Riepilogo del giorno di prova 14

L’ex CEO e fondatore di FTX Bankman-Friend prende la parola oggi, incolpando Caroline Ellison per la cattiva gestione di Alameda e ammettendo donazioni politiche dai fondi dei clienti.

Mentre lo storico processo contro FTX continua, Sam Bankman-Fried, accusato colpevole e imputato, ha finalmente preso posizione oggi nel distretto meridionale di New York. Non sorprende che Bankman-Fried abbia criticato la sua ex fidanzata e CEO di Alameda Caroline Ellison per la cattiva gestione dei prestiti e del credito. Ha ammesso che alcuni errori erano dovuti a lui, ma ha anche negato diverse affermazioni avanzate dai suoi ex colleghi durante il processo.

Ecco i punti salienti della testimonianza di Bankman-Fried:

Testimonianza di Sam Bankman-Fried

  • Bankman-Fried nega di aver frodato qualcuno.
  • Inizialmente ha preso in prestito da Genesis, Celsius, BlockFi e Voyegar per Alameda.
  • Il nome interno di Alameda era “Wireless Mouse”, Bankman-Fried nega che qualcuno la chiami “Sam’s Crypto Trading Firm”, come precedentemente affermato dai suoi colleghi nel processo.
  • Bankman-Fried riceveva uno stipendio annuo di $ 200.000 da Alameda.
  • Ha spiegato che lo spostamento di FTX e Alameda a Hong Kong e poi alle Bahamas è stato finalizzato a un contesto normativo più flessibile rispetto agli Stati Uniti
  • Le strategie di marketing aggressive per FTX sono state finanziate da prestiti di Alameda, la maggior parte dei quali proveniva dai saldi dei clienti FTX.
  • Ha sottolineato che Alameda era esclusivamente un market maker su FTX e aveva un’enorme linea di credito che nel tempo è cresciuta fino a raggiungere miliardi.
  • Bankman-Fried ha affermato che Caroline Ellison era una buona manager, ma non si concentrava sulla gestione del rischio.
  • Ha affermato di ignorare il codice “Allow Negative”, scritto dal co-fondatore di FTX Gary Wang, che fungeva da cuscino di liquidazione di Alameda.
  • Ha ammesso che le donazioni politiche sono state fatte per influenzare le normative crittografiche e che i prestiti di Alameda hanno finanziato queste donazioni.
  • Bankman-Fried ha affermato che si è verificato un calo significativo della liquidità di Alameda da 40 miliardi di dollari a 10 miliardi di dollari entro giugno 2022 e ha riconosciuto le preoccupazioni interne sulla solvibilità dell’azienda.
See also  Superdry del Regno Unito venderà beni di proprietà intellettuale dell'Asia meridionale a Reliance per 48 milioni di dollari
  • Ha nuovamente incolpato Ellison, dicendo che Alameda non ha coperto le sue scommesse nonostante la sua raccomandazione per una rete di sicurezza da 2 miliardi di dollari.
  • Ha preso in considerazione l’idea di chiudere Alameda nel 2022, citando “non esisteva una gestione giusta”.
  • Bankman-Fried ha definito Nishad Singh “nervoso e incerto”.

La testimonianza continuerà il 30 ottobre, con un imminente controinterrogatorio e una controprova da parte dei pubblici ministeri.

Un verdetto dovrebbe essere deciso prima del 3 novembre.

Seguici su Google News

Leave a Comment