I residenti di Lahaina tornano alle case distrutte da un incendio mortale: NPR

La Guardia Nazionale delle Hawaii controlla un’auto che supera il checkpoint di Kaniau Street lunedì 25 settembre 2023 a Lahaina, Hawaii.

Mengshin Lin/AP


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Mengshin Lin/AP


La Guardia Nazionale delle Hawaii controlla un’auto che supera il checkpoint di Kaniau Street lunedì 25 settembre 2023 a Lahaina, Hawaii.

Mengshin Lin/AP

LAHAINA, Hawaii – I primi di migliaia di residenti che hanno perso le loro case nell’incendio che ha distrutto la città hawaiana di Lahaina sono tornati alle loro proprietà devastate lunedì, con alcuni che si sono fermati per un momento di riflessione e altri che hanno cercato ricordi tra le rovine.

“Sono molto grati di entrare qui, qualcosa che tutti stavano aspettando con ansia”, ha detto ai giornalisti riuniti fuori dalla zona ustionata Darryl Oliveira, amministratore ad interim della Maui Emergency Management Agency. “Le persone che non sono state qui dopo l’incendio sono sorprese dalla quantità e dall’entità della distruzione.”

Nei giorni successivi all’incendio dell’8 agosto, alcune persone hanno potuto tornare alle loro proprietà per valutare i danni. Ma da allora, l’area bruciata è stata interdetta a tutti tranne che ai lavoratori autorizzati. Lunedì le autorità ne hanno aperto una piccola parte, consentendo ai residenti di entrare per visite controllate dalle 8:00 alle 16:00. A mezzogiorno, circa due dozzine di veicoli che trasportavano residenti erano entrati nell’area.

La prospettiva di ritornare ha suscitato forti emozioni nei residenti che sono fuggiti in veicoli o a piedi mentre le fiamme sferzate dal vento correvano attraverso Lahaina, la storica capitale dell’ex regno hawaiano, e travolgevano le persone bloccate nel traffico che cercavano di scappare.

See also  I pubblici ministeri cercano di accusare Alec Baldwin nelle riprese del film "Rust": NPR

L’incendio ha ucciso almeno 97 persone e distrutto più di 2.000 edifici, la maggior parte dei quali case. Alcuni sopravvissuti saltarono oltre una diga e si rifugiarono tra le onde mentre il fumo nero e caldo oscurava il sole.

I funzionari hanno esortato i residenti di ritorno a non setacciare le ceneri per paura di sollevare polvere tossica. La prima area ad essere bonificata per il rientro era una zona di circa due dozzine di appezzamenti nella parte settentrionale di Lahaina.

Da un blocco della Guardia Nazionale vicino alla zona bruciata, Jes Claydon ha potuto vedere le rovine della casa in affitto dove ha vissuto per 13 anni e dove ha cresciuto tre figli. Poco rimane riconoscibile oltre ai barattoli di vetro marino che stavano fuori dalla porta d’ingresso.

Claydon sperava di raccogliere quei barattoli e tutti gli altri ricordi che avrebbe potuto trovare.

“Voglio la libertà di essere lì e assorbire quello che è successo”, ha detto Claydon. “Qualunque cosa possa trovare, anche solo quei barattoli di vetro marino, non vedo l’ora di prenderlo… È un pezzo di casa.”

La casa di Claydon era una casa di blocchi di cemento a un solo piano dipinta di un colore rossastro, simile alla terra rossa di Lahaina. Alcuni muri sono ancora in piedi e rimane qualche prato verde, ha detto.

Coloro che ritornavano hanno ricevuto acqua, ombra, stazioni di lavaggio, bagni portatili, assistenza medica e mentale e assistenza per il trasporto, se necessario. Gruppi no-profit hanno anche offerto dispositivi di protezione individuale, comprese maschere e tute. I funzionari affermano che la cenere potrebbe contenere amianto, piombo, arsenico o altre tossine.

See also  Morgan Stanley consegna ai nuovi leader decine di milioni di azioni vincolate

La maggior parte dei giornalisti è stata confinata in un’area dove non poteva vedere le persone che visitavano le loro proprietà. Oliveira ha detto che i funzionari volevano garantire che i residenti avessero spazio e privacy per riflettere o piangere.

Una squadra di più di due dozzine di persone di Samaritan’s Purse, un ministero cristiano aconfessionale, era a disposizione per aiutare i residenti a sistemare ciò che restava delle loro case, ha detto Todd Taylor, che lavora con l’organizzazione.

“È come perdere una persona cara. Questo è esattamente ciò che queste persone stanno attraversando”, ha detto Taylor. “Quei proprietari di casa possono parlarci della loro casa – ‘Qui è dov’era la mia camera da letto, e qui avevo un comodino con la mia fede nuziale’ o, ‘L’urna di mio nonno era sul lavandino’ – quel tipo di indicatori che possono aiutare i nostri volontari setacciano la cenere e cercano oggetti molto specifici.”

Leave a Comment