Quest’anno Raiffeisen ha realizzato quasi la metà del suo utile dalla Russia

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Quest’anno la Raiffeisen Bank ha generato quasi la metà dei suoi profitti dalle sue operazioni in Russia, nonostante i tentativi dell’istituto di credito austriaco di ridurre le sue attività nel paese.

Raiffeisen ha dichiarato venerdì di aver ridotto i suoi prestiti in Russia del 30% da gennaio, in risposta alle crescenti critiche secondo cui la banca – il più grande prestatore occidentale ancora operante sotto il regime di Vladimir Putin – sta ritardando. Il calo fa seguito alla riduzione del 30% dei prestiti di Raiffeisen in Russia nel 2022.

Oltre a ridurre il portafoglio prestiti russo – che ora ammonta a 6,3 miliardi di euro – Raiffeisen ha ridimensionato le attività di pagamento e interrotto i rapporti con le banche locali.

“Continuiamo a lavorare sulle opzioni che portano al deconsolidamento. Dipendiamo da numerose approvazioni normative da parte delle autorità russe ed europee e possiamo quindi influenzare il ritmo solo in misura molto limitata”, ha affermato venerdì l’amministratore delegato Johann Strobl.

Negli ultimi nove mesi, le attività russe di Raiffeisen hanno riportato un utile al netto delle imposte di poco più di 1 miliardo di euro, come ha reso noto venerdì la società negli utili del terzo trimestre. Il gruppo – uno dei maggiori istituti di credito dell’Europa centrale e orientale e dei Balcani – ha registrato un profitto complessivo di 2,1 miliardi di euro.

La banca, tuttavia, non è in grado di rimpatriare i suoi eccezionali guadagni in Russia, a causa dei controlli sui capitali imposti dal Cremlino.

See also  Regola di ridimensionamento n. 2: se la tua banca sta tagliando posti di lavoro, pensa prima di pubblicare

Raiffeisen sta ancora esplorando la possibilità di un’uscita strategica dalla Russia. La banca stava precedentemente negoziando con due istituzioni del paese, ha detto un alto dirigente al Financial Times.

Questi colloqui, tuttavia, sono in fase di stallo. Anche altre opzioni più creative – inclusa una proposta di scambio di asset che la banca stava esplorando all’inizio di quest’anno – sono fallite.

Nel frattempo, negli ultimi mesi il governo russo ha aumentato le restrizioni sulle imprese occidentali, complicando l’uscita dal Paese. I profitti per decine di miliardi di dollari delle aziende occidentali sono ancora abbandonati in Russia.

Secondo la Kyiv School of Economics, tra i 18 e i 20 miliardi di dollari dei profitti delle aziende con sede in paesi “ostili” – che devono affrontare le restrizioni del Cremlino – sono bloccati.

Raiffeisen vanta una lunga e proficua storia di attività in Russia e in passato ha dovuto affrontare diverse crisi politiche ed economiche.

Nel 2022 Raiffeisen ha registrato un utile del gruppo di 3,6 miliardi di euro, rispetto a 1,4 miliardi di euro nel 2021. Di questi, 2,2 miliardi di euro, oltre il 60%, sono attribuibili ad aziende in Russia e Bielorussia.

L’aumento degli utili lo scorso anno e quest’anno è stato trainato soprattutto da altre aziende occidentali che in Russia si sono rivolte a Raiffeisen.

A febbraio il Tesoro americano ha annunciato che avrebbe indagato Raiffeisen sulle sue attività in Russia. Non vi è alcuna traccia di illeciti e Raiffeisen ha dichiarato di collaborare pienamente all’inchiesta, che i suoi dirigenti hanno descritto come un controllo di conformità senza alcun obiettivo specifico.

See also  Notizie sul mercato azionario e azionario, Notizie sull'economia e la finanza, Sensex, Nifty, Mercato globale, NSE, BSE Notizie sull'IPO in tempo reale

Leave a Comment