FTX in trattative con gli offerenti per riavviare lo scambio

Fonte: Adobe/Ascannio

Secondo un recente rapporto di Bloomberg, l’exchange di criptovalute FTX sta attualmente valutando le proposte di tre potenziali offerenti che cercano di riavviare la piattaforma di trading di criptovalute.

Durante un’udienza tenutasi a Wilmington, nel Delaware, Kevin M. Cofsky, il banchiere d’investimento che rappresenta FTX di Perella Weinberg Partners, ha rivelato l’intenzione della società di raggiungere una decisione su queste proposte entro la fine dell’anno.

Le potenziali strade per il rilancio di FTX sono allo studio e diverse opzioni sono sul tavolo.

FTX considera diversi scenari per rilanciare lo scambio

Uno scenario prevede la vendita dell’intero exchange di criptovalute, che, durante il suo periodo di massimo splendore, vantava una base clienti di oltre 9 milioni di utenti.

In alternativa, FTX potrebbe scegliere di collaborare con un partner esterno, possibilmente un investitore strategico, per riavviare le proprie operazioni.

Nella terza opzione, FTX potrebbe intraprendere un viaggio indipendente per rilanciare il suo scambio, anche se senza il suo precedente CEO.

Sam Bankman-Fried, ex amministratore delegato di FTX, che si era dimesso dalla sua posizione l’anno scorso in mezzo alle turbolenze finanziarie, è attualmente coinvolto in una battaglia legale.

Affronta sette casi di frode federale legati alla presunta deviazione dei fondi dei clienti di FTX verso Alameda Research per operazioni ad alto rischio, contributi politici e stravaganti acquisizioni di proprietà. Queste azioni alla fine portarono alla caduta di entrambe le entità.

Barlume di speranza per i creditori di FTX

Mentre queste deliberazioni si svolgono, c’è un barlume di speranza per i creditori di FTX. La ricerca per raccogliere fondi per il rimborso dei creditori è stata incessante da quando FTX ha dichiarato fallimento l’anno scorso.

See also  In che modo i grandi player delle criptovalute possono manipolare i dati

I documenti del tribunale rivelano che gli amministratori di FTX sono riusciti a recuperare circa 7 miliardi di dollari di asset, di cui una parte significativa, circa 3,4 miliardi di dollari, sotto forma di criptovalute.

Da allora, sono stati compiuti progressi significativi nelle recenti trattative tra i principali gruppi creditori. Sono stati raggiunti provvisori accordi su controversie cruciali, aprendo potenzialmente la strada alla presentazione di un piano di pagamento completo a dicembre, secondo l’avvocato della società Andrew Dietderich.

Leave a Comment