Come dare un senso al mercato del lavoro straordinariamente forte del paese: NPR

Le persone passano davanti a un ristorante, con un cartello di assunzioni all’esterno, a Washington, DC, il 5 ottobre 2023. I datori di lavoro hanno creato 336.000 posti di lavoro a settembre, molto più di quanto avevano previsto gli analisti.

Andrew Caballero-Reynolds/AFP tramite Getty Images


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Andrew Caballero-Reynolds/AFP tramite Getty Images


Le persone passano davanti a un ristorante, con un cartello di assunzioni all’esterno, a Washington, DC, il 5 ottobre 2023. I datori di lavoro hanno creato 336.000 posti di lavoro a settembre, molto più di quanto avevano previsto gli analisti.

Andrew Caballero-Reynolds/AFP tramite Getty Images

Il mercato del lavoro sfida ogni previsione.

Secondo il Dipartimento del Lavoro, nel mese di settembre i datori di lavoro statunitensi hanno creato 336.000 posti di lavoro. Si tratta di circa il doppio di quanto si aspettavano i meteorologi.

La forte crescita dell’occupazione è una buona notizia per chiunque cerchi lavoro. Ma ciò potrebbe rendere più difficile lo sforzo della Federal Reserve di ridurre l’inflazione.

Ecco quattro cose da sapere sull’istantanea mensile dell’occupazione.

Il motore del lavoro non rallenta

Invece del rallentamento che gli esperti si aspettavano di vedere nei numeri sull’occupazione, le assunzioni sembrano essere in ripresa. Non solo i datori di lavoro hanno aggiunto un numero strabiliante di posti di lavoro a settembre, ma i dati rivisti mostrano che le assunzioni sono state molto più forti nei mesi di luglio e agosto rispetto a quanto riportato.

Gli incrementi occupazionali del mese scorso sono stati generalizzati e quasi tutti i settori hanno aggiunto lavoratori.

See also  Chiusura dei mercati: focus sull’economia dell’Eurozona e sugli utili della BP

Ristoranti e bar hanno aggiunto 61.000 posti di lavoro a settembre e sono finalmente tornati al punto in cui si trovavano prima della pandemia. Anche l’assistenza sanitaria e l’istruzione hanno aggiunto decine di migliaia di lavoratori il mese scorso. Anche le fabbriche e le imprese di costruzione hanno continuato ad assumere, nonostante la tensione dovuta all’aumento dei tassi di interesse.

Il mercato del lavoro ha implicazioni per la Fed

La Federal Reserve tiene d’occhio il mercato del lavoro mentre cerca di decidere se aumentare ulteriormente i tassi di interesse, nel tentativo di controllare l’inflazione.

Nell’ultima riunione di settembre, i politici sembravano propensi a un ulteriore aumento dei tassi quest’anno nel tentativo di tenere i prezzi sotto controllo.

Il forte rapporto sull’occupazione di settembre potrebbe essere motivo di preoccupazione, ma potrebbe non essere del tutto negativo dal punto di vista della Fed.

La preoccupazione principale riguardo al mercato del lavoro caldo è che potrebbe esercitare una pressione al rialzo sui salari e minacciare un’ulteriore inflazione.

Ma nonostante i grandi aumenti di posti di lavoro del mese scorso, la crescita dei salari è rimasta modesta. I salari medi a settembre sono aumentati del 4,2% rispetto a un anno fa, e tra agosto e settembre sono aumentati solo dello 0,2%.

“La crescita dei salari si sta raffreddando, quindi questo non sembra un mercato del lavoro inflazionistico”, afferma Julia Coronado, presidente di MacroPolicy Perspectives. “È una specie di Riccioli d’oro, in realtà.”

Il tasso di disoccupazione è ancora basso

A settembre il tasso di disoccupazione è rimasto stabile al 3,8%. Anche se il tasso di disoccupazione è aumentato rispetto all’inizio di quest’anno, rimane molto basso rispetto agli standard storici.

See also  Fumio Kishida chiede fondi per "investire" nel futuro del Giappone

Il tasso di disoccupazione è aumentato in agosto perché centinaia di migliaia di nuove persone si sono aggiunte alla forza lavoro in quel mese. Questo è un buon segno perché suggerisce che le persone sono ottimiste riguardo alle loro prospettive di lavoro. E con più persone che lavorano, l’economia può crescere senza esercitare pressioni al rialzo sui prezzi.

Un avvertimento: il tasso di disoccupazione degli afroamericani è aumentato il mese scorso dal 5,3 al 5,7%. Potrebbe trattarsi di un colpo di fortuna statistico. Il numero ha oscillato molto su e giù negli ultimi mesi. Ma è una cosa da tenere d’occhio.

Le notizie sugli scioperi non arriveranno fino al mese prossimo

Questo conteggio dei posti di lavoro è stato effettuato a metà settembre, appena prima dell’inizio dello sciopero della United Auto Workers, quindi non riflette i 25.000 lavoratori del settore automobilistico che sono in sciopero da venerdì mattina, né le diverse migliaia di lavoratori aggiuntivi che sono rimasti inattivi a causa di carenza di ricambi legata allo sciopero.

La foto di settembre è stata scattata anche prima che gli scrittori di Hollywood terminassero il loro sciopero. Tali cambiamenti potrebbero emergere nel rapporto sull’occupazione di ottobre.

Leave a Comment