I sopravvissuti alle inondazioni in Libia descrivono scene catastrofiche a Derna e nei suoi dintorni: NPR

Sono in corso operazioni di ricerca e salvataggio nella regione colpita dalle inondazioni dovute alla tempesta Daniel a Derna, in Libia, il 14 settembre.

Agenzia Hamza Al Ahmar/Anadolu tramite Getty Images


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Agenzia Hamza Al Ahmar/Anadolu tramite Getty Images


Sono in corso operazioni di ricerca e salvataggio nella regione colpita dalle inondazioni dovute alla tempesta Daniel a Derna, in Libia, il 14 settembre.

Agenzia Hamza Al Ahmar/Anadolu tramite Getty Images

LONDRA – Per Ehdaa Bujeldain, un’insegnante di inglese che vive con la famiglia a Bab-Tobruk, sulle montagne di Derna, nella Libia orientale, è sembrato che fosse esplosa una bomba nel cuore della notte.

“Domenica notte, alle 3 del mattino, io e la mia famiglia abbiamo sentito qualcosa di simile a un’esplosione”, dice al telefono a NPR. “Abbiamo perso l’elettricità e la connessione. Non sapevamo cosa fosse successo. Poi abbiamo sentito che era crollata una diga a Derna.”

Sono trascorsi quattro giorni senza elettricità né internet, ed è solo negli ultimi due giorni che lei e la sua famiglia hanno iniziato a rendersi conto dell’intera portata della devastazione causata dalle inondazioni di questa settimana.

Ogni giorno che passa, vengono a conoscenza di nuove perdite: colleghi, amici e familiari uccisi dalle inondazioni.

“Metà della città è scomparsa. I parenti di mia madre, i miei amici, i miei colleghi. Sono tutti morti”, dice Bujeldain.

Najib Tarhoni, un medico che lavora nel grande ospedale più vicino a Derna, nella città di Bengasi, ha familiari sopravvissuti all’alluvione. Sono riusciti a mettersi in salvo a Bengasi, dice, ma sono cambiati per sempre.

“Queste persone”, dice, “sono fantasmi nel guscio. Hanno visto la morte, non solo nelle loro famiglie ma anche dentro di loro. Le loro anime sono schiacciate, la loro speranza è perduta. Come si può tornare indietro da una cosa simile? È vicino all’annientamento.”

Cinque giorni dopo, le cifre variano per quanto riguarda il numero dei morti a causa della catastrofica inondazione che ha colpito Derna. Giovedì la Mezzaluna Rossa libica ha stimato che siano morte 11.300 persone. Il sindaco della città ha detto che il bilancio delle vittime potrebbe raggiungere i 20.000.

Le squadre umanitarie stanno arrivando in città, ma i loro sforzi sono stati spesso vanificati da infrastrutture danneggiate e dalla mancanza di accesso a energia elettrica, acqua e carburante.

Il responsabile degli aiuti delle Nazioni Unite Martin Griffiths ha definito “spaventosa” la portata dell’alluvione e ha affermato che si tratta di un “enorme promemoria” delle sfide poste dal cambiamento climatico.

Derna è una città costiera del Mediterraneo attraversata da un fiume stagionale, il Wadi Derna, che scorre a sud dagli altopiani. Per coloro che vivono nella valle del Wadi Derna, non c’è stato quasi alcun preavviso prima che le acque dell’alluvione si riversassero, come uno tsunami, nelle prime ore di lunedì mattina.

Nasib Almnsori è di Derna e ora vive nella vicina Tobruk, a poco più di 100 miglia di distanza. Ha perso tre cugini e le loro famiglie nell’alluvione. Altri cugini sopravvissuti sono venuti a stare con lui.

All’inizio la pioggia non sembrava insolita, dice. Ogni anno la valle del Wadi Derna si riempie di acqua piovana, creando il fiume stagionale. Domenica sera, come sempre negli anni passati, parenti e amici gli hanno inviato i video dell’acqua piovana nella valle.


Una vista degli edifici e delle auto danneggiate dalle inondazioni a Derna, in Libia, il 14 settembre.

Agenzia Hamza Al Ahmar/Anadolu tramite Getty Images

Questa volta, però, la quantità di pioggia causata dalla tempesta Daniel è stata straordinaria. E poi, intorno alle 2 di notte di lunedì, due dighe sono crollate.

“L’acqua ha raggiunto il secondo piano della casa di mio cugino Seraj”, dice. “Ha guardato fuori e ha visto molta acqua entrare in casa. Ha svegliato la sua famiglia e ha detto loro di salire al terzo piano, sul tetto, così sono sopravvissuti.”

Almnsori dice che le persone che vivono in case a uno o due piani vicino al Wadi Derna non potrebbero scappare così facilmente.

La mattina dopo, il fratello ha intrapreso un difficile viaggio alla ricerca dei parenti, affrontando le strade interrotte dall’alluvione. Una delle loro cugine, Khadija, 37 anni, era scomparsa.

“La situazione era disastrosa”, dice. “Persone [were] sepolti sotto le loro case. Prima non l’hanno trovata, hanno trovato solo il marito e i bambini, quindi hanno continuato a cercare. Non l’hanno trovata in casa perché l’alluvione l’ha portata via.”

Solo suo figlio di cinque anni, Fares, era sopravvissuto.

“Conosco famiglie in cui ognuno di loro è morto. Nessuno è rimasto in vita. Rispetto alla mia tragedia, è davvero enorme”, dice Almnsori.

Taha Muftah, un fotoreporter che vive nella parte ovest di Derna, ha trascorso venerdì mattina passeggiando per il centro e facendo il punto sulla devastazione.

See also  Il video di un uomo che urina in una vasca contenente gli ingredienti della birra Tsingtao stimola le indagini

“Il danno è enorme, insondabile. Chiediamo al mondo di inviare aiuti, di ascoltare la nostra richiesta”, dice.

Ibrahim Ozer, dell’organizzazione della Mezzaluna Rossa turca, faceva parte di una squadra di ricerca e soccorso a Derna all’inizio della settimana. Ha descritto la difficoltà di trasportare e consegnare aiuti in una città divisa a metà.

“C’è un fiume che collega l’est con l’ovest, tutti i ponti sono crollati, non c’è passaggio da un lato all’altro”, dice. “Non è un’alluvione regolare: è come una tempesta, un’alluvione e un terremoto.”

Le operazioni di ricerca e salvataggio continuano a Derna, il 14 settembre.

Agenzia Hamza Al Ahmar/Anadolu tramite Getty Images


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Agenzia Hamza Al Ahmar/Anadolu tramite Getty Images


Le operazioni di ricerca e salvataggio continuano a Derna, il 14 settembre.

Agenzia Hamza Al Ahmar/Anadolu tramite Getty Images

Tarhoni, il medico di Bengasi, avverte che si prospettano le settimane più difficili.

“Una catastrofe è compiuta e ce n’è un’altra in arrivo”, dice. “Le migliaia e migliaia di persone che [lost everything]che hanno perso la casa, il lavoro: queste persone ora hanno bisogno di lavoro, di cure, di sostegno psicologico.”

Leave a Comment