Il giudice rimuove i riferimenti al massacro di Tulsa dall’ordine di revisione del Dipartimento di Giustizia

Il giudice magistrato Christine Little ha rimosso due riferimenti al massacro della razza di Tulsa del 1921 da un ordine di consenso che coinvolgeva il Dipartimento di Giustizia e l’American Bank of Oklahoma all’inizio di questo mese.

Little ha accettato di cancellare parti dei paragrafi 4 e 29 della denuncia del Dipartimento di Giustizia, aree contro le quali l’American Bank of Oklahoma si era opposta.

“Le accuse riguardanti il ​​massacro della razza di Tulsa, sebbene storicamente e tecnicamente accurate, chiaramente non sono essenziali o importanti per la determinazione delle specifiche rivendicazioni del querelante riguardanti pratiche di prestito un secolo dopo”, ha detto Little nell’ordine.

Tuttavia, Little ha lasciato invariata la parte sostanziale dell’ordine di consenso di agosto: il prestatore di beni da 383 milioni di dollari rimane obbligato ad aprire una filiale in un tratto di censimento a maggioranza nera e ispanica all’interno della sua area di prestito di quattro contee nella regione metropolitana di Tulsa. Inoltre, secondo l’ordine di consenso originale, l’American Bank of Oklahoma deve istituire un fondo di prestito di 950.000 dollari per sovvenzionare mutui e finanziamenti per il miglioramento della casa nei quartieri prevalentemente neri e ispanici.

Sebbene l’American Bank of Oklahoma abbia negato le accuse del Dipartimento di Giustizia, ha accettato di pagare 1,15 milioni di dollari per risolvere le indagini sulle accuse secondo cui l’istituto di credito avrebbe fornito servizi di prestito ipotecario inadeguati ai quartieri a maggioranza nera e ispanica nell’area metropolitana di Tulsa dal 2017 almeno al 2021.

Ma la banca si oppose ai riferimenti al massacro della razza di Tulsa del giugno 1921 che coinvolse la violenza della folla e l’uccisione di molti residenti neri di Tulsa. Diverse case furono bruciate e la fiorente sezione commerciale a nord-est del centro di Tulsa, conosciuta anche come “la Wall Street nera d’America”, fu distrutta durante la rivolta.

See also  La banca francese attira l'attenzione per ragioni sbagliate

L’area statistica metropolitana di Tulsa è un’area estesa che copre un’ampia porzione dell’Oklahoma nordorientale.

“Come abitanti dell’Oklahoma, proviamo un profondo senso di dolore per i tragici eventi del massacro della razza di Tulsa oltre un secolo fa”, ha affermato la banca in agosto quando è stato pubblicato l’ordine di consenso. “È con profonda preoccupazione che notiamo la decisione del Dipartimento di Giustizia di fare riferimento a questo doloroso evento storico nella sua denuncia contro la nostra banca, fondata appena 25 anni fa.”

L’istituto di credito con sede a Collinsville, in Oklahoma, è stato fondato nel 1998, 77 anni dopo il massacro.

Uno dei riferimenti, ritagliato dalla denuncia, diceva: “L’area che ABOK ha evidenziato include i quartieri storicamente neri di Tulsa che furono il luogo del massacro razziale di Tulsa del 1921”. Anche l’altra parte tagliata parlava in modo simile.

Joe Landon, CEO dell’American Bank of Oklahoma, ha definito i riferimenti al massacro contenuti nell’ordine di consenso “irrilevanti, confusi e reputazionali”. dannoso” in una dichiarazione all’inizio di questo mese, secondo American Banker.

Ha affermato che la sentenza “ha trasmesso un messaggio importante ai nostri clienti, dipendenti e membri della comunità chiarendo che non esiste assolutamente alcun collegamento tra la nostra banca e il massacro della corsa di Tulsa del 1921”.

Tuttavia, il Dipartimento di Giustizia ha sostenuto nella documentazione legale che il ridimensionamento e la discriminazione sono storicamente radicati.

“Le aree messe in risalto dagli istituti di credito sono spesso aree che hanno subito altri tipi di discriminazione in passato e questo collegamento non è casuale”, ha osservato il Dipartimento di Giustizia in una nota di sette pagine, secondo American Banker.

See also  L'ex capo dell'investment banking del Credit Suisse si unisce a Santander

Una volta risolta la questione, l’American Bank of Oklahoma è pronta a lanciare nuove iniziative di prestito e di educazione finanziaria per servire i residenti del nord e del nord-est di Tulsa, ha affermato Landon.

Leave a Comment