Cinque grafici chiave da tenere d’occhio sulle materie prime globali questa settimana

L’impennata dei prezzi dello zucchero e del cacao arriva in un momento pessimo per i consumatori che cercano un dolcetto in vista delle festività natalizie. Nel frattempo, gli utili di Big Oil continuano con i report di Shell Plc e BP Plc. Altrove, l’oro spot è balzato sopra i 2.000 dollari l’oncia per la prima volta da maggio in un contesto di conflitto geopolitico e incertezza economica.

Contenuto dell’articolo

(Bloomberg) – L’impennata dei prezzi dello zucchero e del cacao arriva in un momento pessimo per i consumatori che cercano un dolcetto in vista delle festività natalizie. Nel frattempo, gli utili di Big Oil continuano con i report di Shell Plc e BP Plc. Altrove, l’oro spot è balzato sopra i 2.000 dollari l’oncia per la prima volta da maggio in un contesto di conflitto geopolitico e incertezza economica.

Ecco cinque grafici importanti da considerare nei mercati delle materie prime all’inizio della settimana.

Pubblicità 2

Contenuto dell’articolo

Contenuto dell’articolo

Metalli

Le crescenti tensioni in Medio Oriente, le prospettive economiche nebulose e gli utili societari contrastanti stanno dando slancio ai lingotti. Tuttavia, è un quadro offuscato per il bene rifugio. La rapida accelerazione dell’oro spot a 2.000 dollari è stata guidata dai trader che hanno coperto posizioni corte all’indomani dell’attacco di Hamas a Israele. Ma le partecipazioni globali in fondi negoziati in borsa garantiti da lingotti vedono continui deflussi.

agricoltura

Con Halloween a pochi giorni di distanza, è un buon momento per controllare i prezzi dello zucchero. I futures vengono scambiati vicino ai massimi degli ultimi 12 anni poiché il mercato valuta le prospettive incerte dell’offerta. I colli di bottiglia nelle spedizioni nel principale fornitore del Brasile stanno rendendo difficile per il dolcificante raggiungere i mercati globali, mentre le esportazioni vacillanti da India e Thailandia hanno ulteriormente pesato sui prezzi. Ciò, unito all’impennata dei futures del cacao, ha aumentato i costi di produzione di caramelle e cioccolato in vista di un intenso periodo di vacanze in cui i consumi tendono a raggiungere il picco. La stagione dei “quattro grandi” per i produttori di caramelle inizia con Halloween, celebrato il 31 ottobre, ed è seguita da Natale, San Valentino e Pasqua, secondo la National Confectioners Association con sede a Washington.

Contenuto dell’articolo

Pubblicità 3

Contenuto dell’articolo

Proteina

Si stanno accumulando cattive notizie per l’industria della carne finta. La Archer-Daniels-Midland Co. la scorsa settimana ha dichiarato che stava rivalutando un’espansione pianificata delle proteine ​​di origine vegetale in una struttura dell’Illinois a causa della domanda deludente. Il settore della carne finta, un tempo molto apprezzato, ha dovuto affrontare un numero crescente di battute d’arresto, con prezzi elevati e gusti e consistenze strani che hanno reso i prodotti costosi facili da cancellare dalle liste della spesa mentre i consumatori lottano con l’inflazione alimentare. Un numero crescente di aziende produttrici di proteine ​​alternative stanno chiudendo, licenziando personale e vendendosi. Nel frattempo, secondo i dati di PitchBook, i finanziamenti in capitale di rischio del settore sono diminuiti di quasi il 40% lo scorso anno rispetto al picco del 2021, dopo essere aumentati in seguito all’offerta pubblica iniziale di Beyond Meat Inc. del 2019. Quest’anno la tendenza potrebbe peggiorare.

Olio

Shell e BP completeranno nei prossimi giorni gli utili del terzo trimestre di Big Oil. La scorsa settimana, le super-major Exxon Mobil Corp. e Chevron Corp. hanno registrato profitti deludenti a fronte delle deboli performance delle loro attività chimiche e di raffinazione del petrolio, mentre i giganti europei TotalEnergies SE ed Eni SpA hanno avuto risultati più positivi. I risultati contrastanti giungono in un contesto caratterizzato da una contrazione del mercato petrolifero globale, da una domanda incerta e da continui rischi di offerta associati alla guerra tra Israele e Hamas. I futures del greggio sono stati volatili nel mese di ottobre, con i futures del West Texas Intermediate e del Brent sulla buona strada per fermare una serie di vittorie di quattro mesi.

See also  Di fronte alla crescente pressione dei clienti, alcuni minatori stanno passando alle energie rinnovabili

Pubblicità 4

Contenuto dell’articolo

Energia

Secondo il caso base della Energy Information Administration nel suo Winter Fuels Outlook, le famiglie statunitensi che si mantengono comode principalmente con il gasolio da riscaldamento sono destinate a spendere di più per stare al caldo quest’inverno rispetto alla scorsa stagione. Mentre si prevede che il costo del gasolio da riscaldamento sarà in media di 4,20 dollari al gallone quest’inverno, in calo rispetto ai 4,31 dollari al gallone del periodo precedente, dovrebbe essere una stagione più fredda, il che significa che gli americani utilizzeranno più gasolio da riscaldamento, facendo aumentare le spese dell’8% su base annuale. anno su anno. Ma ci sono buone notizie per i consumatori che utilizzano propano, elettricità o gas naturale per riscaldare le proprie case: le spese totali per questi prodotti in media diminuiranno rispettivamente del 3%, 1% e 21%, secondo le previsioni dell’EIA.

—Con l’assistenza di Eddie Spence e Agnieszka de Sousa.

(Aggiorna i grafici dell’oro e del petrolio con le negoziazioni in corso lunedì in Asia.)

Contenuto dell’articolo

Commenti

Postmedia si impegna a mantenere un forum di discussione vivace ma civile e incoraggia tutti i lettori a condividere le loro opinioni sui nostri articoli. I commenti potrebbero richiedere fino a un’ora per la moderazione prima di essere visualizzati sul sito. Ti chiediamo di mantenere i tuoi commenti pertinenti e rispettosi. Abbiamo abilitato le notifiche via email: ora riceverai un’email se ricevi una risposta al tuo commento, se c’è un aggiornamento in un thread di commenti che segui o se un utente che segui commenta. Consulta le nostre Linee guida della community per ulteriori informazioni e dettagli su come modificare le impostazioni e-mail.

Leave a Comment