Gli ETF bitcoin immaginari sono già 30 volte più preziosi di tutti gli ETF bitcoin reali

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Le criptovalute funzionano un po’ come Candyman: pronuncia il nome abbastanza spesso e qualcosa potrebbe apparire dal nulla.

Questo circolo non particolarmente virtuoso di prezzi simbolici e ricerca di attenzione è una cosa di cui parliamo abbastanza spesso. Un anno fa, ad esempio, è diventato in qualche modo una questione di importanza internazionale che Ethereum avrebbe cambiato il suo metodo di convalida della blockchain:

Perché ne parliamo tutti? Il solito motivo: i valori delle criptovalute sono correlati alla pubblicità. Il rumore dei social media può spingere i prezzi simbolici (Tandon et al), ma non con la stessa efficacia della copertura mediatica mainstream (Coulter). Il più potente acceleratore dei prezzi delle criptovalute è un tema dal suono positivo proveniente da una fonte influente che incoraggia una maggioranza silenziosa (Mei et al). È quindi direttamente nell’interesse delle balene di ethereum (Coinbase, Binance, Kraken ecc.) far sembrare The Merge un grosso problema, e noi della stampa generalista siamo stati felici di accontentarlo.

L’Ethereum Merge di quest’anno è l’ETF bitcoin spot.

Due mesi fa un giudice statunitense ha affermato che era “arbitrario e capriccioso” che la SEC consentisse gli ETF sui futures su bitcoin bloccando invece gli ETF che detengono bitcoin. La sentenza probabilmente costringerà la SEC ad approvare gli ETF spot sul bitcoin perché la sua unica altra opzione, ritirare le precedenti approvazioni degli ETF sui futures, sarebbe ancora più imbarazzante.

La sconfitta della SEC è stata descritta come un grosso problema per il bitcoin, il cui prezzo è abbastanza correlato con la frequenza con cui le persone parlano di bitcoin. Il grafico seguente mostra il prezzo spot in dollari insieme ai volumi di ricerche di bitcoin su Google e agli articoli che menzionano bitcoin:

Stai vedendo un’istantanea di un grafico interattivo. Ciò è molto probabilmente dovuto al fatto che sei offline o che JavaScript è disabilitato nel tuo browser.

E per una misura in tempo reale, il grafico due mostra il prezzo spot del bitcoin rispetto al numero di email nella casella di posta dell’autore che fanno riferimento a bitcoin:

Stai vedendo un’istantanea di un grafico interattivo. Ciò è molto probabilmente dovuto al fatto che sei offline o che JavaScript è disabilitato nel tuo browser.

Dal 28 agosto, il giorno prima della perdita della SEC, Bitcoin ha aggiunto 168 miliardi di dollari in termini di capitalizzazione di mercato. Il guadagno del 32% di Bitcoin nel periodo supera di gran lunga quello dell’oro (+3,7%), del Nasdaq Composite (-6,5%) e dell’ethereum (+14,4%, probabilmente nella speranza che i regolatori statunitensi diventino più favorevoli alle criptovalute), quindi il driver principale sembra essere l’hype sull’ETF.

Per contestualizzare 168 miliardi di dollari, ci sono 198 miliardi di dollari attualmente investiti in ETF sull’oro spot.

Quindi gli scommettitori al dettaglio stanno bevendo di nuovo la criptovaluta Kool-Aid? Apparentemente no. Secondo JPMorgan, la recente domanda di bitcoin sembra essere istituzionale. Mentre le misure di attenzione come il punteggio di Google Trends sono rimaste piatte dall’inverno delle criptovalute, l’interesse aperto per i contratti futures bitcoin CME (utilizzati principalmente da investitori istituzionali) è tornato ai livelli visti l’ultima volta nell’agosto 2022 prima del crollo di FTX.

JPMorgan evidenzia anche un recente aumento dei trasferimenti on-chain dai portafogli piccoli a quelli grandi, come mostrato dal grafico seguente. Il flusso di bitcoin tende a dirigersi verso i grandi portafogli quando c’è qualcosa che sembra positivo da pubblicizzare per le istituzioni, come il lancio del primo ETF sui futures statunitensi nel 2021 e l’evento di dimezzamento del 2020, per poi invertirsi dopo che le cose esplodono:

© JPMorgan, con annotazioni FTAV

La recente domanda di bitcoin sembra quindi un lavoro preparatorio per il blitz di marketing dell’ETF. E poiché l’acquisto fa salire il prezzo, è la preparazione ad autoalimentarsi.

