Il nuovo capo di Unilever presenta un piano per affrontare la sottoperformance

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Il nuovo amministratore delegato di Unilever ha elaborato un piano per stimolare la crescita dopo anni di performance deludente dei prezzi delle azioni, dopo che gli aumenti dei prezzi hanno portato ad un aumento delle vendite ma ad un calo della quota di mercato nel terzo trimestre.

Nonostante il portafoglio di marchi dell’azienda, la performance di Unilever non è stata all’altezza del suo potenziale, ha detto giovedì Hein Schumacher definendo una strategia focalizzata su una crescita più rapida, sulla produttività e sulla costruzione di una “cultura della performance”.

“La qualità della nostra crescita, produttività e rendimenti sono stati deludenti”, ha affermato.

“Promuovereremo una crescita più rapida intensificando l’innovazione e gli investimenti a sostegno dei nostri Power Brands [30 brands which represent 70 per cent of Unilever’s turnover]; guideremo la semplicità e la produttività, sfruttando tutta la forza del nostro modello operativo; e affineremo la nostra cultura della performance attraverso una forte leadership e obiettivi ambiziosi”, ha aggiunto.

Il suo annuncio è arrivato quando Unilever ha riferito che le vendite sottostanti nei tre mesi fino alla fine di settembre sono aumentate del 5,2%, mentre il fatturato è sceso del 3,8% a 15,2 miliardi di euro, in linea con le aspettative degli analisti.

Unilever ha aumentato i prezzi del 5,8%, più di quanto previsto dagli analisti, mentre i volumi delle vendite sono diminuiti dello 0,6%. La società ha affermato che i prezzi più alti hanno costretto a ridurre i volumi, in particolare in Europa, dove i volumi di vendita sono diminuiti del 10% poiché i consumatori sono passati a prodotti più economici.

See also  Mercato azionario oggi: azioni mondiali contrastanti dopo che la Cina si è impegnata a fornire maggiore sostegno per il rallentamento dell’economia

La percentuale della quota di mercato vincente è scesa al 38%, in calo rispetto al 41% del secondo trimestre dell’anno, a causa delle dinamiche dei prezzi e dei cambiamenti dei consumatori in alcuni dei suoi mercati.

Il produttore di Magnum e Marmite ha anche annunciato la nomina di un nuovo direttore finanziario, Fernando Fernandez, attuale presidente del gruppo bellezza e benessere di Unilever.

Fernandez sostituisce Graeme Pitkethly, che ha annunciato la sua decisione di ritirarsi dalla società quest’anno, sei mesi dopo che l’ex amministratore delegato Alan Jope aveva annunciato le sue dimissioni.

Il colosso dei beni di consumo ha annunciato di aver raggiunto un accordo per la vendita di Dollar Shave Club, una società acquistata per 1 miliardo di dollari nel 2016. Unilever manterrà una partecipazione di minoranza del 35%.

Leave a Comment