Cosa possono insegnarci le carrozze senza cavalli sulle auto senza conducente: NPR

Un postino rurale nel 1905 che provava una nuova tecnologia di trasporto.

Museo Postale Nazionale, Collezione fotografica curatoriale


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Museo Postale Nazionale, Collezione fotografica curatoriale


Un postino rurale nel 1905 che provava una nuova tecnologia di trasporto.

Museo Postale Nazionale, Collezione fotografica curatoriale

I taxi senza conducente, che quasi certamente arrivano in una città vicino a te, hanno spaventato i passeggeri di San Francisco, Phoenix e Austin nell’ultimo anno. Alcuni hanno documentato le loro esperienze su TikTok.

Gli ottantenni, sorpresi dai sedili anteriori vuoti durante un giro in un bar a Phoenix, per esempio, e un pilota di nome Alex Miller che ha scherzato durante il suo primo viaggio Waymo la scorsa primavera. “Oh, stiamo girando a sinistra senza utilizzare la corsia di svolta a sinistra”, ha osservato. “È stato… interessante.”

La risata nervosa degli ansiosi TikToker ricorda allo storico Victor McFarland i pedoni che urlavano “Prendi un cavallo” agli sfortunati automobilisti negli anni ’10. Ma McFarland, che insegna all’Università del Missouri, dice che le nuove bestie conosciute come automobili erano più minacciose e sconosciute per le persone un secolo fa di quanto lo siano oggi le auto senza conducente.

“All’inizio le automobili spaventavano molte persone”, dice. “Le prime automobili erano rumorose. Erano pericolose. Non avevano cinture di sicurezza. Investivano i pedoni. “

I comici del cinema muto hanno colto le ansie culturali e l’eccitazione per le prime automobili, usandole in numerose gag.

Youtube

Alcune persone si sono sentite minacciate anche dalla libertà e dall’indipendenza recentemente accessibili a intere classi di persone, afferma Saje Mathieu, professore di storia all’Università del Minnesota. Includevano persone di colore i cui movimenti erano limitati da Jim Crow. Le automobili consentono loro di cercare più facilmente qualsiasi cosa, da un lavoro migliore a un’assistenza sanitaria più equa, così come potevano fare le donne, che spesso coglievano l’opportunità di imparare a riparare le auto da sole.

See also  Il biglietto Powerball da $ 1,76 miliardi della California è stato acquistato qui

E, aggiunge, le auto offrivano privacy e mobilità, normalizzando lo spazio per le possibilità sessuali.

“Una delle prime preoccupazioni era che i sedili posteriori di queste auto fossero lunghi all’incirca quanto un letto e le persone li usassero per queste cose”, spiega Mathieu.

Inizio 20th I genitori del secolo erano preoccupati per le “feste di coccole” nel flivver familiare, ma le famiglie contemporanee con orari eccessivi vedono vantaggi nei taxi senza conducente.

“Se potessi avere un’auto senza conducente che accompagni mia figlia a ogni noioso appuntamento di gioco, questo trasformerebbe la mia vita”, ride Mathieu. Dice che le preoccupazioni più grandi oggi includono numerose leggi che possono essere infrante quando nessuno è al volante. Chi è responsabile se una persona incinta attraversa i confini di stato con un’auto senza conducente per ottenere un aborto, ad esempio? O quando le auto senza conducente trasportano droghe illegali?

Un secolo fa, dice, la gente si preoccupava della velocità, della discrezione e dell’autonomia delle automobili dei contrabbandieri. E allora, come adesso, aggiunge, c’erano preoccupazioni per il futuro di alcuni lavori.

“Più di cento anni fa, eravamo preoccupati che i Teamsters rimanessero senza lavoro”, afferma Mathieu. I carrettieri guidavano quindi squadre di cavalli. Tra i membri del sindacato oggi figurano i camionisti, che potrebbero presto competere con i veicoli senza conducente nelle loro corsie dedicate.

“Non è possibile avere una guida senza congestione solo perché si costruiscono costantemente strade”, osserva il professore di storia Peter Norton dell’Università della Virginia. Ora, dice, è un ottimo momento per imparare da ciò che non ha funzionato in passato. “Non diventa automaticamente sicuro solo perché disponi di una tecnologia all’avanguardia.”

Gli storici dicono che dobbiamo restare al volante quando si tratta di auto senza conducente, anche se questo diventa solo un modo di dire.

Camila Domonoske ha contribuito a questo rapporto.

Leave a Comment