Mercato azionario oggi: le azioni mondiali avanzano dopo che la Cina ha riferito che i prezzi sono scesi in ottobre

BANGKOK (AP) – Le azioni hanno aperto giovedì per lo più in rialzo in Europa, dopo le chiusure contrastanti in Asia e a Wall Street mentre i mercati si ricalibravano a seguito delle recenti grandi oscillazioni.

Il DAX tedesco è salito dello 0,2% a 15.254,10 e il CAC 40 di Parigi è avanzato dello 0,4% a 7.060,85. Il FTSE 100 britannico è scivolato dello 0,1% a 7.393,42. A Wall Street, il futuro dell’S&P 500 è rimasto poco cambiato e quello del Dow Jones Industrial Average è salito dello 0,1%.

Mercoledì, l’S&P 500 è salito dello 0,1%, riuscendo a malapena a estendere la serie di vittorie consecutive dell’indice a otto giorni. Si tratta della serie di vittorie consecutive più lunga da una serie di nove giorni di 19 anni fa. Il Dow è scivolato dello 0,1% e il Nasdaq composito è salito dello 0,1%.

La carenza di nuovi dati economici ha lasciato i mercati per lo più tranquilli questa settimana.

La Cina ha riferito che i suoi prezzi al consumo sono scesi dello 0,2% rispetto all’anno precedente a ottobre, mentre i prezzi alla fabbrica sono diminuiti del 2,6%, suggerendo che la domanda rimane fiacca mentre la seconda economia mondiale fatica a riprendersi dalle perturbazioni economiche della pandemia.

Il calo dei prezzi ha fatto temere che la Cina possa cadere in un periodo di deflazione, o in prezzi cronicamente più bassi, ma alcuni analisti affermano che gran parte della recente debolezza è dovuta al calo del costo della carne di maiale, un alimento base per i cinesi.

“Ciò che la Cina ha in questo momento è un basso tasso di inflazione di fondo, che riflette il fatto che la domanda interna è piuttosto debole”, ha affermato in un rapporto Robert Carnell di ING Economics. “Se si vuole usare un termine qualsiasi, la mia preferenza sarebbe ‘disinflazione’, ma ciò a cui stiamo assistendo oggi è principalmente il risultato di un eccesso di offerta, piuttosto che di un collasso della domanda”, ha affermato.

See also  La polizia di Filadelfia ne arresta dozzine dopo che i negozi sono stati saccheggiati in tutta la città: NPR

L’Hang Seng di Hong Kong ha perso lo 0,3% a 17.511,29 e l’indice Shanghai Composite è salito di meno di 1 punto, a 3.053,28.

A Tokyo, l’indice Nikkei 225 è balzato dell’1,5% a 32.646,46 dopo che il primo ministro Fumio Kishida ha detto ai giornalisti locali di aver deciso di non indire le elezioni prima della fine dell’anno.

Il Kospi della Corea del Sud ha guadagnato lo 0,2% a 2.427,08, mentre in Australia l’indice S&P/ASX 200 ha guadagnato lo 0,3% a 7.014,90. A Bangkok il SET ha perso lo 0,5%.

Il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni era al 4,52% all’inizio di giovedì, in calo rispetto al 4,57% di martedì.

Un rapido aumento del rendimento a 10 anni a partire dall’estate ha trascinato l’indice S&P 500 al ribasso di oltre il 10% rispetto al picco dell’anno. Il rendimento del decennale ha superato brevemente il 5% per raggiungere il livello più alto dal 2007, seguendo il tasso di interesse principale della Federal Reserve, che è superiore al 5,25% e al suo livello più alto dal 2001.

La Fed ha alzato i tassi nella speranza di rallentare l’economia e di colpire i prezzi degli investimenti abbastanza da esercitare una pressione al ribasso sull’inflazione e riportarla al suo obiettivo del 2%.

La settimana scorsa, gli investitori hanno preso commenti del presidente della Fed Jerome Powell per indicare gli aumenti dei tassi di interesse da parte della banca centrale. Un recente forte calo dei prezzi del petrolio ha alleviato alcune pressioni inflazionistiche, aumentando la probabilità che la Fed mantenga i tassi stabili invece di aumentarli ulteriormente.

Il prezzo del barile di petrolio greggio statunitense è sceso da oltre 90 dollari ai livelli di luglio, ed è sceso di altri 2,04 dollari per attestarsi a 75,33 dollari mercoledì. Il greggio Brent, lo standard internazionale, è sceso di 2,07 dollari a 79,54 dollari.

See also  Gavin Newsom martellato per aver sfoggiato un veicolo elettrico cinese da 160.000 dollari durante il viaggio in Cina: "Schiaffo in faccia"

Il greggio di riferimento statunitense è aumentato di 76 centesimi a 76,09 dollari al barile giovedì nel commercio elettronico sul New York Mercantile Exchange. Il greggio Brent, lo standard internazionale, è aumentato di 84 centesimi a 80,38 dollari al barile.

IL l’ultima guerra tra Israele e Hamas ha sollevato preoccupazioni circa potenziali interruzioni delle forniture, causando un’oscillazione dei prezzi. Ma ora l’attenzione si concentra sulla domanda vacillante, dato il rallentamento della crescita in molte economie, in particolare in Cina.

Nelle transazioni valutarie, il dollaro americano è salito a 151,04 yen giapponesi da 150,98 yen. L’euro si è indebolito a $ 1,0695 da $ 1,0711.

Leave a Comment