JPMorgan Chase può colmare il vuoto bancario delle startup?

JPMorgan Chase sta rafforzando l’unità della banca che serve i clienti delle startup nel tentativo di riempire il vuoto lasciato da diversi istituti di credito regionali crollati questa primavera.

La banca con sede a New York quest’anno ha aggiunto quasi 200 banchieri alla sua divisione di economia dell’innovazione, un’area dell’azienda che si rivolge alle startup tecnologiche e alle imprese sostenute da capitale di rischio, ha affermato la banca. La ondata di assunzioni arriva quando JPMorgan afferma che il portafoglio clienti statunitense dell’unità è quasi raddoppiato nel 2023.

Ma mentre l’azienda investe nella crescita della divisione, Ashraf Hebela, responsabile dello startup banking presso la divisione bancaria commerciale di JPMorgan, ha sottolineato che la banca ha sempre avuto la missione di servire le startup, anche prima delle turbolenze bancarie di quest’anno.

“Questo non è un fenomeno nuovo”, ha detto Hebela, che è arrivato a JPMorgan dalla Silicon Valley Bank, crollata a marzo. “JPMorgan è sempre stata nel settore dell’economia dell’innovazione e non solo a livello nazionale, ma globale. Penso che l’evento di marzo lo abbia affermato più focalizzato.”

Quando la Silicon Valley Bank crollò, la comunità delle startup perse la sua banca preferita. L’istituto di credito quarantenne con sede a Santa Clara, in California, ha favorito stretti rapporti con il settore tecnologico emergente ed era conosciuto come la banca di riferimento per le aziende sostenute da capitali di rischio.

Ma l’implosione di SVB, e la successiva scomparsa di altri due istituti di credito regionali favorevoli alle startup questa primavera, hanno fatto sì che gli imprenditori fossero alla ricerca di una nuova banca, e molti hanno visto JPMorgan come un luogo sicuro dove parcheggiare i propri fondi.

“Negli ultimi due mesi abbiamo assistito a un afflusso di aziende che si sono rivolte a noi alla ricerca di un ambiente più stabile”, ha affermato Melissa Smith, co-responsabile dell’economia dell’innovazione e responsabile delle industrie specializzate di JPMorgan. ha detto a Reuters a maggio.

See also  La fiducia nelle banche rimane stabile, mentre le fintech hanno terreno da coprire: sondaggio

Durante L’Investor Day di JPMorgan a maggioDoug Petno, CEO della banca commerciale, ha affermato che lo sconvolgimento del mercato e il “cambiamento nel nostro panorama competitivo” hanno sostanzialmente aumentato l’acquisizione di nuovi clienti da parte dell’azienda.

“[T]Per far fronte a questa crescita e riequilibrare il business e per accelerare i nostri sforzi bancari nell’economia dell’innovazione, stiamo aggiungendo un supporto di front e middle office sempre più elevato rispetto agli anni precedenti”, ha affermato.

Per aiutarla a servire una clientela che era il pane quotidiano della SVB, JPMorgan ha assunto alcuni degli ex dirigenti dell’azienda, tra cui John China, che ha trascorso 27 anni presso la banca regionale, più recentemente come presidente di SVB Capital.

JPMorgan ha insediato la Cina come co-responsabile dell’economia dell’innovazione per le banche commerciali a luglio, dove presta servizio insieme a Smith.

‘Fintech1.0’

Mentre JPMorgan cerca di capitalizzare un gap lasciato da una serie di fallimenti bancari, l’azienda dovrà convincere le startup di possedere la cultura e il servizio clienti che hanno reso caro a tanti imprenditori SVB.

Kimmy Paluch, socio amministratore di Beta Boom Capital, la cui azienda è diventata cliente di JPMorgan dopo la banca ha rilevato la fallita First Republic Bank a maggio, ha affermato che la transizione finora è stata positiva.

“In definitiva, la prova per stabilire se JPMorgan potrà intervenire per servire questo spazio sarà misurata dalle loro azioni. Ad oggi, sembra che la risposta sia inequivocabilmente “sì””, ha detto. “La piattaforma legacy della First Republic Bank è stata in grado di sfruttare queste risorse ampliate per continuare a servire i suoi partner VC, e noi siamo stati in grado di trarne vantaggio come azienda.”

Hebela ha affermato che le startup e i VC possono guardare ai 224 anni di storia di JPMorgan per trovare esempi dell’impegno iniziale della banca nei confronti della tecnologia emergente.

“Si potrebbe quasi sostenere che JPMorgan si sia occupata di finanziare l’economia dell’innovazione da quello che considererei fintech 1.0, ovvero Alexander Hamilton”, ha detto, riferendosi al padre fondatore che ha co-fondato The Manhattan Company, la prima istituzione predecessore di JPMorgan Chase .

See also  SocGen e Crédit Agricole aggiunti alla lista dei disinvestitori nel settore dei combustibili fossili del Texas

La Manhattan Company fu istituita dal legislatore dello Stato di New York nel 1799 per fornire acqua potabile alla popolazione della città. Una disposizione contenuta nello statuto consentiva alla società di utilizzare il capitale in eccesso per operazioni bancarie.

“Siamo stati imprenditori bancari negli ultimi due secoli”, ha detto Hebela. “Penso che sia una narrazione un po’ interessante quella là fuori, che dopo marzo siamo tutti dentro. Quando togli la cipolla, puoi vedere la storia di ciò che JPMorgan ha fatto nell’economia dell’innovazione. La storia inizia molto prima di marzo.

Leave a Comment