Mercato azionario oggi: le azioni globali crollano con gli occhi puntati sull’economia cinese e su una possibile chiusura degli Stati Uniti

TOKYO (AP) – Le azioni globali sono crollate martedì a causa delle preoccupazioni per un possibile shutdown del governo americano e per la travagliata economia cinese.

Il CAC 40 francese ha perso lo 0,7% nelle prime negoziazioni a 7.076,82. Il DAX tedesco è sceso dello 0,5% a 15.329,25. Il FTSE 100 britannico è salito dello 0,2% a 7.638,01. Le azioni statunitensi erano destinate a scendere, con i futures Dow in ribasso dello 0,3% a 34.158,00. I futures S&P 500 perdono lo 0,5% a 4.359,25.

L’indice di riferimento giapponese Nikkei 225 è scivolato dell’1,1% chiudendo a 32.315,05. L’indice S&P/ASX 200 australiano è sceso dello 0,5% a 7.038,20. Il Kospi sudcoreano è sceso dell’1,3% a 2.462,97. L’Hang Seng di Hong Kong ha ceduto l’1,5% a 17.470,31, mentre l’indice composito di Shanghai è sceso dello 0,4% a 3.102,27.

Gli investitori attendono con ansia la pubblicazione degli indicatori economici cinesi nel corso della settimana.

“I problemi immobiliari cinesi sono lungi dall’essere finiti, poiché il famigerato costruttore Evergrande è andato in default sul rimborso delle obbligazioni onshore da 4 miliardi di yuan e ha ritardato gli incontri di ristrutturazione”, ha affermato Tina Teng, analista di mercato presso CMC Markets APAC & Canada.

Sebbene la crisi non sia scioccante per coloro che seguono da vicino il mercato immobiliare cinese, crescono le preoccupazioni che il settore immobiliare di Chia si stia ancora deteriorando, aumentando i rischi di instabilità finanziaria, ha affermato Stephen Innes, socio amministratore di SPI Asset Management.

“È importante riconoscere che affrontare la questione abitativa è molto più impegnativo nella pratica che in teoria. Questa difficoltà è il motivo per cui gli sviluppatori immobiliari stanno ancora lottando per due anni dopo l’inizio della crisi del debito di Evergrande, e i potenziali acquirenti di case sono riluttanti ad entrare nel mercato”, ha aggiunto.

See also  Western Potash Corp. riceve un investimento di 5 milioni di dollari canadesi da Vantage Chance Limited

Anche la realizzazione sta sprofondando in questo la Federal Reserve probabilmente manterrà i tassi di interesse elevati fino al prossimo anno. La Fed sta cercando di garantire inflazione elevata torna al suo obiettivo e la settimana scorsa ha dichiarato che probabilmente taglierà i tassi di interesse nel 2024 meno di quanto previsto in precedenza. Il suo tasso di interesse principale è al livello più alto dal 2001.

La crescente consapevolezza che i tassi rimarranno più alti più a lungo ha spinto i rendimenti nel mercato obbligazionario ai livelli più alti da oltre un decennio. Ciò a sua volta rende gli investitori meno disposti a pagare prezzi elevati per tutti i tipi di investimenti, in particolare quelli considerati i più costosi o che fanno aspettare i loro proprietari più a lungo per una grande crescita.

Nel breve termine, gli Stati Uniti il governo potrebbe essere pronto per un altro shutdown in mezzo ad altri litigi politici a Capitol Hill. Ma Wall Street è riuscita a farsi strada attraverso le precedenti chiusure e “la storia dimostra che quelle passate non hanno avuto un grande impatto sul mercato”, secondo Chris Larkin, amministratore delegato del trading e degli investimenti presso E-Trade di Morgan Stanley.

Nel commercio energetico, il greggio di riferimento statunitense è sceso da 1,09 dollari a 88,59 dollari al barile. Il greggio Brent, lo standard internazionale, è sceso di 1,07 dollari a 92,22 dollari al barile.

Nel commercio valutario, il dollaro USA è salito a 148,93 yen giapponesi da 148,84 yen. L’euro è costato 1,0598 dollari, rispetto a 1,0594 dollari.

___

Stan Choe, scrittore di AP Business di New York, ha contribuito a questo rapporto.

See also  È morto all'età di 98 anni Giorgio Napolitano, ex presidente della Repubblica Italiana

Leave a Comment