Polizze sulla vita di credito: Nuova storia di copertina: probabile limite massimo delle commissioni del 30% nelle polizze sulla vita di credito

Mumbai: Le compagnie di assicurazione sulla vita sono vicine ad un accordo per imporre un tetto del 30% sulle commissioni pagate alle agenzie aziendali, comprese banche e società finanziarie non bancarie, per le polizze di credito sulla vita, hanno detto persone a conoscenza della questione.

Ciò avviene mentre l’industria riorienta le pratiche di marketing in seguito alla decisione del regolatore di eliminare i limiti a livello di prodotto e di optare per quelli a livello aziendale sulla scia degli assicuratori che devono affrontare accuse di evasione della GST.

La questione è stata discussa nelle riunioni del Consiglio delle assicurazioni sulla vita negli ultimi mesi, hanno detto due persone a conoscenza della notizia. Sebbene il Consiglio non abbia ancora inviato una lettera formale, i colloqui sono in fase avanzata per mettere in atto l’autoregolamentazione, hanno affermato.

In alcune partnership tra assicuratori e banche o società finanziarie immobiliari, dove un prestito immobiliare di ₹ 1 crore corrisponde a una somma di polizza assicurata dello stesso importo, il premio è aumentato fino al 35% dal 5% fino a marzo.

L’assicurazione sulla vita di credito è un tipo di assicurazione sulla vita progettata per aiutare nel rimborso del prestito se la persona assicurata muore prima che il prestito sia completamente rimborsato. Sebbene questa politica sia facoltativa, se scelta, il suo costo viene aggiunto all’importo principale del prestito.

“Ora sono in corso discussioni per limitare la commissione al 30% per evitare un onere eccessivo sui mutuatari”, ha detto un dirigente di assicurazioni sulla vita, che ha voluto restare anonimo. A marzo, l’autorità di regolamentazione delle assicurazioni aveva annunciato l’IRDAI (Payment of Commission ) Regolamenti che si allontanavano dalla tradizionale struttura delle commissioni specifiche per prodotto e imponevano un tetto massimo alle spese all’interno delle compagnie di assicurazione e chiedevano alle compagnie di assicurazione di gestire le operazioni entro un limite di spesa complessivo del 30%. Sebbene agli assicuratori fosse consentito pagare il 5% sulle commissioni fino a marzo, spesso ricorrevano al pagamento di ingenti commissioni aggiuntive del 30-35% o anche superiori per guadagnare quote di mercato.

2

“L’autorità di regolamentazione, nel pubblicare le linee guida, ha parlato di tutela degli interessi dei consumatori sulle polizze assicurative e sulle commissioni associate. Quindi, mentre l’autorità di regolamentazione si è allontanata dall’approccio basato su regole per adottare un approccio basato sul capitale, potrebbe non intervenire ma aspettarsi che l’industria si imponga da sola. -disciplina”, ha dichiarato in anonimato il direttore generale di una compagnia assicurativa di medie dimensioni. Il cambiamento nella struttura delle commissioni è seguito all’esame accurato delle autorità GST, che hanno emesso avvisi di causa a diverse compagnie assicurative dopo aver scoperto che gli assicuratori pagavano commissioni imperative agli agenti attraverso i venditori, con il pretesto di costi di marketing, pubblicità e fornitura di manodopera, senza alcuna servizi resi, evadendo così le tasse.

See also  Staley è stato bandito dall'autorità di regolamentazione del Regno Unito e multato di 1,8 milioni di sterline per i legami con Epstein

Molte compagnie assicurative sono finite sotto esame per il pagamento di commissioni imperative a banche e intermediari, oltre alle commissioni ordinarie. Questa pratica ha sollevato preoccupazioni circa il potenziale sfruttamento e l’aumento delle spese di gestione nel settore assicurativo. L’indagine ha rivelato che le compagnie di assicurazione coprivano i costi dei dipendenti delle banche attraverso intermediari, che non erano rappresentati in modo trasparente nei loro registri finanziari, con conseguente mancata divulgazione e potenziali violazioni delle leggi fiscali.

Leave a Comment