“Un missile può arrivare in qualsiasi momento”: le imprese ucraine sfidano l’incertezza nonostante le minacce incombenti

Nonostante le devastazioni della guerra, le imprese di Kramatorsk, una città in prima linea nella regione ucraina di Donetsk, stanno dimostrando una notevole resilienza.

ANNUNCIO

In una città dove gli edifici danneggiati sono ovunque, una pizzeria distrutta si distingue come un doloroso ricordo di vite e mezzi di sussistenza distrutti in un istante.

Un missile balistico russo ha colpito un popolare ristorante nell’Ucraina orientale a giugno, uccidendo 13 persone, tra cui un pluripremiato scrittore ucraino e diversi adolescenti. Sette delle vittime erano dipendenti.

Oggi dove un tempo c’era l’ingresso sono stati collocati fiori freschi e bigliettini. Vicino al memoriale improvvisato è appesa una maglietta, parte dell’uniforme dei camerieri, con la scritta “Non dimenticheremo mai”.

“Come imprenditore, ovviamente, mi rammarico per la perdita della proprietà, ma c’è qualcosa che non può essere restituito: le vite umane”, ha detto Dmytro Ihnatenko, il proprietario di RIA Pizza.

L’edificio bombardato a Kramatorsk sottolinea gli enormi rischi per le imprese di questa città in prima linea nella regione di Donetsk. Ma ciò non ha scoraggiato molti altri imprenditori che hanno riaperto le porte ai clienti nell’ultimo anno.

Il consiglio comunale stima che a Kramatorsk siano attualmente aperti 50 ristoranti e 228 negozi, tre volte il numero aperto nello stesso periodo dell’anno scorso. Si ritiene che la maggior parte siano attività esistenti che hanno chiuso nei primi giorni della guerra e che hanno riaperto.

“Comprendiamo che questo è un rischio e lo stiamo correndo perché questa è la nostra vita”, ha detto Olena Ziabina, amministratore capo del ristorante White Burger a Kramatorsk. “Ovunque siamo, dobbiamo lavorare. Lavoriamo qui. Questa è la nostra scelta consapevole”.

See also  Microsoft è pronta ad acquistare più carburante pulito rispetto alla maggior parte delle compagnie aeree

Prima della guerra la catena White Burger operava principalmente nelle regioni di Donetsk e Luhansk. Ma dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina nel febbraio 2022, ha potuto riaprire solo a Kramatorsk. Ha lanciato due nuovi ristoranti nella capitale, Kiev, e Dnipro per mantenere viva la catena.

Il ristorante di Kramatorsk è il migliore della catena in termini di redditività, anche se i prezzi sono inferiori del 20% rispetto al ristorante della capitale.

Dopo l’attacco alla RIA Pizza gli operatori del White Burger non hanno pensato di chiudere il ristorante Kramatorsk, ha detto Ziabina. “Ho pianto molto”, ha detto, ricordando il giorno in cui ha saputo dell’attacco.

L’economia di Kramatorsk si è adattata alla guerra. La città ospita il quartier generale regionale dell’esercito ucraino e molti caffè e ristoranti sono frequentati principalmente da soldati, giornalisti e operatori umanitari.

Le donne ucraine spesso si recano lì per riunirsi per qualche giorno con mariti e fidanzati.

I soldati scherzano dicendo che Kramatorsk è la loro Las Vegas, che offre tutti i “lussi” di cui hanno bisogno, come buon cibo o caffè. Ma i ristoranti offrono solo birra analcolica a causa della vicinanza della città al campo di battaglia.

Le strade della città sono per lo più vuote, fatta eccezione per le auto militari. I residenti che sono rimasti evitano grandi assembramenti e luoghi affollati.

Tuttavia, siamo ben lontani dai primi giorni della guerra, quando i negozi, i ristoranti e i caffè di Kramatorsk erano chiusi. Decine di migliaia di persone rimasero senza lavoro e le fabbriche furono chiuse.

“Probabilmente, grazie ai militari, possiamo ancora tornare in questa città”, ha detto Oleksandr, che ha chiesto di essere identificato solo con il suo nome per motivi di sicurezza.

See also  AT&T presenta il casco da football connesso al 5G per migliorare la comunicazione tra giocatori e allenatori non udenti

È cofondatore di uno dei numerosi negozi militari di Kramatorsk al servizio dei soldati. Oleksandr ha detto che aumenta i prezzi solo di 1 grivna (3 centesimi di euro) sopra il prezzo del produttore. Ha detto che l’obiettivo non è guadagnare soldi ma fornire ai militari l’attrezzatura necessaria.

Le nuove opportunità comportano rischi enormi

Molti residenti apprezzano le nuove opportunità di lavoro offerte dalla riapertura di negozi e ristoranti.

ANNUNCIO

Ma ci sono meno opzioni per gli anziani, ha detto Tetiana Podosionova, 54 anni. Ha lavorato presso lo stabilimento di costruzione di macchine di Kramatorsk per 32 anni, ma lo stabilimento ha chiuso a causa di rischi per la sicurezza quando è iniziata la guerra.

“Speravo di lavorare in fabbrica fino alla pensione”, ha detto Podosionova. La maggior parte dei lavori ora sono in ristoranti e negozi, dove non aveva esperienza.

Alla fine trovò lavoro presso l’Amazing Fish Aquarium, che riprese le operazioni mesi dopo l’inizio della guerra. L’acquario ospita centinaia di pesci esotici e dozzine di pappagalli e rimane aperto per intrattenere i residenti, spesso stressati dagli attacchi missilistici.

Ma ogni attività riaperta comporta dei rischi. Ihnatenko, il proprietario della pizzeria, viene ancora ogni giorno nel suo ristorante distrutto quando è a Kramatorsk. Non sa perché. Sembra stanco. La sua voce è appena al di sopra di un sussurro.

Lui, come molti imprenditori, ha visto la riuscita controffensiva dell’Ucraina nella vicina regione di Kharkiv lo scorso anno come un segno che la vita potrebbe tornare a Kramatorsk.

ANNUNCIO

“Sembrava più sicuro qui”, ha spiegato, in piedi tra le macerie del suo ristorante.

See also  Il CEO di Blackrock Fink interviene sulle voci sull'ETF Bitcoin

Non ha intenzione di ricostruire e riaprire ancora una volta.

La sua tragica esperienza mostra le sfide che gli imprenditori devono affrontare pur mantenendo le porte aperte.

“Un missile può arrivare in qualsiasi momento”, ha detto.

Leave a Comment