Bluevine lancia tassi di interesse ad alto rendimento per le PMI

Bluevine mercoledì ha annunciato il lancio di Bluevine Premier, un conto corrente ad alto rendimento per proprietari di piccole imprese che offre un tasso percentuale annuo del 4,25% su saldi fino a 3 milioni di dollari.

L’offerta abbina un rendimento elevato alla flessibilità del flusso di cassa, due caratteristiche molto richieste tra i proprietari di piccole imprese, ha affermato Charles Amadon, vicepresidente senior e direttore generale del settore bancario di Bluevine.

“Anche se molti di loro vorrebbero ottenere un rendimento elevato dal proprio denaro, per loro mantenere la semplicità del flusso di cassa è una priorità più alta”, ha affermato Amadon.

Bluevine Premier non pone vincoli alla capacità degli imprenditori di spostare i propri fondi o al numero di trasferimenti in entrata e in uscita, ha affermato Amadon, che ha equiparato il piano a un “conto corrente che guadagna interessi a livello di risparmio sui tuoi soldi”.

“La semplicità di un conto corrente, dal punto di vista del flusso di cassa, con il rendimento degli interessi che offriamo, riteniamo che sia una combinazione vincente. E sappiamo che è perché parliamo con i clienti di come si sentirebbero al riguardo. E ci dicono in termini molto forti che questo cambierebbe le regole del gioco per loro”, ha detto. “Ed è qualcosa che manca nei mercati.”

Bluevine Premier è gratuito per i clienti che mantengono un saldo giornaliero medio minimo di $ 100.000 sul conto corrente aziendale e sui sottoconti Bluevine e spendono almeno $ 5.000 al mese sulla loro carta di debito Bluevine, secondo un comunicato. Altrimenti, Bluevine carica $ 95 al mese per il servizio.

I clienti Premier ricevono anche uno sconto del 50% sulla maggior parte delle commissioni di pagamento, come bonifici e ACH nello stesso giorno, ha affermato la fintech.

See also  JPMorgan Chase può colmare il vuoto bancario delle startup?

Bluevine sta lanciando l’offerta in un contesto di forte slancio nel mercato del business banking, ha affermato Amadon.

“Stiamo vedendo che sempre più persone si rivolgono a noi con una posizione molto consolidata, con saldi di deposito ingenti. Non sposteranno, con il semplice lancio di una carta, tutta la loro attività bancaria. Sono cauti, attenti e attenti nell’esplorare la nostra offerta e nel fare i conti del ROI su quali sarebbero le differenze”, ha affermato.

Amadon prevede che il rendimento più elevato indurrà ulteriormente i proprietari di piccole imprese ad abbandonare il tradizionale sistema bancario basato su filiali, sostenendo che i proprietari di piccole imprese si stanno già riversando nel fintech da alcune delle più grandi istituzioni.

“Queste persone sono le più difficili da conquistare sul mercato, e alcune delle più importanti sul mercato perché hanno le maggiori difficoltà bancarie. Sono loro che devono affrontare la maggior parte delle sfide con le tradizionali attività bancarie basate su filiali in termini di tempo che spendono e di sforzo necessario per gestire le commissioni che pagano”, ha affermato Amadon, che ha rifiutato di condividere il numero di conti che Bluevine ha raccolto dal lancio. “A lungo termine, strategicamente, vogliamo essere la banca d’affari che gli imprenditori amano, indipendentemente dalle dimensioni.”

Bluevine è stato lanciato nel 2013 come finanziatore per piccole imprese e ha iniziato a offrire conti di deposito nel 2020. I conti, che la fintech offre in collaborazione con la Coastal Community Bank, si stanno avvicinando a 1 miliardo di dollari di depositi, ha detto un portavoce di Bluevine.

Leave a Comment