Mike Johnson, alleato di Donald Trump, è stato eletto presidente della Camera degli Stati Uniti dopo settimane di stallo

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Mike Johnson, fedele alleato di Donald Trump, è stato eletto presidente della Camera dei rappresentanti, ponendo fine a settimane di paralisi congressuale e segnalando una brusca virata a destra per i repubblicani nella Camera bassa.

In totale, mercoledì pomeriggio tutti i 220 repubblicani alla Camera hanno votato per Johnson. Nessun democratico ha sostenuto la sua offerta.

È stata una dimostrazione di unità per un partito repubblicano che per più di tre settimane aveva lottato per unirsi dietro un candidato dopo che Kevin McCarthy era stato estromesso per mano di una ribellione guidata dal deputato della Florida Matt Gaetz.

La lunga saga ha messo in luce nette divisioni ideologiche nel partito repubblicano e ha sollevato nuovi interrogativi sull’influenza di Trump a Washington.

L’impasse aveva impedito ai legislatori di adottare una legislazione cruciale, inclusa una proposta della Casa Bianca per miliardi di dollari in aiuti aggiuntivi a Israele e Ucraina.

Pochi minuti dopo aver prestato giuramento, Johnson ha promesso che la Camera avrebbe votato una risoluzione che esprimesse il sostegno dei legislatori a Israele.

“Siamo in un momento di crisi straordinaria in questo momento e il mondo ha bisogno che siamo forti”, ha affermato. “Il Paese richiede una forte leadership di questo organismo e non dobbiamo vacillare”.

Tra i primi compiti di Johnson come Presidente ci sarà quello di affrontare l’imminente chiusura del governo. I legislatori hanno tempo fino a metà novembre per concordare un accordo per continuare a finanziare il governo federale.

È stato il quarto candidato a presidente repubblicano da quando McCarthy è stato rimosso. Il leader della maggioranza alla Camera Steve Scalise, il presidente della commissione Giustizia della Camera Jim Jordan e il capogruppo della maggioranza alla Camera Tom Emmer non sono riusciti a raccogliere abbastanza sostegno dal proprio partito per impadronirsi del martelletto del Presidente.

See also  La Cina rimuove il ministro della Difesa due mesi dopo la scomparsa

Johnson, un rappresentante evangelico conservatore della Louisiana, era stato ottimista riguardo alle sue possibilità martedì scorso, parlando ai giornalisti a Capitol Hill dopo essere stato selezionato come ultimo candidato del partito con uno scrutinio segreto in una riunione a porte chiuse.

“La democrazia a volte è complicata, ma è il nostro sistema. Questa conferenza che vedete, questa maggioranza repubblicana della Camera, è unita”, ha detto Johnson. Ha promesso di “servire il popolo di questo Paese” e di “ripristinare la loro fiducia in questo Congresso, in questa istituzione di governo”.

Johnson, 51 anni, è stato fino ad ora un membro del Congresso di basso profilo rispetto a Scalise, Jordan o Emmer.

Cristiano evangelico, Johnson è un conservatore sociale intransigente, che si oppone all’accesso all’aborto in quasi tutti i casi, così come al matrimonio tra persone dello stesso sesso. In Louisiana, è stato un sostenitore delle leggi sul “patto” matrimoniale, che rendono più difficile il divorzio delle coppie.

All’inizio di quest’anno, Johnson ha votato contro maggiori aiuti statunitensi all’Ucraina.

È stato anche tra i sostenitori più accesi delle affermazioni di Trump secondo cui le elezioni presidenziali del 2020 sarebbero state truccate contro di lui.

Avvocato di formazione, Johnson ha guidato un gruppo di oltre 100 colleghi repubblicani nella presentazione di un amicus brief alla Corte Suprema degli Stati Uniti a sostegno di una causa in Texas che ha cercato di ribaltare i risultati delle elezioni del 2020 in quattro stati indecisi: Georgia, Michigan, Pennsylvania e Wisconsin. Nelle ore successive all’attacco del 6 gennaio 2021 al Campidoglio degli Stati Uniti, Johnson ha votato contro la certificazione della vittoria del collegio elettorale di Joe Biden.

See also  Il leader del partito della coalizione giapponese cerca di visitare la Cina entro la fine dell’anno

Martedì Johnson ha rifiutato di rispondere alla domanda di un giornalista sulla sua posizione sulle elezioni del 2020, dicendo semplicemente “prossima domanda”, mentre Virginia Foxx, una deputata repubblicana della Carolina del Nord, ha detto al giornalista di “stare zitto”.

Interrogato su Johnson in una conferenza stampa alla Casa Bianca mercoledì pomeriggio, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha detto di non essere preoccupato per eventuali sfide ai risultati delle prossime elezioni presidenziali del 2024, dicendo: “Capisco la Costituzione”.

Johnson è diventato il candidato del partito martedì sera, poche ore dopo che Trump aveva silurato la candidatura di Emmer in un post violento sui social media, definendo il deputato del Minnesota un “Rino globalista”, o repubblicano solo di nome.

Trump ha rivendicato il merito di aver contribuito a far eleggere Johnson. Parlando ai giornalisti in un tribunale di New York dove sta affrontando un processo per frode civile, l’ex presidente ha detto che Johnson sarebbe un “grande presidente della Camera”.

“Lo conosco da molto tempo. È un leader eccezionale”, ha aggiunto Trump. “Ci renderà tutti orgogliosi.”

Leave a Comment