Si prevede che nel 2023 il mercato immobiliare registrerà il minor numero di vendite dal 2008 con l’aumento dei tassi ipotecari

Il progetto degli economisti prevede che il 2023 segnerà l’anno più lento nelle vendite di case dallo scoppio della bolla immobiliare nel 2008.

Redfin stima che ci saranno solo circa 4,1 milioni di vendite di case esistenti in tutta la nazione entro la fine dell’anno a causa dei tassi ipotecari persistentemente elevati – ora oscillanti al 7,63% – e del basso inventario che spaventa gli acquirenti.

Proprio il mese scorso, secondo i dati dell’Associazione Nazionale degli Agenti Immobiliari, le vendite sono diminuite del 15,4% rispetto all’anno precedente. Le vendite sono diminuite in tutte le regioni, ad eccezione del Nordest, nel mese di settembre, come mostrano i dati.

Con i tassi ai livelli più alti degli ultimi due decenni, un numero crescente di acquirenti resta in disparte e si chiede se il 2023 sia il momento giusto per muoversi.

I TASSI MUTUI AUMENTANO NUOVAMENTE NEL PEGGIORAMENTO DELLA CRISI DELL’AFFIDABILITÀ DELLA CASA

Segno del bene immobile

Un’immagine di un’insegna immobiliare, 15 ottobre 2023. (Andrew Francis Wallace/Toronto Star tramite Getty Images/Getty Images)

I dati diffusi mercoledì dalla Mortgage Bankers Association hanno mostrato che le richieste di mutui sono scese al livello più basso dal 1995.

“I tassi ipotecari rimangono alti più a lungo del previsto, tenendo lontani tutti tranne coloro che hanno bisogno di trasferirsi e spingendo la nostra proiezione di vendite per l’anno al minimo degli ultimi 15 anni”, ha affermato Chen Zhao, responsabile della ricerca economica di Redfin.

See also  I lavoratori della UAW e la Mack Trucks di proprietà della Volvo raggiungono un accordo 'provvisorio' per evitare lo sciopero

LA DOMANDA DI MUTUI CROLLA AL NUOVO MINIMO DI TRE DECENNI MENTRE I TASSI CORRONO VERSO L’8%

Secondo Zhao, l’ultima volta che le vendite sono state così basse è stato durante la Grande Recessione, quando le difficili condizioni economiche e la domanda debole hanno fatto scendere i prezzi delle case fino al 30% su base annua in alcune parti del paese.

Secondo Norada Real Estate Investments, nel 2008, il mercato immobiliare è crollato a causa di una combinazione di crisi dei mutui subprime, alti livelli di debito e mancanza di regolamentazione finanziaria. Ha portato a una grave recessione economica che ha colpito milioni di americani, molti dei quali si sono ritrovati in case che valevano meno del loro mutuo.

In vendita il segno

Un cartello “in vendita” davanti a una casa in vendita a San Marino, California, 6 settembre 2023. (Frederic Brown/AFP tramite Getty Images/Getty Images)

Tuttavia, dato che i prezzi delle case sono crollati, si sono aperte opportunità per i principianti di acquistare case iniziali.

Oggi non è così, ha detto Redfin. Con tassi così elevati, un numero maggiore di acquirenti di case resta fermo, il che ha ulteriormente esacerbato i problemi di inventario.

Anche l’indice della domanda degli acquirenti di case di Redfin, che misura gli indicatori della domanda nella fase iniziale come i tour, è sceso al livello più basso dell’anno.

OTTIENI FOX BUSINESS IN MOVIMENTO CLICCANDO QUI

Durante le quattro settimane terminate il 15 ottobre, c’era quasi il 14% in meno di case sul mercato poiché i proprietari di case hanno mantenuto tassi di finanziamento più bassi.

C’è stata una piccola tregua poiché le nuove quotazioni sono aumentate leggermente questo autunno. Tuttavia, gli acquirenti potrebbero trarre vantaggio dall’esame di nuove costruzioni.

Secondo Redfin, le vendite di case di nuova costruzione reggono meglio di quelle di case esistenti, in parte perché i costruttori “non sono vincolati da tassi bassi e sono spesso più motivati ​​dei proprietari di case a concludere un affare”.

Secondo i dati dell’agenzia di intermediazione, le vendite di case di nuova costruzione negli Stati Uniti sono aumentate dell’1,5% su base annua il mese scorso, mentre i prezzi sono scesi di circa il 4%.

Leave a Comment