Le forze israeliane si spingono più in profondità all’interno di Gaza e prendono di mira la Cisgiordania

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Le forze di terra israeliane si sono spinte più in profondità nella Striscia di Gaza, hanno bombardato obiettivi in ​​Siria e hanno effettuato un raid nella Cisgiordania occupata, mentre la guerra del paese con Hamas minacciava di intensificarsi su più fronti.

Lunedì l’esercito israeliano ha dichiarato di aver ucciso dozzine di militanti di Hamas nei combattimenti a Gaza e che ulteriori “fanteria, mezzi corazzati, ingegneri e artiglieria” erano entrati nell’enclave costiera palestinese mentre gli abitanti di Gaza affermavano che alcune forze israeliane avevano raggiunto la periferia di Gaza. Città.

Daniel Hagari, portavoce delle forze di difesa israeliane, ha detto che Israele sta intensificando le sue attività a Gaza. Ma ha rifiutato di fornire dettagli sulla posizione delle truppe israeliane dopo che un filmato è stato pubblicato online e mostrava un carro armato e un bulldozer israeliani alla periferia di Gaza City, su Salah al-Deen Road.

La strada è il principale asse interno nord-sud della Striscia di Gaza.

Bashar, un cameraman freelance che viaggiava con la persona che ha filmato il video, ha detto che il carro armato aveva bombardato un’auto privata davanti a loro.

“L’autista è stato sorpreso dalla presenza di un bulldozer israeliano e di un carro armato”, ha detto Bashar. “Ha provato a tornare indietro ma è stato bombardato. C’era anche un piccolo autobus. Abbiamo suonato il clacson e urlato affinché tornasse indietro, ma non ci ha sentito e purtroppo è stato anche colpito”.

Nella notte l’aeronautica israeliana ha bombardato le “infrastrutture militari” in Siria dopo che i razzi erano stati lanciati dal paese, e uno dei suoi jet ha preso di mira i militanti nella città di Jenin, nel nord della Cisgiordania. Funzionari del ministero della Sanità palestinese hanno affermato che quattro palestinesi sono stati uccisi nei combattimenti.

Stai vedendo un’istantanea di un grafico interattivo. Ciò è molto probabilmente dovuto al fatto che sei offline o che JavaScript è disabilitato nel tuo browser.

Nel frattempo, la polizia ha affermato di aver “neutralizzato” un uomo a Gerusalemme dopo aver accoltellato un agente di polizia nella parte orientale della città.

Hamas ha anche diffuso un video di tre degli oltre 230 ostaggi che tiene a Gaza, in quello che il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha descritto come un atto di “brutale propaganda psicologica”.

Nel video, una donna identificata come Danielle Aloni, una 44enne della città di Yavneh, ha detto che Netanyahu dovrebbe rilasciare i prigionieri palestinesi in modo che lei e gli altri prigionieri possano tornare a casa.

Il primo ministro israeliano ha poi affermato che Israele “sta facendo di tutto per restituire gli ostaggi e i dispersi a casa”.

I diplomatici stanno cercando di evitare che le ostilità tra Israele e Hamas si estendano in un conflitto regionale più ampio, con gli Stati Uniti che dispiegano risorse aggiuntive in Medio Oriente e avvertono l’Iran e i suoi delegati di restare fuori dai combattimenti.

Hagari ha detto che Israele è preparato per una riacutizzazione delle ostilità al confine settentrionale con il Libano, dove le sue forze sono state impegnate in un’intensificazione del fuoco transfrontaliero contro i militanti del gruppo militante Hezbollah sostenuto dall’Iran nelle ultime settimane.

Le forze israeliane hanno colpito obiettivi in ​​Libano domenica e lunedì dopo che i razzi sono stati lanciati nel nord di Israele a una profondità mai raggiunta da quando sono scoppiati i combattimenti tra Hamas e Israele questo mese.

“Le truppe dell’IDF sono schierate e pronte con elevata prontezza e consapevolezza lungo tutto il confine”, ha detto Hagari in un briefing lunedì mattina. “Ogni cellula terroristica che Hezbollah manderà al recinto verrà uccisa. Ogni cellula terroristica che tenterà di sparare sul nostro territorio verrà uccisa”.

Veicolo militare dell'IDF a Gaza

L’IDF ha anche affermato di aver colpito più di 600 obiettivi a Gaza negli ultimi giorni, inclusi depositi di armi, postazioni di lancio di missili anticarro e nascondigli utilizzati dai militanti di Hamas, mentre continuava a sviluppare le sue operazioni di terra nell’enclave costiera.

Israele ha martellato l’enclave impoverita da quando i militanti di Hamas hanno effettuato l’attacco più mortale sul suolo israeliano il 7 ottobre, uccidendo più di 1.400 persone e prendendo ostaggi, secondo i funzionari israeliani, in un assalto che ha scosso lo stato ebraico.

Secondo funzionari palestinesi, il bombardamento israeliano ha ucciso più di 8.000 persone a Gaza e ne ha ferite più di 20.000. Israele ha inoltre fortemente limitato le forniture di elettricità, acqua, carburante e cibo al territorio, spingendo le agenzie umanitarie a mettere in guardia da una crescente catastrofe umanitaria.

In una telefonata con Netanyahu domenica sera, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affermato che è necessario “aumentare immediatamente e in modo significativo il flusso di assistenza umanitaria” ai civili a Gaza, ha affermato la Casa Bianca.

Un portavoce delle Nazioni Unite ha detto che 47 camion carichi di aiuti sono entrati a Gaza domenica, il maggior numero di camion in un solo giorno dal 21 ottobre, portando il totale a 131 da quella data. Tuttavia, le agenzie umanitarie hanno criticato Israele per aver rifiutato di consentire spedizioni più grandi, aggiungendo che la quantità consegnata finora era una frazione dei 500 camion al giorno arrivati ​​prima del 7 ottobre.

In segno di crescente disperazione a Gaza, l’UNRWA, la principale agenzia delle Nazioni Unite che fornisce aiuti nel territorio, ha dichiarato nel fine settimana che migliaia di palestinesi stavano facendo irruzione nei suoi magazzini per sequestrare farina di grano e altri beni di prima necessità.

Il Comitato Internazionale della Croce Rossa ha affermato che migliaia di famiglie a Gaza “dormono in rifugi di fortuna o all’aperto con poco cibo e acqua”. Gli ospedali erano sull’orlo del collasso e gli impianti di depurazione non funzionavano più.

Report aggiuntivo di Guy Chazan a Gerusalemme

See also  Sam Bankman-Fried ha rubato i fondi dei clienti dall'inizio di FTX, ha detto alla giuria il cofondatore dell'exchange

Leave a Comment