Un alto funzionario militare statunitense dubita che la Cina voglia invadere Taiwan

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

L’alto ufficiale militare americano ha espresso dubbi sul fatto che la Cina voglia invadere Taiwan, attenuando la retorica sul rischio di guerra che ha turbato gli investitori e altri paesi della regione.

“Lo penso davvero [Chinese president] Xi Jinping in realtà non vuole prendere Taiwan con la forza. Cercherà di utilizzare altri modi per farlo”, ha detto ai giornalisti a Tokyo il generale Charles Brown, presidente dei capi di stato maggiore congiunti degli Stati Uniti.

Sottolineando la difficoltà dello sbarco sulla spiaggia necessario per portare le truppe d’invasione a Taiwan, Brown ha affermato che gli Stati Uniti e i loro alleati devono prestare attenzione ad altri sforzi di Xi per aumentare la pressione sul Paese “sia dal punto di vista militare, diplomatico, economico”.

Le sue osservazioni sono arrivate mentre gli Stati Uniti e la Cina stanno cercando di gestire le crescenti tensioni nelle loro relazioni riavviando il dialogo. Il presidente Joe Biden e Xi si incontreranno al forum della Cooperazione economica Asia-Pacifico (Apec) a San Francisco la prossima settimana: è solo il loro secondo incontro come leader.

I commenti di Brown contrastano con gli avvertimenti lanciati in precedenza da funzionari militari e di sicurezza nell’amministrazione Biden su un potenziale conflitto su Taiwan.

L’ammiraglio Philip Davidson, allora capo delle forze statunitensi nell’Indo-Pacifico, dichiarò nel 2021 che la Cina avrebbe potuto intraprendere un’azione militare contro Taiwan entro il 2027. Avril Haines, direttrice dell’intelligence nazionale, affermò l’anno scorso che Taiwan si trovava di fronte a una minaccia “acuta” da parte della Cina. prima del 2030.

See also  I VC dicono alle start-up di ritardare i piani IPO dopo che Arm e Instacart hanno deluso

Il generale Mike Minihan, un alto ufficiale dell’aeronautica militare, ha affermato a gennaio che gli Stati Uniti e la Cina probabilmente entreranno in guerra nel 2025, il che ha suscitato preoccupazione tra gli alleati sul fatto che l’esercito americano fosse troppo vago nel suo linguaggio.

L’ammiraglio John Aquilino, succeduto a Davidson nel 2021, ha affermato quell’anno che la minaccia di un’invasione cinese era “più vicina di quanto molti pensino”. Ma all’inizio del 2023, si è opposto ai colleghi che avevano previsto le tempistiche. “Penso che tutti stiano indovinando”, ha detto al Congresso in aprile.

Sulla scia del commento di Minihan, il Pentagono ha detto agli alti ufficiali di smettere di fare dichiarazioni pubbliche sulle possibili date. Anche quest’anno alti funzionari dell’amministrazione Biden hanno iniziato a sottolineare che non credono che un’invasione cinese di Taiwan sia imminente.

La Cina rivendica l’isola come parte del suo territorio e ha minacciato di attaccare se Taipei resistesse a tempo indeterminato all’unificazione o se intervenissero forze esterne.

Negli ultimi anni, l’Esercito popolare di liberazione ha aumentato le manovre intorno a Taiwan, combinando una campagna di intimidazione militare con esercitazioni per affinare le competenze necessarie per operazioni sempre più sofisticate.

Pechino, che ha anche affermato di preferire risolvere pacificamente le tensioni con Taiwan, sta impiegando una serie di altre tattiche, tra cui barriere commerciali e campagne di disinformazione, per minare l’indipendenza di fatto del paese.

Mentre i funzionari di politica estera ed economici hanno tenuto colloqui, la comunicazione tra i leader militari è rimasta sospesa da quando Pechino l’ha interrotta in risposta alla visita dell’allora presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi a Taiwan nell’agosto dello scorso anno.

See also  dynaCERT annuncia un accordo di finanziamento con Cipher Neutron

“Penso che ci sia un’opportunità e. . . quando il presidente incontrerà Xi la prossima settimana, avremo indicazioni che ci sia un certo interesse [in re-establishing military communications channels]”, ha detto Brown.

Ha aggiunto che quando aveva iniziato a ricoprire l’incarico di presidente dei capi di stato maggiore congiunti all’inizio del mese scorso, aveva scritto una lettera al suo omologo, il generale Liu Zhenli, capo di stato maggiore del dipartimento di stato maggiore congiunto del PLA, presentandosi e dicendo che era “disposto a aprire una linea di comunicazione”.

Sia i funzionari militari cinesi che quelli occidentali hanno intensificato gli avvertimenti sul rischio di un incidente aereo o marittimo mentre le forze cinesi e statunitensi si sfidano nella regione.

Il Pentagono il mese scorso ha accusato l’EPL di aver condotto centinaia di intercettazioni “coercitive e rischiose” di voli militari degli Stati Uniti e dei suoi alleati negli ultimi due anni, e ha pubblicato immagini e filmati di molti di essi. Pechino difende le sue azioni affermando che gli aerei statunitensi si stanno avvicinando troppo alla Cina, anche se volano nello spazio aereo internazionale.

Reporting aggiuntivo di Leo Lewis a Tokyo

Leave a Comment