Prestiti non garantiti Rs 50000: i prestiti di piccola entità, favoriti dal fintech, sono in difficoltà e le banche stanno diventando diffidenti

In mezzo ai crescenti segnali di tensione nel settore dei prestiti personali di piccolo importo, alcune banche indiane sono sempre più caute nell’impegnarsi nel settore dei prestiti non garantiti.

Le principali banche hanno affermato che c’è tensione nel settore dei prestiti non garantiti. Questo spazio è guidato in gran parte dall’erogazione da parte delle fintech di prestiti personali di piccolo importo, quelli inferiori a Rs 50.000. I prestiti non garantiti non necessitano di alcuna garanzia, favorendo l’accesso al credito facile.

C’è anche l’aspettativa che le autorità di regolamentazione possano rendere più difficile per le banche concedere prestiti a questo segmento “più rischioso”.

Axis Bank, nella sua conferenza stampa post-utili di ottobre, ha affermato di aver riscontrato un aumento della delinquenza nel segmento dei prestiti personali inferiori a Rs 50.000, il che sta offuscando la valutazione del business non garantito. La banca è rimasta lontana da questo segmento.

Il presidente della SBI Dinesh Khara ha affermato che la banca non concede prestiti inferiori a Rs 50.000.

La Banca di Baroda ha scelto di ridurre la rapida espansione dei prestiti personali non garantiti. Questi prestiti sono aumentati del 60-70% a causa del loro piccolo punto di partenza, ma ora la crescita sarà limitata al 35% circa. Questa decisione arriva in risposta alle preoccupazioni che sono state sollevate su diverse piattaforme, afferma un rapporto TOI. UBS Securities in una nota ha avvertito di “aumento dei rischi di default nei prestiti al dettaglio non garantiti delle banche, che probabilmente aumenterà le loro perdite su crediti del 50%”. 200 bps.”

L’aumento e l’aumento dei prestiti di piccolo importo

I consumi indiani nell’ultimo anno sono stati sostenuti da un’ampia fascia della classe media che ha scelto di spendere a credito per beni non essenziali.

See also  la banca dovrebbe comprimere il suo bilancio, non solo i suoi clienti

Secondo il rapporto della Fintech Association for Consumer Empowerment, gli istituti di credito fintech hanno erogato prestiti per circa Rs 30.000 crore nel trimestre di giugno, in crescita del 32% su base annua.

Questo aumento della propensione al credito ha attirato l’attenzione della Reserve Bank of India, che ha messo in guardia i banchieri dall’aumento esponenziale dei prestiti al dettaglio non garantiti. “Rafforzare i vostri meccanismi di sorveglianza interna in modo che tutti i rischi che potrebbero probabilmente accumularsi siano gestiti in anticipo, piuttosto che fallire in un secondo momento”, ha affermato il governatore della RBI Shaktikanta Das.

L’avvertimento della RBI è arrivato in un contesto di aumento dell’appetito per i prestiti di piccolo importo. Un quarto dei prestiti complessivi al dettaglio erogati in volume tra gennaio 2022 e giugno 2023 sono stati prestiti personali di piccolo importo inferiori a Rs 50.000, ha affermato recentemente l’ufficio di informazioni sul credito TransUnion Cibil.

Dal punto di vista della delinquenza, si è registrato un aumento dei prestiti personali di piccolo importo inferiori a Rs 50.000 non pagati per oltre 30 giorni durante i primi sei mesi di un prestito al 10,24% a dicembre 2022 rispetto al 7,56% a dicembre 2019. , afferma il rapporto del CIC.

“Anche se le inadempienze sui prestiti personali di importo ridotto hanno un impatto marginale sul portafoglio prestiti personali, queste devono essere monitorate attentamente, soprattutto perché i consumatori potrebbero dare priorità ad altri obblighi di pagamento rispetto ai pagamenti dei prestiti personali, che a loro volta potrebbero essere un indicatore più ampio di stress finanziario”, ha affermato.

Il Das della RBI ha incontrato anche i vertici delle NBFC di livello superiore, durante i quali si è discusso dei rischi associati all’elevata crescita del credito nel segmento al dettaglio, soprattutto nella categoria non garantita.

See also  Revolut nomina il nuovo capo del Regno Unito mentre attende la licenza bancaria britannica

“…il Governatore ha informato che gli NBFC e gli HFC devono rimanere vigili per evitare qualsiasi compiacenza durante i periodi favorevoli”, ha affermato la RBI.

Un altro rapporto di TransUnion CIBIL ha mostrato che i prestiti al dettaglio non garantiti, guidati dai consumi, sono cresciuti a un CAGR del 47% dal trimestre terminato da marzo 2021 a marzo 2023.

Potrebbero aumentare le preoccupazioni per i regolatori date le aspettative di un aumento dei prestiti durante le festività natalizie. Nel periodo festivo le erogazioni complessive per le piattaforme di prestito digitale sono aumentate in media del 15-20%.

Leave a Comment