Criptovalute sotto rinnovata attenzione dopo gli attacchi di Hamas

La lunga ricerca di legittimità e adozione da parte del settore delle criptovalute ha incontrato un altro grosso ostacolo questo mese, poiché i politici e le autorità statunitensi hanno intensificato la loro attenzione sui presunti collegamenti con il finanziamento del terrorismo.

Cause legali di alto profilo, incluso il processo penale contro Sam Bankman-Fried, fondatore della fallita piattaforma crittografica FTX, hanno già gettato una dura luce su come il settore protegge gli investitori al dettaglio.

La scorsa settimana 105 senatori di entrambi i principali partiti politici statunitensi hanno firmato una lettera in cui invitano l’amministrazione Biden a dettagliare le misure che sta adottando per affrontare l’uso della criptovaluta da parte delle organizzazioni militanti, in seguito all’attacco di Hamas contro Israele all’inizio di questo mese.

Pochi giorni dopo, il Tesoro degli Stati Uniti ha dichiarato che avrebbe combattuto “il grave riciclaggio di denaro e il rischio per la sicurezza nazionale” imponendo maggiore trasparenza sulle operazioni opache che passano attraverso i cosiddetti servizi di crypto-mixing. I mixer oscurano le tracce della proprietà e dei pagamenti delle criptovalute.

“Le criptovalute sono sotto un massiccio attacco da parte del governo”, ha affermato John Reed Stark, ex capo dell’ufficio di controllo di Internet della Securities and Exchange Commission.

“Il denaro del capitale di rischio è andato avanti e le persone stanno cominciando a capire e rendersi conto che l’unico caso di utilizzo comprovato delle criptovalute è il finanziamento di una serie devastante di crimini e terrorismo”, ha affermato.

I regolatori e i politici avvertono da anni che i gruppi vietati potrebbero utilizzare criptovalute e scambi per raccogliere e trasferire fondi. Nel 2020 la Financial Action Task Force, un organo di controllo globale sulla criminalità finanziaria, ha identificato segnali di allarme che potrebbero indicare l’uso di risorse digitali nel finanziamento del terrorismo.

Gli sforzi del governo sono stati talvolta frammentari.

See also  L'India impone un prezzo minimo all'esportazione di 800 dollari per tonnellata per la cipolla

A marzo la Commodity Futures Trading Commission, l’ente regolatore statunitense dei derivati, e presunti dirigenti di Binance, il più grande exchange di criptovalute al mondo, avevano ricevuto informazioni “riguardanti le transazioni di Hamas” nel 2019. Binance ha affermato che si batterà contro la causa CFTC.

L’attacco di Hamas contro Israele il 7 ottobre ha dato maggiore urgenza agli sforzi volti a tagliare questi canali.

Nella settimana successiva all’attacco Israele ha chiuso più di 100 conti su Binance e ha richiesto informazioni su un massimo di 200 conti aggiuntivi, la maggior parte dei quali sono su Binance. Dopo l’attacco le autorità israeliane hanno identificato più di 150 iniziative di donazione di criptovalute affiliate ad Hamas e ad altri gruppi.

Binance ha confermato di aver “bloccato” un “piccolo numero” di conti dall’estate e ha aggiunto che “segue le norme sulle sanzioni riconosciute a livello internazionale”. Ha rifiutato di fornire ulteriori commenti.

“La comunità internazionale dovrebbe trovare un modo per controllare questa minaccia in modo più efficace perché è in crescita”, ha affermato Yair Samban, direttore della società di software Pegasystems che in precedenza ha prestato servizio nelle forze di difesa israeliane.

Il Tesoro degli Stati Uniti ha affermato questa settimana che “Hamas spesso fa affidamento su donazioni di piccoli dollari, anche attraverso l’uso di valuta virtuale” per la raccolta fondi.

Tuttavia, le stime variano sulla quantità di denaro raccolta attraverso i regali di criptovaluta. I calcoli si basano sul monitoraggio dei movimenti di denaro verso conti sospetti, reso possibile dall’uso di registri pubblici da parte delle criptovalute per registrare le transazioni.

Dopo lo scoppio degli scontri tra Hamas e Israele nel maggio 2021, la società di analisi blockchain Elliptic ha stimato che gli account sospetti di Hamas avevano ricevuto più di 73.000 dollari in bitcoin in pochi giorni. A luglio, Israele ha affermato che gli account identificati come potenzialmente affiliati ad Hamas avevano ricevuto più di 7 milioni di dollari in criptovalute.

See also  Sam Bankman-Fried ha trasformato FTX in una "piramide di inganni", afferma il pubblico ministero

Chainalysis, una società utilizzata dal governo degli Stati Uniti per combattere la criminalità che coinvolge le risorse digitali, ha affermato che tale finanziamento rappresenta “una parte molto piccola della già piccola parte illecita del volume delle transazioni di criptovaluta”.

Ha aggiunto che è probabile che i gruppi militanti continuino a utilizzare metodi tradizionali come le istituzioni finanziarie e le società di comodo come principali veicoli di finanziamento.

Anche così, gli analisti affermano che l’uso delle criptovalute in attività criminali le espone a pressioni politiche.

“Il rischio che l’industria delle criptovalute deve affrontare è che politici influenti e espliciti si spostino con una legislazione che dice: ‘guarda, non solo non puoi fidarti di loro a causa di FTX, ma ora scopriamo che stanno persino finanziando il terrorismo'”, ha affermato Tom Keatinge, fondatore direttore del Center for Financial Crime and Security Studies presso il think tank britannico Rusi.

Ciò potrebbe rendere più difficile per le più grandi società crittografiche, che già combattono un’azione di retroguardia dopo il fallimento di FTX, far sentire la propria voce. Secondo i documenti divulgativi visionati dal FT, Coinbase, la borsa statunitense, ha speso 2 milioni di dollari solo quest’anno facendo pressioni per regole specializzate sulle criptovalute.

“Sarà più difficile far approvare la legislazione negli Stati Uniti, e ora ci sarà un’accoglienza più fredda al Congresso”, ha detto un lobbista che rappresenta i membri del settore cripto a Washington. “Ma l’industria sosterrà che questo è un motivo in più per cui abbiamo bisogno di leggi forti per governare le criptovalute”, ha aggiunto la persona.

Coinbase ha affermato di aver aderito a tutte le sanzioni globali e ha aggiunto che è una “vergogna che alcuni legislatori utilizzino gli eventi mondiali per promuovere un’agenda anti-criptovaluta”.

See also  Le sfide che devono affrontare gli avvocati di Sam Bankman-Fried

“Crediamo che le risorse del governo e delle forze dell’ordine sarebbero meglio spese per affrontare i principali mezzi di finanziamento per questi gruppi: veicoli di finanziamento basati su valute fiat”, ha affermato l’exchange.

Video: punti salienti del summit del FT sulle criptovalute e sugli asset digitali | FT in diretta

Leave a Comment