Travis King, soldato americano che ha attraversato il confine con la Corea del Nord, di nuovo sotto custodia americana

Travis King, il giovane soldato americano che ha attraversato il confine a piedi dalla Corea del Sud alla Corea del Nord a luglio, mercoledì era di nuovo sotto la custodia degli Stati Uniti, ha confermato un funzionario americano. Mercoledì scorso la Corea del Nord aveva annunciato che avrebbe espulso King e aveva affermato che aveva confessato di essere entrato illegalmente nel paese.

King sembrava essere “in buona salute e di buon umore mentre tornava a casa”, ha detto un funzionario americano.

Travis King
Questa foto di famiglia mostra un ritratto del soldato americano Travis King esposto a casa di suo nonno Carl Gates, il 19 luglio, a Kenosha, nel Wisconsin.

Foto di famiglia/AP


La KCNA della Corea del Nord ha rilasciato una dichiarazione all’inizio della giornata in cui afferma: “L’agenzia competente della Repubblica popolare democratica di Corea [North Korea] ha deciso di espellere Travis King, un soldato americano che si è intromesso illegalmente nel territorio della RPDC, in conformità con le leggi della Repubblica.”

Un funzionario americano ha detto che King è stato prima inviato attraverso il confine della Corea del Nord in Cina, dove è stato trasferito sotto la custodia degli Stati Uniti.

King, un soldato semplice di 2a classe dell’esercito americano, è entrato nella Corea del Nord mentre partecipava a una visita guidata del villaggio di confine di Panmunjom, a cui si è unito dopo essere fuggito da un aeroporto di Seoul, Corea del Sud, dove avrebbe dovuto essersi imbarcato su un aereo. volo di ritorno negli Stati Uniti

La Corea del Nord aveva precedentemente affermato che King aveva detto agli investigatori di aver attraversato il confine perché “nutriva rancore contro i maltrattamenti disumani e la discriminazione razziale all’interno dell’esercito americano”.

L’esercito americano all’epoca dichiarò di non poter verificare tali accuse.

Il soldato sarebbe dovuto tornare negli Stati Uniti dopo aver scontato un periodo in una struttura di detenzione della Corea del Sud per aver aggredito due persone e preso a calci un’auto della polizia mentre si trovava nel paese. Dopo essersi separato dalla scorta militare statunitense all’aeroporto, King ha saltato il volo e si è unito al tour civile della città di confine, dove si è imbattuto nella Corea del Nord.


La Corea del Nord conferma che l’americano Travis King è lì, dice che sta fuggendo dal razzismo nell’esercito americano

04:18

In un’intervista il mese scorso con l’Associated Press, la madre di King, Claudine Gates, ha detto che suo figlio aveva “così tante ragioni” per voler tornare a casa.

“Non riesco proprio a vederlo desiderare di restare in Corea quando ha famiglia in America. Ha così tanti motivi per tornare a casa”, ha detto.

Il soldato presta servizio nell’esercito americano dal gennaio 2021 e non era stato schierato in servizio attivo, ma si trovava in Corea del Sud come parte della regolare rotazione della forza coreana del Pentagono.

È probabile che King si sia dimostrato “inadatto a fini di propaganda” per la Corea del Nord, ha detto a CBS News il professor Yang Moo-jin dell’Università di studi nordcoreani di Seul, perché il soldato è entrato nella Corea del Nord come fuggitivo, rendendolo “difficile” per la Corea del Nord. le autorità del paese a occuparsi di lui.

Yang ha anche detto a CBS News che la decisione di deportare il soldato è stata probabilmente presa a causa della tiepida risposta degli Stati Uniti all’incidente.

Cami McCormick di CBS News a Washington DC e Jen Kwon a Seul hanno contribuito a questo rapporto.

See also  Trump appoggia Jim Jordan come portavoce della Camera

Leave a Comment