più alto dal 2001.

Nel breve termine, la stragrande maggioranza dei trader si aspetta che la Federal Reserve mantenga i tassi stabili nella prossima riunione, che si concluderà mercoledì. Ciò segnerebbe il secondo incontro consecutivo in cui la Fed non alzerebbe il suo tasso di interesse principale, che è stato portato sopra il 5,25% da quasi zero all’inizio dello scorso anno.

Anche i profitti migliori del previsto delle grandi aziende statunitensi non sono stati sufficienti ad arrestare la recente caduta di Wall Street.

La maggior parte delle società dell’indice S&P 500 ha superato le aspettative di profitto degli analisti per l’estate e la speranza è che riportino la prima crescita complessiva in un anno. Ma diverse grandi aziende sono crollate giovedì in seguito a risultati deludenti o previsioni per le tendenze future.

Negli altri scambi di venerdì, il greggio di riferimento statunitense ha guadagnato da 1,34 dollari a 84,55 dollari al barile nel commercio elettronico sul New York Mercantile Exchange. Giovedì ha ceduto $ 2,18.

Il greggio Brent, lo standard internazionale, è aumentato da 1,26 dollari a 88,31 dollari al barile. Giovedì ha perso $ 2,07.

Il dollaro è sceso a 150,24 yen giapponesi da 150,39 yen. L’euro è sceso a $ 1,0559 da $ 1,0565.

Leave a Comment