Bowman: I nuovi requisiti patrimoniali minacciano la stabilità finanziaria

Mercoledì il governatore della Federal Reserve Michelle Bowman ha ribadito la sua posizione sulle modifiche proposte ai requisiti patrimoniali regolamentari, affermando che il capitale da solo non può sostituire una sana gestione e supervisione del rischio: la maggior parte dei miglioramenti sono possibili senza una revisione dei quadri.

Intervenendo al Festival Economico di Marrakech in Marocco, Bowman ha osservato che i recenti fallimenti bancari hanno messo in luce carenze nella supervisione, aumentando i rischi per la stabilità finanziaria. Tuttavia, ha affermato che una regolamentazione efficace è fondamentale per mitigare le vulnerabilità.

“A mio avviso, la riforma della regolamentazione può comportare rischi significativi per la stabilità finanziaria, in particolare se tali modifiche alla regolamentazione non tengono sufficientemente conto degli effetti di incentivazione e delle potenziali conseguenze”, ha affermato. “Le azioni normative hanno anche la capacità di deprimere l’attività economica attraverso la ridotta disponibilità di credito o limitando la disponibilità di prodotti o servizi finanziari”.

Bowman non si è opposto del tutto al quadro normativo, ma ha sottolineato che l’attenzione dovrebbe essere rivolta all’espansione dei confini normativi e alla risoluzione delle lacune normative, consentendo l’innovazione nello spazio bancario e al contempo applicando la regolamentazione esistente.

“Inibire l’innovazione nel settore bancario potrebbe spingere ulteriormente la crescita di alcuni prodotti e servizi nel settore non bancario, portando a molta meno trasparenza e potenzialmente a maggiori rischi per la stabilità finanziaria”, ha affermato.

Arciere ha inoltre analizzato le pratiche di supervisione che hanno portato al fallimento della Silicon Valley Bank, affermando che la supervisione deve andare oltre la conformità per identificare e intensificare in modo proattivo le principali questioni di sicurezza e solidità sulla base delle esposizioni e delle condizioni di rischio delle banche. Non riuscendo ad affrontare le carenze critiche in modo tempestivo, i rischi aumentano, ha affermato.

See also  Gli Hinduja puntano a una valutazione di 35-40 miliardi di dollari per la loro attività BFSI

“Per sostenere efficacemente la stabilità finanziaria, la supervisione bancaria non può semplicemente basarsi sull’individuazione di problemi di conformità, processi falliti o violazioni delle regole”, ha affermato Bowman.

Man mano che le normative diventano più complesse, i supervisori dovrebbero essere adeguatamente attrezzati per mantenere una supervisione rigorosa e mantenere la massima qualità di supervisione, ha affermato Bowman. La leadership bancaria dovrebbe far parte della supervisione e qualsiasi cambiamento dovrebbe essere trasparente e implementato con piena consapevolezza dei compromessi e delle conseguenze indesiderate, ha affermato.

Bowman ha più volte espresso la sua preoccupazione per la proposta sui requisiti patrimoniali, sottolineando di essere favorevole a una supervisione bancaria più rigorosa. Ha votato contro la proposta di luglio, affermando che non vi erano prove sufficienti che dimostrassero che i vantaggi della proposta avrebbero giustificato i costi ad essa correlati.

“I politici dovrebbero valutare attentamente se gli aumenti significativi contemplati nei requisiti patrimoniali negli Stati Uniti legati alla finalizzazione degli standard patrimoniali di Basilea III soddisfano questo standard per essere efficienti e adeguatamente mirati”, ha detto Bowman mercoledì.

Secondo la nuova norma proposta, le banche statunitensi con asset superiori a 100 milioni di dollari dovranno far fronte a requisiti patrimoniali più severi, una decisione dettata dai fallimenti di diverse banche di quelle dimensioni a marzo e maggio.

A giugno, Martin Gruenberg, presidente della Federal Deposit Insurance Corp., ha sottolineato che la corsa alla liquidità presso la Silicon Valley Bank avrebbe potuto essere evitata se gli standard di Basilea III fossero stati mantenuti poiché “ci sarebbe stato più capitale detenuto a fronte di questi asset”.

In seguito alla crisi finanziaria del 2007-2008, le agenzie statunitensi hanno stabilito regole per rafforzare il sistema bancario con importanti revisioni del quadro patrimoniale, in linea con gli standard del Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Il comitato ha emesso una nuova serie di revisioni nel 2017.

See also  Peirce della SEC si chiede se le controversie in tribunale relative alle criptovalute siano il miglior utilizzo delle risorse

Altre aree di preoccupazione

Bowman ha avvertito che l’aumento dei tassi di interesse potrebbe erodere la qualità dei prestiti e gli utili con il rallentamento dell’attività economica. Le banche che fanno affidamento su depositi costosi e detengono attività a lungo termine e a basso tasso si trovano ad affrontare un rallentamento delle entrate che potrebbe persistere se i tassi rimangono elevati, mentre le perdite realizzate da queste vendite di attività potrebbero colpire anche il capitale. Pertanto, ha affermato, il monitoraggio continuo di questi rischi è fondamentale con un’azione tempestiva quando necessario per fermare le ricadute.

Leave a Comment