I VC dicono alle start-up di ritardare i piani IPO dopo che Arm e Instacart hanno deluso

I venture capitalist stanno consigliando alle start-up di rinviare i piani per quotarsi in borsa negli Stati Uniti fino a quando i tassi di interesse non si saranno stabilizzati, dopo che i debutti incerti di Arm e Instacart hanno smorzato le speranze per un’ondata di nuove quotazioni tecnologiche.

La società di consegna di generi alimentari online Instacart, la cui offerta pubblica iniziale del 19 settembre è stata vista come un barometro chiave per altre società tecnologiche private, ha chiuso il mese al di sotto del suo prezzo di quotazione di 30 dollari, nonostante un aumento fino al 40% all’inizio delle contrattazioni.

Arm, il progettista di chip sostenuto da SoftBank, ha oscillato al di sopra e al di sotto del suo prezzo di quotazione di 51 dollari nelle due settimane successive alla sua IPO, ma ha chiuso il mese con quasi il 5% al ​​di sopra di esso. La società di software di automazione del marketing Klaviyo è la migliore delle tre, con un aumento del 15% rispetto al prezzo dell’IPO.

Tutte e tre le società hanno goduto di brillanti partenze sui mercati pubblici, ma questi sono stati attenuati dalla Federal Reserve che ha indicato il 20 settembre – giorno del debutto di Klaviyo – che avrebbe sostenuto un altro aumento dei tassi di interesse quest’anno e meno tagli del previsto nel 2024.

Le turbolente condizioni commerciali per tutto settembre hanno frustrato gli investitori della Silicon Valley che speravano che le quotazioni del mese avrebbero aperto la porta a decine di altre società tecnologiche private che si quotavano in borsa. Molte start-up avevano ritardato i loro piani IPO dopo che il mercato si era inasprito nel 2021.

See also  Le misure di austerità minano i diritti umani, afferma un nuovo rapporto

“Nel nostro portafoglio consigliamo: a meno che non sia realmente necessario, trattenersi”, ha affermato Mike Volpi, socio accomandatario della società di venture capital Index Ventures. “Il mercato è stato difficile nelle ultime settimane. . . A meno che tu non abbia bisogno di uscire, aspetterei fino alla seconda metà del prossimo anno.

Dato che le quotazioni pubbliche restano rischiose, le start-up più propense alla prossima IPO sono state “quelle costrette a farlo da fattori che vanno oltre gli obiettivi tradizionali di raccogliere capitale per la crescita o fornire liquidità”, ha affermato Jason Greenberg, co-responsabile della tecnologia globale, dei media e delle telecomunicazioni. attività bancaria di investimento presso Jefferies.

La società di dati sui mercati privati ​​PitchBook stima che nell’ultimo anno si sia accumulato un arretrato di quasi 80 candidati all’IPO, un periodo in cui i mercati pubblici si sono inaspriti a causa delle start-up tecnologiche. Ma alcuni investitori hanno cercato di adottare una visione a lungo termine.

“Tutti pensavano che le IPO fossero morte, ma non è così”, ha detto Paul Kwan, amministratore delegato della società di venture capital General Catalyst ed ex capo del settore bancario tecnologico della costa occidentale presso Morgan Stanley. Il trio di quotazioni di settembre “non ha rappresentato un grande punto di svolta”, ha aggiunto.

Gli aumenti dei tassi di interesse sono particolarmente dolorosi per le start-up private non redditizie, che vengono valutate sulla base del loro flusso di cassa futuro. Fino a quando i tassi non si saranno stabilizzati, ha detto Kwan, difficilmente ci sarà una ripresa delle IPO. Si aspetta un aumento delle fusioni e acquisizioni tra le società private nei prossimi sei mesi.

See also  Morellato Group sceglie la piattaforma Aptean Retail Planning per una pianificazione strategica avanzata e un processo decisionale basato sui dati

Alcune aziende potrebbero essere costrette a quotarsi prima o poi perché hanno bisogno di nuovo capitale per sopravvivere o crescere – “non è una bella storia di IPO”, ha avvertito Greenberg – o per pagare le tasse associate alla maturazione delle quote azionarie dei dipendenti.

Negli ultimi anni, molte società private della Silicon Valley – tra cui Instacart, Klaviyo e il gruppo di pagamenti Stripe – hanno offerto al personale “unità azionarie limitate” che consentono loro di incassare quando una società viene acquisita o diventa pubblica.

A marzo, Stripe ha raccolto più di 6,5 miliardi di dollari in una vendita di azioni private, in parte per coprire le passività fiscali dei dipendenti associate alla maturazione di tali RSU. Secondo una persona a conoscenza della questione e dell’S1 della società, Instacart utilizzerebbe “effettivamente tutti” i circa 600 milioni di dollari di proventi della sua IPO per regolare i costi associati alla maturazione delle RSU.

Klaviyo sta utilizzando quasi 60 milioni di dollari dei proventi della sua IPO per regolare le RSU in sospeso.

Un terzo fattore che spinge le start-up al mercato pubblico è il bisogno di liquidità dei loro investitori, secondo Don Butler, amministratore delegato del fondo di rischio Thomvest.

Le società di venture capital investono su una base a più lungo termine rispetto al private equity o agli investitori pubblici, con i fondi che generalmente operano su un ciclo di vita di 10 anni. Il ritorno sull’investimento di tali fondi è un punto di prova quando si raccoglie il prossimo fondo dai sostenitori, che in genere includono fondi pensione, fondi di dotazione e altri investitori istituzionali.

See also  Comprare casa nel 2023? Ecco quanto serve per permettersi la tipica casa americana

Ma le società di venture capital hanno bisogno che le start-up si IPO o trovino un’altra via d’uscita, come una vendita, per distribuire i rendimenti ai propri investitori. Alcuni accetterebbero che le loro aziende non fossero così preziose come si pensava una volta se ciò significasse concludere un accordo, ha affermato Butler.

Instacart, Klaviyo e Arm sono la prova che “la finestra dell’IPO è aperta, anche se incrinata rispetto agli standard storici”, ha affermato Peter Hébert, co-fondatore della società di venture capital Lux Capital.

“Mentre gli investitori pubblici sono molto più esigenti rispetto agli ultimi anni, le aziende mature con prospettive di crescita interessanti possono raccogliere fondi pubblici se lo desiderano”, ha affermato Hébert.

Klaviyo fornisce un segnale più promettente agli altri potenziali candidati all’IPO che servono clienti aziendali, piuttosto che consumatori. La società di tecnologie di marketing ha continuato a crescere rapidamente durante la pandemia, mentre altre stavano tagliando e viene scambiata vicino al suo picco di valutazione privata di 9,5 miliardi di dollari, fissato nel 2021.

Le cosiddette aziende “software as a service” come Klaviyo tendono a offrire agli investitori del mercato pubblico ricavi più prevedibili, poiché i clienti pagano un abbonamento mensile, rispetto ad aziende rivolte al consumatore come Instacart.

Tuttavia, secondo Greenberg, difficilmente le prospettive anche per i candidati IPO più forti saranno chiare finché i tassi di interesse non si saranno stabilizzati definitivamente e le prospettive economiche non saranno più stabili.

“La finestra è aperta? 100%”, ha detto. “Penso che le inserzioni decolleranno? No. Non per altri sei mesi.

Leave a Comment