Il capo della Goldman David Solomon dedica tempo a concerti di DJ di alto profilo

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

L’amministratore delegato di Goldman Sachs, David Solomon, ha deciso di smettere di fare il DJ in occasione di eventi di alto profilo in seguito alle critiche secondo cui il suo hobby creava una distrazione dal suo lavoro alla guida dell’azienda di Wall Street, secondo persone a conoscenza della decisione.

Ciò che era iniziato come un colorato trambusto collaterale che ha ammorbidito l’immagine pubblica di Solomon è diventato un parafulmine per le critiche nei suoi confronti all’interno di Goldman da parte dei banchieri scontenti per i passi falsi strategici e la riduzione dei salari.

Solomon, 61 anni, ha deciso di ritirarsi dall’attività di DJ circa un anno fa perché ciò ha generato un’attenzione indesiderata da parte dei media, hanno detto le persone.

L’ultimo evento degno di nota in cui Solomon ha fatto il DJ è stato nel luglio 2022 al Lollapalooza, un festival musicale di quattro giorni a Chicago.

A seguito di una richiesta di commento, il portavoce di Goldman Tony Fratto ha dichiarato: “Questa non è una novità. David non suona pubblicamente il DJ per un evento da oltre un anno, cosa che abbiamo confermato più volte in passato.

“La musica non era una distrazione dal lavoro di David. L’attenzione dei media è diventata una distrazione”, ha aggiunto Fratto.

Il DJ di Solomon ha attirato l’attenzione del consiglio di amministrazione di Goldman, ha riportato in precedenza il Financial Times. In particolare, alcuni erano a disagio per la sua decisione nel 2019 di esibirsi al Tomorrowland, un festival musicale belga noto per il consumo di droghe pesanti.

See also  La Fed approva l'acquisizione di PacWest da parte della Banc of California

Solomon si è anche scusato con il consiglio di amministrazione di Goldman nel 2020 dopo aver fatto il DJ a un evento del 2020 nell’area turistica degli Hamptons a New York che è stato criticato per aver violato le regole di distanziamento sociale durante la pandemia di Covid-19.

Solomon è stato nominato amministratore delegato nel 2018 e da allora ha cercato di diversificare le attività di Goldman lontano dall’investment banking e dal trading, ed espandersi in aree come la gestione patrimoniale e patrimoniale che sono considerate meno volatili.

Ma lo scorso anno ha segnato il periodo più impegnativo per Goldman da quando Solomon è subentrato, caratterizzato da un calo degli utili, da una serie di partenze di alto profilo e da una serie di articoli che mettevano in dubbio la sua gestione della banca.

Nel secondo trimestre, Goldman ha registrato il profitto trimestrale più basso degli ultimi tre anni, poiché il costoso ritiro dal consumer banking è stato aggravato dal rallentamento a livello di settore nelle operazioni e negli scambi. Martedì Goldman pubblicherà gli utili del terzo trimestre.

L’interesse di Solomon per il DJ, un passatempo insolito per Wall Street, è iniziato più di dieci anni fa, quando stava lavorando a un accordo di finanziamento per un casinò di Las Vegas. Ha detto che i proventi delle sue esibizioni sono andati a enti di beneficenza che combattono la dipendenza.

Inizialmente si esibiva sotto il nome d’arte DJ-D Sol, un soprannome che divenne una parte importante del suo personaggio pubblico.

Durante un cameo in un episodio della serie televisiva americana Miliardi nel 2020, il titano immaginario degli hedge fund Bobby Axelrod, interpretato dall’attore Damian Lewis, si riferiva a Solomon come DJ-D Sol. Solomon in seguito cambiò il suo nome d’arte in David Solomon.

See also  Revolut nomina il nuovo capo del Regno Unito mentre attende la licenza bancaria britannica

Sebbene pochi colleghi abbiano sottolineato l’hobby di Solomon prima che diventasse amministratore delegato, la sua decisione di mantenerlo dopo aver rilevato la banca è stata controversa per alcuni dipendenti, che ritenevano che attirasse attenzioni indesiderate. Ciò è dovuto in parte alla natura altamente visibile delle esibizioni, delle playlist di Spotify e dei post di Instagram che ne derivavano.

Leave a Comment