Tesori antichi rubati trovati al museo australiano, incluso un manufatto probabilmente contrabbandato fuori dall’Italia sotto mucchi di pasta

Gli investigatori d’arte italiani hanno trovato antichi tesori rubati in una delle principali università australiane, incluso un manufatto probabilmente contrabbandato fuori dal paese sotto mucchi di pasta, ha detto l’istituzione.

L’Università Nazionale Australiana (ANU) ha detto venerdì che sta lavorando con la “squadra specializzata in arte” dei Carabinieri militari italiani per restituire i pezzi di inestimabile valore.

vaso.jpg
L’anfora attica con ventre, con due guerrieri in combattimento, un guerriero ucciso tra i loro piedi e un servitore maschile su entrambi i lati.

ANU


Le opere saccheggiate scoperte all’interno del museo dei classici dell’università includevano un’anfora di 2.500 anni raffigurante il campione greco Eracle che combatteva il mitico leone di Nemea. È stato “un oggetto chiave nel Museo dei Classici dell’ANU per quasi 40 anni”, ha affermato l’istituzione.

La polizia italiana ha scoperto una vecchia foto Polaroid del vaso di Eracle mentre indagava su un ladro d’arte senza nome, il che li ha portati a credere che fosse stato saccheggiato illegalmente prima di essere inviato in Australia.

L’università di Canberra ha dichiarato di aver acquistato il vaso in “buona fede” all’asta di Sotheby’s nel 1984, e di essere “orgogliosa” di collaborare con gli investigatori italiani per vederlo restituito alla sua legittima casa.

La curatrice del museo Georgia Pike-Rowney ha descritto il vaso, che risale al 530 a.C., come uno “splendido esempio” di antico artigianato mediterraneo.

“Un vaso con due manici, l’anfora sarebbe stato utilizzato per conservare l’olio d’oliva o il vino”, ha detto.

Lavorando in collaborazione con il museo, i Carabinieri hanno anche identificato un piatto di pesce rosso rubato dalla regione italiana della Puglia che sono stati in grado di risalire a David Holland Swingler, un trafficante d’arte americano e importatore di cibo noto per un modus operandi culinario.

piatto di pesce.jpg
La Dott.ssa Georgia Pike-Rowney con il piatto di pesce pugliese.

Jamie Kidston/ANU


“Durante i viaggi in Italia, Swingler si è procurato il materiale direttamente dai tombaroli – letteralmente ‘ladri di tombe’ che intraprendono scavi illegali”, ha detto Pike-Rowney.

Ha aggiunto che Swingler “ha poi contrabbandato gli articoli negli Stati Uniti nascosti tra pacchi di pasta e altri cibi italiani”.

Spinta a intraprendere una propria verifica, l’Università Nazionale Australiana ha successivamente trovato una testa di marmo romana che apparteneva a una collezione separata di proprietà del Vaticano.

Pike-Rowney ha detto che i Carabinieri hanno ricevuto il permesso di agire per conto del Vaticano per rimpatriare il manufatto.

“Il dibattito sul rimpatrio dei manufatti antichi è diventato importante negli ultimi anni, mentre le istituzioni di tutto il mondo sono alle prese con l’eredità delle pratiche di raccolta storica”, ha affermato Pike-Rowney.

“In quanto università nazionale australiana, l’ANU deve essere in prima linea nelle migliori pratiche nella gestione dei casi di restituzione e rimpatrio”.

Il governo italiano ha accettato di prestare il vaso e il piatto da pesce all’università fino alla loro restituzione in una “data futura”.

La notizia dei tesori rubati è arrivata pochi giorni dopo un famoso detective d’arte ha restituito un dipinto di Vincent van Gogh in un museo olandese più di tre anni dopo il furto.

Anche la settimana scorsa, le autorità degli Stati Uniti sequestrate tre opere d’arte creduto rubato durante l’Olocausto da un collezionista d’arte ebreo.

See also  I dipendenti abbandonano gli happy hour in ufficio per restare a casa dopo il lavoro

Leave a Comment