La Francia è tornata sulla buona strada per diventare il primo produttore di vino al mondo, davanti all’Italia

A causa del calo della produzione di vino italiano, la Francia è destinata a diventare il primo produttore mondiale nel 2023.

ANNUNCIO

Le prime stime dicono che la Francia dovrebbe riconquistare il primo posto nel podio mondiale della produzione vinicola, superando l’Italia che, secondo gli esperti, ha avuto una vendemmia minore lo scorso anno.

Quest’anno la produzione di vino francese “dovrebbe ammontare a 46 milioni di ettolitri, un livello paragonabile a quello del 2022 e superiore del 3% alla media 2018-2022”, si legge nel rapporto. Dipartimento di statistica del Ministero francese dell’AgricolturaAgreste, ha detto venerdì, sulla base delle stime elaborate il 1° ottobre.

Intanto la produzione italiana dovrebbe scendere a circa 43 milioni di ettolitri, contro i 50 milioni dell’anno precedente, si legge in un comunicato diffuso da Coldiretti, la principale organizzazione agricola italianail 2 ottobre.

“È un evento significativo perché è un simbolo”, ha detto all’AFP Jean-Marie Cardebat, specialista in economia del vino all’Università di Bordeaux.

Vigneti italiani colpiti dalla peronospora

Dal 2007, ad eccezione del 2011 e del 2014, l’Italia resta il primo produttore mondiale di vino, secondo i dati dell’Agenzia Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino (OIV).

“Ma si tratta di un fatto puramente stagionale”, ha aggiunto Cardebat, spiegando che quest’anno i vigneti italiani sono stati particolarmente colpiti dalla peronospora.

La Coldiretti ha fatto riferimento ad una “stagione complessa dal punto di vista meteorologico che, tra maltempo e ondate di caldo, ha ridotto la produzione nazionale stimata di circa il 14%, con perdite fino al 50% al Centro Sud”.

C’era però ancora speranza all’inizio del mese grazie al clima “mite e asciutto”, favorevole alla qualità del raccolto, “grazie all’assenza di umidità e all’ampia escursione termica tra il giorno e la notte”.

See also  Tic-tac per TikTok? Divieto di vendite e-commerce sui social media in Indonesia

Per quanto riguarda la Francia, “la situazione nei vari vigneti è mista”, ha detto Agreste.

La produzione “è in calo a Bordeaux e nel sud-ovest a causa della muffa e dell’ondata di caldo, e in Linguadoca e Rossiglione a causa della siccità”, nota l’organizzazione.

“Altrove la situazione è favorevole, in particolare nella regione delle Charentes.”

Anche se la domanda mondiale di vino ha “temporaneamente rallentato, soprattutto da parte della Cina”, il calo della produzione italiana “è una buona notizia”, ​​poiché dovrebbe allentare la pressione sui prezzi, ha affermato Jean-Marie Cardebat.

Diversi fattori scuotono il mercato

Il mercato del vino è stato scosso negli ultimi anni a causa dei cambiamenti climatici ma anche a causa dell’accumulo di scorte durante la pandemia e dell’inflazione.

Secondo i dati dell’Ue, quest’anno in tutto il blocco è stato osservato un calo del consumo di vino del 7%, mentre in Francia è stato del 15%.

Nel complesso, l’export di vino dell’Ue per i primi mesi del 2023 è stato dell’8,5% rispetto all’anno precedente.

Nel giugno di quest’anno, la Commissione Europea ha adottato un serie di misure a sostegno dei produttori di vino dell’UE.

Il programma di sostegno prevede misure per distillare il vino al fine di ritirarlo dal mercato. Ogni anno viene dedicato al settore circa 1 miliardo di euro.

I produttori di vino stanno anche cercando di adattarsi ai cambiamenti che il settore deve affrontare, in particolare quelli legati al cambiamento climatico.

ANNUNCIO

Nella regione francese del Beaujolais, l’Istituto francese del vino e della vite sta sperimentando entrambe le soluzioni tecniche per proteggere la vite e i vitigni più compatibili con le nuove condizioni climatiche.

See also  Il Picture Show: NPR

Leave a Comment