Universal Music fa causa ad Anthropic per i testi generati dall’intelligenza artificiale

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Universal Music ha intentato una causa per violazione del copyright contro la start-up di intelligenza artificiale Anthropic, mentre il gruppo musicale più grande del mondo combatte contro i chatbot che sfornano i testi dei suoi artisti.

La Universal e altre due società musicali sostengono che Anthropic estrae le loro canzoni senza permesso e le usa per generare “copie identiche o quasi identiche di quei testi” tramite Claude, il suo rivale di ChatGPT.

Quando a Claude viene chiesto il testo della canzone “I Will Survive” di Gloria Gaynor, ad esempio, risponde con “una copia quasi letterale di quel testo”, hanno detto Universal, Concord e ABKCO in un deposito presso un’agenzia statunitense tribunale di Nashville, Tennessee.

“Questo materiale protetto da copyright non è disponibile gratuitamente semplicemente perché può essere trovato su Internet”, hanno affermato le società musicali, sostenendo che Anthropic “non aveva mai nemmeno tentato” di concedere in licenza il loro lavoro protetto da copyright.

Anthropic non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

La causa arriva mentre l’industria musicale è alle prese con l’ascesa della tecnologia AI in grado di produrre canzoni “deepfake” che imitano le voci, i testi o il suono di musicisti affermati. Il problema ha attirato l’attenzione all’inizio di quest’anno dopo che una canzone prodotta dall’intelligenza artificiale che imitava le voci di Drake e The Weeknd si è diffusa online.

Anthropic, una delle principali startup di intelligenza artificiale, è stata fondata nel 2021 da un gruppo di ricercatori che hanno lasciato OpenAI, sostenuta da Microsoft, a causa di una disputa sulla direzione dell’azienda. Ha attirato investimenti da Amazon e Google.

See also  L’Asia si trova ad affrontare una delle peggiori prospettive economiche degli ultimi mezzo secolo, avverte la Banca Mondiale

Oltre a rigurgitare testi, Claude ha risposto alle richieste di scrivere nello stile dei musicisti popolari con testi senza licenza, hanno affermato le compagnie musicali. “Quando abbiamo chiesto al modello di intelligenza artificiale di scrivere un breve racconto nello stile di Louis Armstrong, ha utilizzato il testo di ‘What a Wonderful World'”, hanno affermato le società nel documento.

La preoccupazione per la tecnologia dell’intelligenza artificiale riecheggia le battaglie sul copyright dell’industria musicale negli anni 2000 contro i nuovi servizi tecnologici tra cui Napster, che consentiva la pirateria musicale.

La Universal, casa di Taylor Swift e Billie Eilish, mercoledì ha annunciato una partnership con la piattaforma musicale BandLab per affrontare i diritti d’autore “eticamente” per l’uso nell’intelligenza artificiale, con diritti d’autore e autorizzazioni adeguati.

La Universal sta lavorando separatamente con Google per concedere in licenza le voci e le melodie dei suoi artisti da utilizzare nelle canzoni generate dall’intelligenza artificiale, ha riferito il Financial Times ad agosto.

“Gli editori abbracciano l’innovazione e riconoscono la grande promessa dell’intelligenza artificiale se utilizzata in modo etico e responsabile. Ma Anthropic viola questi principi in modo sistematico e diffuso”, hanno affermato i gruppi musicali nella causa di mercoledì.

La Universal all’inizio di quest’anno ha chiesto a Spotify e ad altri servizi di streaming di interrompere l’accesso al suo catalogo musicale per gli sviluppatori che lo utilizzano per addestrare la tecnologia AI.

Leave a Comment