Il marito dell’ex primo ministro norvegese evita le indagini della polizia sulle transazioni azionarie

Il marito dell’ex primo ministro norvegese Erna Solberg non dovrà affrontare indagini per il suo commercio di azioni durante i suoi due mandati in carica, ha annunciato venerdì la polizia norvegese. Era stato sospettato di trarre vantaggio da informazioni privilegiate.

ANNUNCIO

Solberg, che è stata primo ministro dal 2013 al 2021, ha dovuto affrontare un’intensa pressione politica e mediatica a causa delle operazioni commerciali di suo marito, Sindre Finnes, che ha concluso oltre 3.600 operazioni azionarie.

Pål K. Lønseth, capo dell’unità norvegese per la criminalità economica, conosciuta con il nome norvegese Økokrim, ha affermato che il suo compito era quello di valutare se Finnes avesse ricevuto informazioni privilegiate “da Solberg o da altre fonti, e se ci siano prove che abbia utilizzato tali informazioni”. informazioni sui suoi investimenti”.

“Non abbiamo trovato alcuna indicazione in merito”, ha detto Lønseth.

Solberg, che guida il partito di centrodestra norvegese Hoeyre dal 2004, ha ripetutamente affermato di voler essere il candidato primo ministro conservatore alle elezioni generali del 2025. Tuttavia spetta al partito decidere.

A settembre è stato rivelato che i mariti di Solberg e dell’ex ministro degli Esteri Anniken Huitfeldt avevano commerciato azionario per anni alle loro spalle.

Entrambi hanno dovuto spiegare perché stavano prendendo decisioni in carica che avrebbero potuto potenzialmente arricchire i loro coniugi.

In una dichiarazione rilasciata tramite il suo avvocato, Finnes ha ammesso di aver mentito a Solberg riguardo alle sue attività, ma ha affermato di non aver mai agito sulla base di informazioni privilegiate, il che sarebbe stato un reato penale.

Venerdì, il suo avvocato, Thomas Skjelbred, ha affermato che la decisione di Økokrim ha chiarito che il suo cliente “ha condotto operazioni di negoziazione di azioni completamente legali”.

See also  Obbligazioni verdi (lavaggio) in Brasile: come le banche europee sono collegate alla deforestazione e alla schiavitù

Huitfeldt è stato sostituito il mese scorso nell’ambito di un rimpasto di governo. Il primo ministro Jonas Gahr Støre ha detto che è stata licenziata a causa “della questione dell’acquisto e della vendita di azioni”.

Dopo essere stata rimproverata dal dipartimento legale del governo per non aver affrontato le “attività finanziarie” del suo partner, Huitfeldt ha ammesso in una dichiarazione che “avrebbe dovuto chiedere [her] marito, quali azioni possedeva”.

Nelle elezioni locali di settembre, il partito Hoeyre di Solberg è arrivato primo, con quasi il 26% dei voti, in aumento di quasi 6 punti percentuali rispetto alle ultime elezioni del 2019.

Il partito laburista socialdemocratico di Gahr Støre, che per decenni è stato il più grande partito norvegese alle elezioni locali, è arrivato secondo con quasi il 22% dei voti, in calo del 3,1% rispetto al 2019.

Solberg è stato sconfitto dal partito laburista alle elezioni generali del 2021.

Leave a Comment