La SEC ha tempo fino al 10 gennaio per rispondere a una richiesta congiunta di Ark Invest e 21Shares, anche se nessuno nel settore sembra aspettarsi che ci voglia così tanto tempo. Grayscale e BlackRock hanno effettuato registrazioni formali per lanciare ETF spot ed ecco un flusso di modifiche alla documentazione, che indicano avanti e indietro tra l’autorità di regolamentazione e i gestori patrimoniali per capire chi può detenere cosa.

È probabile, dice JPMorgan, che la SEC emetta avvisi di approvazione di massa per evitare di regalare a qualsiasi manager un vantaggio di first mover.

Il vantaggio principale di un ETF spot è che si tratta di una forma di proprietà più diretta rispetto a un fondo sintetico, la cui dipendenza dai derivati ​​può introdurre ritardi e rischi di copertura. Una struttura più pulita è positiva, ma per qualsiasi potenziale acquirente di un ETF bitcoin potrebbe non avere molta importanza. Nessuno compra le criptovalute per la loro semplicità.

Nikolaos Panigirtzoglou, del team di strategia dei mercati globali di JPMorgan, ha definito il vantaggio spot “piuttosto marginale” e “improbabile che possa cambiare le regole del gioco per i mercati delle criptovalute”.

Panigirtzoglou evidenzia anche la mancanza di interesse per gli ETF spot su bitcoin già esistenti.

Abbiamo trovato 29 ETF bitcoin a livello globale che potrebbero ragionevolmente essere descritti come attivi, così come 11 exchange-traded note e 11 exchange-traded commodities. (Ecco una spiegazione del significato di quelle lettere, la cui essenza è che gli ETF sono strumenti azionari e gli altri due sono più simili al debito. Ai fini di questo esercizio li raggrupperemo insieme.)

In tutto il gruppo ci sono 5,6 miliardi di dollari in asset di fondi. Di questo totale, circa 3,1 miliardi di dollari appartengono a fondi che sono (o dicono di essere) fisicamente garantiti da Bitcoin. I restanti 2,5 miliardi di dollari sono in fondi sintetici/scatole misteriose.

Ecco una ripartizione cliccabile per valore, tipo e fornitore. Si noti tuttavia che per molti fondi più piccoli, e per alcuni di quelli più grandi, il metodo di replica non è stato chiarito nella scheda informativa; fateci sapere eventuali errori.

Stai vedendo un’istantanea di un grafico interattivo. Ciò è molto probabilmente dovuto al fatto che sei offline o che JavaScript è disabilitato nel tuo browser.

Un’altra misura utile sono le azioni in circolazione. Poiché gli ETF sono fondi aperti, il conteggio delle loro azioni fornisce un’indicazione della domanda indipendente dal valore delle attività.

Il grafico seguente mostra le azioni in emissione per l’ETF fisico Purpose (nella sua versione senza copertura in dollari canadesi) insieme all’ETF sintetico di ProShares. Purpose ha goduto di un’ondata di interesse attorno al lancio, seguita da due anni senza molto:

Stai vedendo un’istantanea di un grafico interattivo. Ciò è molto probabilmente dovuto al fatto che sei offline o che JavaScript è disabilitato nel tuo browser.

Ci viene detto spesso che gli ETF spot bitcoin quotati negli Stati Uniti saranno rivoluzionari per la proprietà istituzionale delle criptovalute. Considerando la domanda storica illustrata sopra, probabilmente non saranno nemmeno rivoluzionari per i fornitori di ETF. È probabile che entro il prossimo anno tutto sarà dimenticato, e a quel punto ci sarà un altro evento di dimezzamento dei bitcoin da aspettarsi.

Ma quando c’è un mercato completamente nuovo da creare, chi ha il tempo di guardare indietro?

See also  18% GST sulle garanzie aziendali per le loro filiali

Leave a Comment