I fan delle criptovalute di Bored Ape riferiscono di “bruciore agli occhi” dopo la festa di Hong Kong

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

La società dietro la mania della criptoarte Bored Ape ha detto che sta esaminando i rapporti secondo cui alcuni partecipanti hanno subito “bruciature agli occhi” a causa di luci intense durante un evento ospitato nel fine settimana a Hong Kong.

L’evento ApeFest era rivolto ai possessori dei cosiddetti token non fungibili: opere d’arte legate alla tecnologia blockchain che sono aumentate vertiginosamente in prezzo e popolarità al culmine della bolla delle criptovalute ormai sgonfiata.

Circa 2.250 persone hanno partecipato alla festa del sabato sera presso un terminal crociere, ha affermato l’organizzatore Yuga Labs, uno dei pionieri in questo mercato. Da allora, più di una dozzina di persone hanno postato sui social media lamentando una sensazione di bruciore agli occhi e talvolta anche problemi alla vista.

“Stiamo conducendo un’indagine approfondita”, ha detto Yuga Labs, aggiungendo che le 15 persone con cui è stato in contatto finora “rappresentano meno dell’1%” degli ospiti ed è “troppo presto per commentare l’accaduto”. . . causa”.

Chloe Ge, che ha partecipato all’ApeFest in visita da Shanghai, ha detto al Financial Times che la festa era “molto affollata” quando è arrivata dopo le 19:00. Ge ha detto che lei e le sue amiche erano vicine al palco quando un rapper si è esibito e ha notato che le luci del palco erano “piuttosto forti”.

“Tutti erano così entusiasti in questo momento e nessuno ha menzionato di essersi sentito immediatamente a disagio”, ha detto. Ma verso le 3 del mattino dopo la festa, ha iniziato a sentire come se i suoi occhi fossero “bruciati dal peperoncino piccante”. Il dolore si è attenuato dopo essere tornata a Shanghai domenica, ma ha detto che stava ancora provando disagio.

See also  Bitcoin è destinato a raggiungere quota 56.000$ dopo l'approvazione dell'ETF BlackRock

Un’altra partecipante di Hong Kong ha detto al FT di aver avvertito una sensazione di “secchezza e bruciore” poche ore dopo aver partecipato alla festa, dove è rimasta per più di quattro ore.

Immagini e video dell’evento online sembrano mostrare un palco adornato con luci UV. Le persone incontrano alcuni tipi di luce UV ogni giorno, ma la Food and Drug Administration statunitense sottolinea online che le radiazioni UVC “possono causare gravi ustioni alla pelle e lesioni agli occhi (fotocheratite)” e consigliano alle persone di “non guardare mai direttamente una luce UVC”. fonte, anche brevemente”. Yuga Labs non ha commentato quali tipi di illuminazione ha utilizzato, ma ha affermato che stava esaminando la “causa principale” del dolore agli occhi sofferto dai partecipanti.

Adrian Zduńczyk, un analista di criptovalute, ha scritto lunedì sulla piattaforma di social media X che “gli è stata diagnosticata una ‘fotocheratite su entrambi gli occhi, correlata a un incidente'”, da una clinica di Hong Kong dopo la festa. “La mia vista è stata testata quasi perfetta senza gravi danni alla cornea, per fortuna”, ha scritto.

Durante la popolarissima corsa al rialzo del 2021, gli NFT, che possono essere acquistati solo con criptovalute, hanno guadagnato per breve tempo lo status di cultura pop, anche se i token si collegano a un’immagine che può essere liberamente copiata e condivisa online.

Un artista noto come Beeple ha venduto una raccolta di immagini NFT tramite la casa d’aste Christie’s nel marzo 2021 per 69 milioni di dollari.

Il Bored Ape Yacht Club di Yuga Labs è uno dei mercati più conosciuti in questo spazio, famoso per la sua raccolta di migliaia di immagini di cartoni animati di scimmie molto simili, che venivano accaparrate dagli appassionati a volte per centinaia di migliaia di dollari l’una in un attimo. sostenuto da celebrità negli Stati Uniti e altrove. Ora vendono sulla piattaforma OpenSea per circa $ 55.000.

See also  Le persone stanno perdendo più soldi che mai a causa dei truffatori. Ecco come mantenerti al sicuro

Dal picco di maggio 2022, le vendite globali di NFT sono crollate del 98%, secondo il data tracker CryptoSlam.

L’evento di Yuga Labs è avvenuto mentre Hong Kong cercava di trasformarsi nel principale hub crittografico dell’Asia, lanciando un nuovo regime di licenze per il commercio al dettaglio di asset crittografici e spingendo i principali istituti di credito, tra cui HSBC e Standard Chartered, ad assumere scambi di criptovalute come clienti, in contrasto con un ampia repressione normativa statunitense.

Alla festa, parte di un evento di tre giorni di Yuga Labs, hanno partecipato possessori di NFT, inclusi visitatori d’oltremare e della Cina continentale. Ha coinciso con la conferenza della FinTech Week di Hong Kong, alla quale erano relatori l’amministratore delegato di Standard Chartered Bill Winters e l’amministratore delegato di Crypto.com Kris Marszalek.

Segnalazione aggiuntiva di Scott Chipolina

Leave a Comment