Netflix aumenta nuovamente i prezzi nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in Francia dopo che il giro di vite sulle password ha attirato più abbonati

8,8 milioni di persone in tutto il mondo si sono unite al colosso dello streaming tra luglio e settembre, rivelano gli ultimi numeri.

ANNUNCIO

Mercoledì Netflix ha rivelato guadagni di abbonati durante l’estate che hanno superato le proiezioni degli analisti del settore, segnalando che il divieto del servizio di streaming video sulla condivisione delle password sta convertendo gli ex scrocconi in clienti paganti.

Nel tentativo di ottenere entrate ancora maggiori, il colosso dello streaming ha anche annunciato che aumenterà i prezzi di due dei suoi piani di abbonamento nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in Francia.

Per il servizio più costoso di Netflix, il prezzo salirà a £ 17,99 (€ 20,65) al mese nel Regno Unito e a $ 23 (€ 21,82) negli Stati Uniti. La sua opzione di streaming a prezzo più basso senza pubblicità costerà ora £ 7,99 nel Regno Unito e $ 12 negli Stati Uniti.

I prezzi mensili per i piani con pubblicità e standard rimarranno invariati nei tre paesi.

La società ha aggiunto quasi 8,8 milioni di abbonati in tutto il mondo tra luglio e settembre, più che triplicando il numero ottenuto nello stesso periodo dell’anno scorso.

L’aumento ha portato Netflix a circa 247 milioni di utenti in tutto il mondo, ben al di sopra dei 243,8 milioni previsti dagli esperti intervistati dalla società statunitense di dati aziendali FactSet Research.

La performance finanziaria di Netflix ha inoltre superato le previsioni degli analisti che modellano le aspettative degli investitori. Nel terzo trimestre dell’anno, la società ha guadagnato 3,73 dollari per azione, un aumento del 20% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. I ricavi sono saliti dell’8% a 8,54 miliardi di dollari.

See also  Molti in Niger soffrono a causa delle sanzioni legate al colpo di stato. I sostenitori della giunta lo definiscono un degno sacrificio

Il prezzo delle azioni è salito di oltre il 12% nell’extended trading dopo che gli ultimi numeri sono stati pubblicati mercoledì.

Le azioni di Netflix sono aumentate di circa il 30% quest’anno, tra prove crescenti che il suo servizio di streaming video sta andando meglio della maggior parte in un campo affollato di concorrenti che mettono alla prova i limiti finanziari di molte famiglie.

L’azienda ha raccolto più di 16 milioni di abbonati dall’inizio dell’anno, avendo già eclissato gli 8,9 milioni di utenti aggiunti lo scorso anno.

Tuttavia, si tratta ancora di una frazione degli oltre 36 milioni di abbonati aggiuntivi che Netflix ha attirato nel 2020, quando la pandemia si è trasformata in una miniera d’oro per il servizio.

In Franciai piani base e premium sono aumentati rispettivamente a 10,99 € e 19,99 €.

Si prevede che il piano supportato da pubblicità cresca

L’aumento degli abbonati di quest’anno si è verificato nonostante il conflitto dei lavoratori dell’intrattenimento a Hollywood, in parte incentrato sulle lamentele di scrittori e attori per i pagamenti ingiustamente bassi distribuiti dai servizi di streaming video come Netflix.

L’azienda californiana è riuscita a resistere allo sciopero degli scrittori recentemente concluso e allo sciopero degli attori in corso, attingendo ad un arretrato di serie TV e film già finiti negli Stati Uniti, nonché a produzioni realizzate sui mercati internazionali non toccati dalle controversie sindacali americane .

In una lettera agli azionisti, Netflix ha affermato che circa il 30% dei suoi abbonati in arrivo stanno optando per il piano con spot pubblicitari – quello più economico – che probabilmente attirerà maggiori spese da parte degli inserzionisti.

See also  Mercato azionario oggi: Wall Street punta al rialzo con la speranza che gli aumenti dei tassi della Fed appartengano al passato

Sembra inoltre probabile che i prezzi più alti per il servizio premium di Netflix dirottino più utenti verso l’opzione supportata da pubblicità.

“L’era della ‘streamflation’ è alle porte. I consumatori dovrebbero aspettarsi di essere colpiti dagli aumenti dei prezzi e limiti di condivisione della passworde di essere attratti dalle opzioni supportate dalla pubblicità”, ha affermato Scott Purdy, leader dei media statunitensi per KPMG.

Leave a Comment