Tamirat Tola stabilisce il record della rotta: NPR

Da sinistra, il secondo classificato Albert Korir del Kenya, il primo classificato Tamirat Tola, dell’Etiopia, e il terzo classificato Shura Kitata, anch’egli dell’Etiopia, posano dopo la divisione maschile della Maratona di New York di domenica.

Craig Ruttle/AP


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Craig Ruttle/AP

Da sinistra, il secondo classificato Albert Korir del Kenya, il primo classificato Tamirat Tola, dell’Etiopia, e il terzo classificato Shura Kitata, anch’egli dell’Etiopia, posano dopo la divisione maschile della Maratona di New York di domenica.

Craig Ruttle/AP

Tamirat Tola ha vinto la gara maschile della maratona di New York, battendo il record di tutti i tempi sul percorso.

Il corridore etiope ha concluso domenica la corsa di 22,2 miglia attraverso cinque distretti in 2 ore, 4 minuti e 58 secondi, superando il precedente punteggio di 2:05.06 stabilito da Geoffrey Mutai nel 2011.

“La gente di New York è straordinaria nel darmi sostegno morale ogni chilometro”, ha detto Tola, secondo l’Associated Press. “Non sto pensando a molto. Penso a vincere. Quindi è carino.”

Tola ha vinto la medaglia di bronzo nei 10.000 metri alle Olimpiadi di Rio 2016.

Il keniano Albert Korir, che ha vinto la maratona nel 2021, è arrivato secondo, quasi 2 minuti dietro.

Hellen Obiri del Kenya è balzata davanti alla concorrenza nel tratto finale in salita per vincere il titolo femminile. Si è classificata prima con il tempo di 2:27:23, superando di 6 secondi l’etiope Letesenbet Gidey.

“Il mio primo debutto qui è stato terribile per me, e dico che non voglio tornare qui l’anno prossimo”, ha detto Obiri all’AP. “Dopodiché, ho detto: ‘Wow, sono di nuovo qui.’ Quindi, si sa, a volte si impara dai propri errori.”

See also  Il governatore della California respinge il disegno di legge per fornire assegni di disoccupazione ai lavoratori in sciopero: NPR

Obiri, che ha vinto la maratona di Boston ad aprile, è il primo a vincere entrambe le gare nello stesso anno da quando lo fece la norvegese Ingrid Kristiansen nel 1989, secondo l’agenzia di stampa.

Nonostante il campo impressionante e il clima mite, le speranze di un anno da record per le donne non si sono concretizzate. Il record del percorso di Margaret Okayo di 2:22:31 del 2003 è ancora valido.

Hellen Obiri del Kenya taglia il traguardo per vincere la divisione femminile della maratona di New York domenica a New York.

Craig Ruttle/AP


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Craig Ruttle/AP

Hellen Obiri del Kenya taglia il traguardo per vincere la divisione femminile della maratona di New York domenica a New York.

Craig Ruttle/AP

Le americane Kellyn Taylor e Molly Huddle si sono alternate davanti al gruppo di testa di 11 corridori donne per gran parte della gara, ha osservato l’AP, prima che le due finissero rispettivamente all’ottavo e al nono posto.

“Durante le prime 20 miglia, pensavo a cosa diavolo stesse succedendo”, ha detto Taylor all’AP. “È stato davvero strano, una delle gare più strane che abbia mai corso con un talento del calibro sul campo. Si parlava di battere il record del percorso e di fare tutte le cose; dopo un po’ era come se non sarebbe successo. Noi “Corro a un ritmo di sei minuti senza una buona ragione. A volte è così che si svolgono le gare. Puoi saltare a bordo e farlo o fare le tue cose. Oggi ho semplicemente deciso di saltare a bordo e provare a resistere. “

See also  Nuovo chef in città: White Castle porta qui i robot per cucinare nei fast food

Leave a Comment