Il capo della General Motors attacca gli scioperanti della UAW nel segno che il conflitto sindacale potrebbe intensificarsi

Ricevi aggiornamenti gratuiti sulle automobili

Venerdì l’amministratore delegato della più grande casa automobilistica degli Stati Uniti ha criticato duramente il sindacato dei lavoratori dell’auto dopo che la loro leadership ha rifiutato l’offerta finale delle case automobilistiche di Detroit e ha innescato uno sciopero per cercare di ottenere un accordo migliore.

Migliaia di membri della United Auto Workers sono usciti da tre stabilimenti a mezzanotte dopo la scadenza del loro contratto e sono stati accolti dagli applausi dei loro compagni sindacali e sostenitori. Gli stabilimenti – uno stabilimento Ford nel Michigan, uno stabilimento General Motors nel Missouri e uno stabilimento Stellantis in Ohio – producono camion e veicoli utilitari sportivi che sono prodotti popolari.

“Sono estremamente frustrata e delusa”, ha detto alla CNBC l’amministratore delegato di GM Mary Barra. “Non abbiamo bisogno di scioperare in questo momento. Mettiamo sul tavolo un’offerta storica”.

Bara ha aggiunto che “ogni trattativa assume la personalità del leader”, un riferimento a Shawn Fain, che ha vinto la presidenza della UAW promettendo un atteggiamento più aggressivo nei confronti delle case automobilistiche.

La UAW chiede un aumento salariale al 36% in quattro anni, mentre le case automobilistiche offrono non più del 20%. Il sindacato vuole anche porre fine al sistema salariale a due livelli, in cui i nuovi lavoratori impiegano quattro anni per raggiungere la stessa retribuzione dei dipendenti di lunga data, a cui le case automobilistiche si sono opposte.

Lo sciopero, già senza precedenti in quanto ha colpito tutte e tre le grandi case automobilistiche contemporaneamente, potrebbe estendersi a più fabbriche e centri di distribuzione, a seconda di come si comporterà il sindacato al tavolo delle trattative. La UAW lo ha chiamato “Stand Up Strike”, riferendosi allo sciopero Sit Down degli anni ’30 che contribuì a costruire il nascente sindacato e il più ampio movimento operaio statunitense.

See also  L'olimpionica Mary Lou Retton è tornata a casa per riprendersi dalla polmonite, dice la figlia

“Se dobbiamo dare il massimo, lo faremo”, ha detto Fain giovedì. “Tutto è sul tavolo.”

Lo sciopero rappresenta un grattacapo politico per Joe Biden, che si è presentato come il presidente degli Stati Uniti più filo-sindacale degli ultimi tempi e ora è intrappolato tra il suo desiderio di sostenere le rivendicazioni dei lavoratori e i timori di un impatto economico nel settore industriale politicamente cruciale. Midwest.

Venerdì mattina, la Casa Bianca ha detto che Biden avrebbe parlato delle trattative contrattuali nel corso della giornata.

Nel frattempo, molti democratici del Congresso si sono schierati con la UAW nello scontro con le case automobilistiche statunitensi. Elissa Slotkin, un membro democratico moderato del Congresso del Michigan che è in corsa per un seggio aperto al Senato il prossimo anno, ha detto che si unirà al picchetto questo fine settimana.

“Negli ultimi due anni abbiamo approvato progetti di legge per incentivare la produzione americana e riportare le catene di approvvigionamento a casa da luoghi come la Cina”, ha affermato. “Ma le aziende che beneficiano di queste politiche devono agire bene nei confronti dei lavoratori che rendono possibile il loro successo”.

Anche alcuni repubblicani hanno mostrato simpatia nei confronti dei lavoratori in sciopero. “Fate il tifo per i lavoratori dell’auto in tutto il nostro paese che chiedono salari più alti e la fine della guerra verde della leadership politica contro il loro settore”, ha scritto sui social media JD Vance, il senatore repubblicano dell’Ohio vicino all’ex presidente Donald Trump.

Barra è apparsa anche alla CNN venerdì dove ha difeso la sua retribuzione, che secondo lei era legata alle prestazioni dell’azienda. La UAW, in risposta all’apparizione di Barra, ha dichiarato sui social media che, “durante gli otto minuti e mezzo [Barra] apparsa stamattina sulla CNN, ha “guadagnato” più soldi di quanto guadagna qualsiasi lavoratore automobilistico in un’intera giornata lavorativa. Ed è così che i Tre Grandi vogliono mantenerlo.

See also  Mercato azionario oggi: Wall Street in ribasso all'inizio di martedì con pochi dati economici all'orizzonte

Leave a Comment