Il ministro della Giustizia francese sarà processato per presunto abuso d’ufficio

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Il ministro della Giustizia di Emmanuel Macron dovrà affrontare un tribunale speciale per presunti conflitti di interessi e abuso d’ufficio, la prima volta che un membro in carica del governo francese è comparso davanti all’organismo.

Éric Dupond-Moretti, ex avvocato difensore di celebrità che è stato una scelta non convenzionale come ministro da parte del presidente francese nel 2020, dovrà comparire lunedì davanti al tribunale speciale focalizzato sulla cattiva condotta ministeriale e composto da tre giudici e 12 membri del parlamento.

Il caso è incentrato sulla questione se Dupond-Moretti abbia abusato della sua posizione per regolare vecchi conti con magistrati e pubblici ministeri con i quali si è scontrato durante i suoi decenni come avvocato difensore.

Rimarrà al suo posto durante i 10 giorni del processo, puntando i riflettori sull’abitudine di Macron di trattenere ministri e consiglieri che incontrano problemi legali, nonostante si fosse impegnato nella campagna elettorale presidenziale del 2017 a gestire un governo pulito e trasparente.

“Perché dovremmo chiedere a un ministro di dimettersi? . . quando non è stato condannato per nulla o giudicato colpevole di nulla?» Lo ha detto venerdì il portavoce del governo Olivier Véran alla televisione francese BFMTV. Il ministro della Giustizia potrà svolgere il suo lavoro durante l’udienza, ha detto Véran.

Il caso – inizialmente innescato in parte dalle denunce presentate da un sindacato di sinistra che rappresenta i giudici che si opponeva alla nomina di Dupond-Moretti – metterà alla prova anche il tribunale speciale, la Cour de Justice de la République (CJR). I critici sostengono che l’organismo è eccessivamente politicizzato e inefficace perché i parlamentari siedono accanto ai giudici.

See also  La Michigan State University si scusa per una domanda su Hitler durante una partita di football: NPR

“La situazione è molto strana. C’è un ministro in carica giudicato per conflitti di interessi da persone con cui ha un conflitto di interessi”, ha affermato Paul Cassia, vicepresidente di Anticor, un’organizzazione anti-corruzione che, insieme a due sindacati di giudici, ha presentato la denuncia prime pretese contro Dupond-Moretti.

“Ciò che rimproveriamo a Éric Dupond-Moretti è di aver utilizzato una funzione pubblica per soddisfare interessi privati”, ha aggiunto Cassia, che testimonierà al processo.

Dupond-Moretti, un oratore combattivo noto per aver difeso il commerciante disonesto della Société Générale Jérôme Kerviel e il fondatore di WikiLeaks Julian Assange, ha negato ogni addebito. Se giudicato colpevole rischia cinque anni di carcere e 500mila euro di multa.

Una delle accuse contro di lui riguarda la questione se, una volta in carica, si sia sufficientemente ritirato da un caso contro un altro magistrato con il quale si era precedentemente scontrato.

L’altro ruota attorno al fatto che, giorni prima di diventare ministro della Giustizia, aveva intentato una causa sostenendo che l’ufficio del procuratore per i crimini finanziari aveva invaso la sua privacy accedendo ai suoi tabulati telefonici e a quelli di altri avvocati mentre indagava su una presunta corruzione da parte dell’ex presidente Nicolas Sarkozy.

Dupond-Moretti ha ritirato la sua denuncia quando è stato nominato al governo. Ma subito dopo ha avviato un’indagine disciplinare su tre giudici presso la procura per i crimini finanziari.

Macron ha deciso di mantenere Dupond-Moretti, anche con un mini-rimpasto a luglio. Il periodo in carica del ministro è stato segnato da un aumento storico del budget del dipartimento di giustizia per finanziare personale extra giudiziario e giudici nel tentativo di ridurre i ritardi che affliggono le procedure legali, nonché misure per alleviare il sovraffollamento delle carceri.

See also  Israele mette in guardia da una “lunga” guerra con l’inizio dell’invasione della Striscia di Gaza

Diversi altri membri di alto profilo della cerchia ristretta di Macron stanno affrontando sfide legali, tra cui il ministro del lavoro Olivier Dussopt, che sarà processato con l’accusa di corruzione in un tribunale diverso alla fine di questo mese per accuse relative a quando era sindaco. Alexis Kohler, il principale consigliere del presidente all’Eliseo, è formalmente indagato dalla procura per i crimini finanziari con l’accusa di aver violato le leggi sul conflitto di interessi a favore di una compagnia di navigazione italo-svizzera con la quale ha legami di parentela.

Entrambi gli uomini negano ogni addebito.

Macron aveva promesso nel 2017 che qualsiasi ministro nominato formalmente sospettato in un’indagine legale sarebbe stato obbligato a dimettersi.

Transparency International France, l’organizzazione benefica anti-corruzione, ha chiesto le dimissioni del ministro della Giustizia quando gli è stato ordinato di essere processato lo scorso ottobre, e anche i politici dell’opposizione lo hanno esortato a dimettersi.

La CJR ha già ascoltato casi contro ex ministri, tra cui l’ex ministro delle Finanze e attuale capo della BCE Christine Lagarde, che nel 2016 è stata condannata per negligenza in una carica pubblica per un pagamento fraudolento da parte dello Stato al defunto imprenditore Bernard Tapie. Più recentemente ha indagato sull’ex ministro della Sanità di Macron, Agnès Buzyn, sulla sua gestione della pandemia di Covid-19.

Ma il tribunale ha emesso poche condanne e ha imposto sanzioni per lo più leggere. I critici sostengono che ciò è dovuto al fatto che i funzionari eletti sono coinvolti nelle decisioni. Diversi presidenti, tra cui François Hollande e lo stesso Macron, hanno preso in considerazione l’idea di abolirlo, e una recente conferenza di esperti volta a riformare le istituzioni giudiziarie ne ha chiesto l’abolizione.

See also  UAW e Ford raggiungono un accordo provvisorio su un nuovo contratto: NPR

Lo stesso Dupond-Moretti ha avuto un atteggiamento tipicamente combattivo nel periodo precedente, dicendo che si sarebbe difeso in tribunale e criticando la quantità di tempo di trasmissione concesso al processo.

“Questo processo non dovrebbe occupare tutto”, ha detto in un’intervista su Franceinfo TV il mese scorso, rispondendo alle domande su come avrebbe gestito la vicenda. “Sono presunto innocente. Aspetta un po’ e vieni al processo”.

Leave a Comment