I populisti di destra ottengono ottimi risultati alle elezioni parlamentari svizzere

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

I populisti di destra svizzeri erano destinati a ottenere una delle loro migliori performance alle elezioni parlamentari di domenica, poiché gli elettori hanno abbandonato la politica verde tra i timori per l’immigrazione e l’aumento dei costi energetici.

Secondo le previsioni, il Partito popolare svizzero (SVP), conservatore e intransigente, avrebbe ottenuto il 29,1% dei voti alle elezioni per il Consiglio nazionale, la camera bassa del parlamento, dopo che i risultati distrettuali avessero ottenuto il 95%. Si trattava del secondo miglior risultato nella storia recente del partito, dopo aver ottenuto il 29,4% dei voti nel 2015.

Il risultato è stato un “evidente scivolamento a destra”, ha affermato Thierry Burkart, leader del partito liberale pro-business FDP. I liberali hanno avuto il loro risultato peggiore, vincendo solo con il 14,5%. Gli elettori hanno lanciato un “segnale e un mandato”, ha detto Burkart alla televisione svizzera.

I maggiori perdenti della serata sono stati i due partiti verdi svizzeri, la cui quota complessiva di voti è scesa dal 21% al 16%.

Seguiranno ora diverse settimane di manovre politiche su come i risultati parlamentari si tradurranno in qualsiasi cambiamento di governo.

Per tradizione, un esecutivo di sette persone, il Consiglio federale, è composto da membri dei quattro maggiori partiti in un rapporto di seggi fisso: 2-2-2-1. Negli ultimi anni, in mezzo alle turbolenze politiche, sono state sollevate domande sulla ripartizione dei seggi, ed i risultati di domenica probabilmente scateneranno un altro periodo di strette di mano sulla legittimità del modello.

See also  Joe Biden arriva in Israele mentre si diffonde la rabbia per l’esplosione dell’ospedale di Gaza

Il nuovo Parlamento voterà a metà dicembre sui seggi del Consiglio federale.

Sebbene l’UDC sia da tempo una forza dominante nella politica svizzera – e non abbia l’ambizione di sconvolgere l’ordine politico esistente – la sua forte prestazione è un segnale di disaffezione tra l’elettorato dopo quattro anni turbolenti.

L’UDC si è opposto alle restrizioni legate al Covid-19 e più recentemente ha criticato pesantemente la partecipazione alle sanzioni contro la Russia, che secondo lui hanno alimentato l’aumento dei prezzi dell’energia e compromesso una sacrosanta tradizione di neutralità geopolitica.

Le preoccupazioni interne hanno dominato la campagna, con l’UDC che ha avuto l’impatto più visibile. Manifesti in tutto il paese promettevano di limitare la popolazione e di impedire che raggiungesse i 10 milioni di persone. La Svizzera ospita attualmente 8,7 milioni di persone.

Il partito ha anche condotto una dura campagna contro quello che ha descritto come “terrorismo di genere” – riferendosi al dibattito sui diritti dei transgender – e la politica climatica “radicale” verde.

La vittoria dell’UDC invertirà il drammatico spostamento a sinistra della politica svizzera avvenuto alle ultime elezioni federali del 2019. Potrebbe anche influenzare le prossime questioni internazionali delicate per il paese, comprese le sue già difficili relazioni con l’UE e la sua posizione sulle sanzioni economiche contro la Russia.

Il partito socialdemocratico svizzero (SP), il secondo gruppo più grande, è destinato ad aumentare leggermente la sua quota al 17,8%, il secondo peggior risultato.

L’ampio spettro politico della Svizzera e il peculiare assetto costituzionale fanno sì che il parlamento svolga un ruolo secondario, deferendo la maggior parte delle decisioni legislative ai referendum nazionali. Tuttavia, cambiamenti significativi nella mappa elettorale sono insoliti.

See also  La Francia metterà fine alla sua presenza militare in Niger e ritirerà il suo ambasciatore, afferma Macron: NPR

Le elezioni confermano una rinascita dei populisti alle urne in tutta Europa: in Germania all’inizio di questo mese, l’AfD anti-immigrazione ha ottenuto grandi guadagni nelle elezioni in Baviera e Assia, lontano dalle roccaforti del partito nell’est. In Austria, il Partito della Libertà, di estrema destra, è in testa ai sondaggi da mesi, raccogliendo vittorie regionali in vista delle elezioni nazionali del prossimo autunno.

Leave a Comment