Cosa rende una neobanca? Un primer può spiegare.

Dimentica di rimanere bloccato nel traffico mentre ti dirigi verso una filiale bancaria solo per sederti nella hall, aspettando che i tuoi problemi vengano risolti.

Con il progresso della tecnologia e le innovazioni del mondo digitale, le banche non sono più confinate tra le quattro mura di un edificio. Ora puoi accedere a servizi o prodotti senza recarti fisicamente in una filiale bancaria.

Se sei esperto di servizi bancari digitali, potresti aver sentito parlare di nomi come Chime, Varo Bank, LendingClub, Acorns, Revolut o Current.

Queste sono neobanche, o banche digitali o banche sfidanti, qualunque cosa tu voglia chiamarle. Si differenziano dalle banche tradizionali perché colmano il divario tra consumatori e istituti di credito con i loro servizi bancari online tecnologicamente avanzati. Le neobanche sono principalmente banche digitali che non hanno alcuna presenza fisica.

Secondo uno studio di Statista, si prevede che il valore delle transazioni nel settore neobancario raggiungerà 1,43 trilioni di dollari nel 2023 e crescerà a un tasso annuo del 16,12%, per un totale previsto di 2,6 trilioni di dollari entro il 2027.

Cos’è una neobanca?

Le neobanche sono società finanziarie digital-first e spesso solo digitali che offrono servizi bancari ai consumatori senza filiali fisiche. Queste piattaforme forniscono conti correnti e di risparmio tramite app, software e altre tecnologie.

Le neobanche differiscono dalle banche tradizionali poiché in genere non sono regolamentate allo stesso modo. A differenza delle banche convenzionali o delle banche esclusivamente online, le neobanche spesso non hanno statuti statali o federali e non sono banche stesse. Invece, le neobank devono collaborare con un’entità regolamentata per detenere depositi assicurati dalla Federal Deposit Insurance Corp.

Il termine banca sfidante è stato introdotto per la prima volta nel Regno Unito, in riferimento a molte startup bancarie fintech emerse in seguito alla crisi finanziaria del 2007-2009 per portare maggiore concorrenza nel settore bancario: un soprannome adatto per sconvolgere lo spazio bancario tradizionale.

Sono vari i servizi offerti dalle neobank, tra cui trasferimenti di denaro peer-to-peer gratuiti, accesso anticipato alle buste paga, protezione dallo scoperto, modi alternativi per costruire credito e strumenti di educazione finanziaria.

Tuttavia, le neobanche non devono essere confuse con le banche online o solo online. Ally Bank è un esempio di banca esclusivamente online. Sebbene le neobanche e le banche online possano sembrare identiche offrendo prodotti e servizi simili, le neobanche possono agire più agilmente su prodotti e prezzi perché, sebbene siano tenute a collaborare con banche regolamentate, non sono soggette a regolamenti bancari come una banca storica.

Nascita di una neobanca

Le neobanche sono cresciute durante il contesto di tassi di interesse zero verso la fine della Grande Recessione, prelevando depositi offrendo un’app e funzionalità migliori rispetto alle banche.

See also  Plaid nomina il primo CFO in vista della potenziale corsa alla quotazione in borsa

Un fattore significativo che contribuisce all’ascesa delle neobanche è la regola dell’interscambio di Durbin. Meglio conosciuto come Emendamento Durbin, fa parte del Dodd-Frank Wall Street Reform and Consumer Protection Act che limita le commissioni interbancarie imposte ai commercianti dagli emittenti di carte di debito. L’emendamento, che prende il nome dal senatore Richard J. Durbin (D-Ill.), si applica agli istituti finanziari con 10 miliardi di dollari o più di asset, ma quelli con meno di 10 miliardi di dollari sono esentati dall’emendamento.

Neobanks spesso collabora con banche più piccole che non sono soggette ai limiti dell’emendamento Durbin sui servizi sulle commissioni interbancarie delle carte di debito. Le neobanche hanno guadagnato dall’esclusione normativa e hanno aumentato i loro depositi ottenendo un ritorno per i loro investitori con le entrate di interscambio.

“Hanno potuto trarre vantaggio da depositi a costi molto bassi e da minori restrizioni sulle commissioni interbancarie, poche o nessuna”, ha detto a Banking Dive Michele Alt, partner di Klaros Group. “Questo era il loro modello.”

Come guadagnano le neobanche?

A parte le entrate generate dalle commissioni interbancarie e gli interessi che le neobanche addebitano su prestiti e carte di credito, guadagnano attraverso le commissioni di transazione. Mentre la maggior parte delle neobanche non addebita commissioni per i conti, molte addebitano una piccola commissione per bonifici bancari, prelievi bancomat o trasferimenti di denaro. E alcuni addebitano costi di abbonamento. Neobanche come Chime e Revolut offrono servizi premium ai propri clienti in cambio di una quota di abbonamento mensile e anche attraverso gli interessi sui prestiti. Alcune neobanche che offrono prestiti e carte di credito addebitano interessi su questi prodotti.

Diverse neobanche hanno diversi modelli di entrate che funzionano per loro, ma a causa dei bassi costi generali, richiedono un flusso di entrate minore per avere successo.

Leave a Comment