I titoli del Tesoro USA vengono svenduti mentre gli investitori si preoccupano per un lungo periodo di tassi elevati

Ricevi aggiornamenti gratuiti sui mercati

I rendimenti dei titoli del Tesoro a lungo termine hanno toccato i massimi pluriennali e il dollaro è salito lunedì mentre gli investitori hanno preso spunto dai banchieri centrali e si sono preparati per un lungo periodo di tassi di interesse elevati negli Stati Uniti.

Il rendimento dei titoli del Tesoro USA a 10 anni di riferimento è aumentato di 0,10 punti percentuali al 4,54%, il livello più alto in 16 anni, mentre quello sulla banconota a 30 anni è aumentato di 0,14 punti percentuali al 4,66%, il livello più alto dal 2011.

In Europa, il rendimento del Bund tedesco a 10 anni, il punto di riferimento regionale, è salito al 2,81%, il livello più alto dal 2011. I rendimenti obbligazionari aumentano mentre i prezzi scendono.

Il debito pubblico globale è stato svenduto negli ultimi giorni poiché le banche centrali hanno suggerito che il ciclo globale di aumenti dei tassi di interesse si sta avvicinando alla fine, ma hanno segnalato che i tassi di interesse avrebbero dovuto rimanere elevati per contenere l’inflazione. La scorsa settimana la Federal Reserve americana ha mantenuto i tassi di interesse al livello più alto degli ultimi 22 anni, ma ha pubblicato proiezioni che mostrano meno tagli dei tassi nel 2024 rispetto a quanto previsto dai mercati.

“Abbiamo a lungo pensato che il mercato azionario fosse stato troppo aggressivo nel scontare i tagli dei tassi”, hanno scritto lunedì gli analisti di UBS. “Una Fed dipendente dai dati non ha alcun incentivo a sembrare morbida sull’inflazione”.

See also  Tyson ricorda quasi 30.000 libbre di bocconcini di pollo dinosauro

Alcuni funzionari hanno anche lasciato la porta aperta a ulteriori aumenti dei tassi. Lunedì il presidente della Fed di Chicago, Austan Goolsbee, ha affermato che un’inflazione superiore al target rappresenta un rischio maggiore per l’economia rispetto a una politica restrittiva.

“Molti partecipanti al mercato hanno investito partendo dal presupposto che i tassi sarebbero scesi subito dopo aver raggiunto il picco”, ha affermato Tom Hopkins, gestore di portafoglio presso BRI Wealth Management. “Tuttavia, con le economie che rimangono resilienti e il mercato del lavoro ancora teso, c’è più la sensazione che i tassi si manterranno pari o prossimi ai livelli attuali anche nel prossimo anno”.

L’indice del dollaro, una misura del biglietto verde rispetto a sei valute equivalenti, è aumentato fino allo 0,5% per eclissare il massimo toccato durante la crisi bancaria regionale di marzo e toccare il livello più forte da novembre dello scorso anno.

Grafico lineare del rendimento dei titoli del Tesoro a 30 anni (%) che mostra i rendimenti sull'aumento del debito statunitense a lungo termine in seguito alla guida aggressiva della Fed

Il benchmark di Wall Street, l’S&P 500, ha chiuso in rialzo dello 0,4%, guidato dai settori dell’energia e dei materiali, e il Nasdaq Composite, ad alto contenuto tecnologico, è avanzato di quasi lo 0,5%.

In Europa, l’indice regionale Stoxx Europe 600 è sceso dello 0,6% e il Dax tedesco ha perso l’1%. La flessione si è diffusa lunedì dalla Cina, dove il calo del settore immobiliare, un tempo dominante, ha trascinato l’Hang Seng di Hong Kong giù dell’1,8% e il CSI 300 dello 0,7%.

I mercati asiatici sono stati scossi dalla notizia che il colosso immobiliare cinese Evergrande non ha potuto emettere nuovi debiti a causa di un’indagine sulla sua principale controllata, Hengda Real Estate Group. Le sue azioni sono scese di oltre un quinto e sono arrivate due giorni dopo l’avvertimento che avrebbe annullato alcune riunioni dei creditori per rivalutare i termini della sua ristrutturazione.

See also  Crisi immobiliare: siete disposti ad aspettare 6 mesi per affittare un monolocale a Parigi?

La flessione si è riverberata sul vacillante mercato immobiliare cinese, con l’impresa immobiliare Longfor in calo del 6,5% e Country Garden che ha ceduto il 7,7%. A Hong Kong l’indice Hang Seng Properties ha perso il 4,2%.

Il settore immobiliare cinese, che normalmente rappresenta più di un quarto dell’attività della seconda economia mondiale, ha inciampato dall’inizio dell’anno poiché la domanda dei consumatori ha faticato a riprendersi dopo tre anni di severe restrizioni dovute alla pandemia di coronavirus.

Gli investitori si stanno preparando per i dati sull’inflazione nell’eurozona questa settimana, nella speranza di valutare i piani dei politici per i tassi futuri. Crescono le preoccupazioni che i recenti tagli all’offerta di petrolio possano alimentare una seconda ondata di inflazione a livello globale.

Leave a Comment