L’ex vicepresidente Mike Pence conclude la sua campagna presidenziale: NPR

L’ex vicepresidente Mike Pence parla a una riunione annuale della leadership della Coalizione ebraica repubblicana, sabato 28 ottobre 2023 a Las Vegas. Pence abbandona la sua candidatura per la nomina presidenziale repubblicana.

John Locher/AP


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

John Locher/AP

L’ex vicepresidente Mike Pence parla a una riunione annuale della leadership della Coalizione ebraica repubblicana, sabato 28 ottobre 2023 a Las Vegas. Pence abbandona la sua candidatura per la nomina presidenziale repubblicana.

John Locher/AP

NEW YORK – L’ex vicepresidente Mike Pence sabato ha abbandonato la sua candidatura per la nomina presidenziale repubblicana, concludendo la sua campagna per la Casa Bianca dopo aver lottato per raccogliere fondi e guadagnare terreno nei sondaggi.

“Dopo molte preghiere e riflessioni, ho deciso di sospendere la mia campagna per la presidenza a partire da oggi”, ha detto Pence al raduno della Coalizione ebraica repubblicana a Las Vegas. “Abbiamo sempre saputo che sarebbe stata una battaglia in salita, ma non ho rimpianti”, ha detto.

Pence diventa il primo grande candidato a lasciare una corsa che è stata dominata dal suo ex capo diventato rivale, Donald Trump.

La decisione, più di due mesi prima dei caucus dell’Iowa su cui aveva scommesso la sua campagna, salva Pence dall’imbarazzo di non riuscire a qualificarsi per il terzo dibattito delle primarie repubblicane, l’8 novembre a Miami.

Ma il ritiro è un duro colpo per un politico che ha passato anni a trascorrere il suo tempo come il luogotenente più fedele di Trump, solo per essere il capro espiatorio durante gli ultimi giorni in carica quando Trump si è convinto che Pence in qualche modo avesse il potere di ribaltare i risultati delle elezioni del 2020. e mantenere entrambi gli uomini in carica – cosa che un vicepresidente non potrebbe fare.

Mentre Pence ha evitato una crisi costituzionale rifiutando il progetto, ha attirato la furia di Trump, così come l’ira di molti dei suoi sostenitori che hanno creduto alle sue bugie e vedono ancora Pence come un traditore.

Tra i critici di Trump, nel frattempo, Pence è stato visto come un facilitatore che ha difeso l’ex presidente in ogni occasione e si è rifiutato di criticare più e più volte anche le azioni più indifendibili di Trump.

Di conseguenza, un Centro Associated Press-NORC per la ricerca sugli affari pubblici di agosto ha rilevato che la maggior parte degli adulti statunitensi, il 57%, vedeva Pence negativamente, mentre solo il 28% aveva una visione positiva.

Durante la sua campagna, l’ex governatore e membro del Congresso dell’Indiana aveva insistito sul fatto che, sebbene fosse ben conosciuto dagli elettori, non era “ben conosciuto” e aveva deciso di cambiare la situazione con un programma aggressivo che includeva numerose fermate nei commensali e nei ristoranti Pizza Ranch.

Pence aveva scommesso sull’Iowa, uno stato con una grande popolazione evangelica bianca che ha una lunga storia di elevazione di candidati religiosi e socialmente conservatori come l’ex governatore dell’Arkansas Mike Huckabee e l’ex Pennsylvania Rick Santorum. Pence ha spesso condotto campagne con sua moglie Karen, un’insegnante di scuola cristiana, e ha sottolineato le sue opinioni intransigenti su questioni come l’aborto, a cui si oppone anche nei casi in cui una gravidanza non è praticabile. Ha ripetutamente invitato i suoi colleghi candidati a sostenere un divieto nazionale di almeno 15 settimane e ha spinto per vietare i farmaci usati come alternative alle procedure chirurgiche.

See also  I prezzi delle case nel Regno Unito stanno crollando al ritmo più rapido degli ultimi dieci anni

Ha cercato di affrontare a testa alta le sue azioni del 6 gennaio 2021, spiegando più e più volte agli elettori che quel giorno aveva adempiuto al suo dovere costituzionale, ben conoscendo le conseguenze politiche. Era una strategia che gli assistenti credevano avrebbe aiutato a disinnescare la questione e avrebbe guadagnato a Pence il rispetto della maggioranza dei repubblicani, che erano convinti non fossero d’accordo con le azioni di Trump.

Ma anche in Iowa, Pence ha faticato a guadagnare terreno.

Ha avuto una strada altrettanto difficile con i donatori, nonostante anni di contatti. Pence ha chiuso settembre con solo 1,18 milioni di dollari in banca e 621.000 dollari di debito, secondo la sua ultima dichiarazione elettorale. Quel numero di debito probabilmente è cresciuto nelle settimane successive e apparentemente ci vorranno anni prima che Pence, che non è ricco in modo indipendente, venga ripagato.

L’Associated Press ha riferito per la prima volta dopo la presentazione della domanda che le persone vicine a Pence avevano iniziato a sentire che Trump si trovava di fronte a una scelta se rimanere candidato avrebbe potuto potenzialmente diminuire la sua posizione a lungo termine nel partito, dato il vantaggio dominante di Trump nella corsa per la nomination del 2024. Anche se hanno detto che Pence potrebbe resistere fino ai caucus dell’Iowa del 15 gennaio se lo desidera, dovrebbe considerare come ciò potrebbe influenzare la sua capacità di rimanere una voce di spicco nel movimento conservatore, come spera.

Alcuni hanno affermato che l’attacco di Hamas a Israele in ottobre, che ha spinto la politica estera in prima linea nella campagna, ha dato a Pence un rinnovato senso di scopo visti i suoi avvertimenti durante tutta la campagna contro la crescente ondata di isolazionismo nel Partito Repubblicano. Pence aveva sostenuto di essere il candidato più esperto della corsa e aveva denunciato le “voci di pacificazione” tra i repubblicani, sostenendo che avevano incoraggiato gruppi come Hamas.

See also  Medicare Advantage sta crescendo rapidamente e questo è un male per gli ospedali rurali: Shots

Si prevede che Pence rimanga impegnato, in parte attraverso Advancing American Freedom, il think tank conservatore da lui fondato dopo aver lasciato la vicepresidenza. Lo immagina come un’alternativa alla Heritage Foundation.

Si prevede che il gruppo di Pence continuerà a sostenere le politiche che ha sostenuto durante la sua corsa, inclusa la spinta per un maggiore sostegno degli Stati Uniti alla difesa dell’Ucraina contro l’invasione russa e la proposta di tagli alla previdenza sociale e all’assistenza sanitaria statale per tenere sotto controllo il debito. Tali idee un tempo erano il pane quotidiano dell’ortodossia dell’establishment repubblicano, ma sono cadute in disgrazia quando il partito ha abbracciato le svolte isolazioniste e populiste di Trump.

Leave a Comment