Il primo ministro australiano annuncia la visita in Cina poche ore prima della partenza per gli Stati Uniti per incontrare Biden

Contenuto dell’articolo

CANBERRA, Australia (AP) – Il primo ministro australiano Anthony Albanese ha detto che visiterà la Cina all’inizio di novembre, facendo l’annuncio domenica ore prima di volare negli Stati Uniti per incontrare il presidente Joe Biden.

Albanese ha anche affermato che la Cina ha accettato sabato scorso di rivedere le tariffe paralizzanti imposte sul vino australiano che hanno di fatto bloccato il commercio con il più grande mercato di esportazione dei produttori di vino dal 2020.

Pubblicità 2

Contenuto dell’articolo

Contenuto dell’articolo

Albanese diventerà il primo primo ministro australiano a visitare la Cina in sette anni quando si recherà a Pechino e Shanghai dal 4 al 7 novembre.

“È nell’interesse dell’Australia avere buoni rapporti con la Cina”, ha detto Albanese ai giornalisti al Parlamento australiano, aggiungendo che nei prossimi giorni il suo focus sarà sulla visita negli Stati Uniti.

“Con il partner più vicino dell’Australia, parliamo del futuro della nostra alleanza, il futuro che è stato migliorato dagli accordi AUKUS, un futuro basato sui nostri valori comuni, sul nostro impegno per la democrazia e sul nostro impegno per lo stato di diritto internazionale e l’ordine stabile in tutto il mondo”, ha aggiunto Albanese, utilizzando l’acronimo di Australia, Regno Unito e Stati Uniti.

In base al patto trilaterale, gli Stati Uniti e la Gran Bretagna coopereranno per fornire all’Australia una flotta di sottomarini alimentati dalla tecnologia nucleare statunitense per contrastare una Cina più assertiva.

Albanese ha detto che incontrerà il presidente Xi Jinping e il premier Li Qiang a Pechino e poi parteciperà alla China International Import Expo a Shanghai.

La visita in Cina e una potenziale svolta nella controversia sul vino segnano un’ulteriore riparazione nelle relazioni da quando il Partito laburista di centrosinistra di Albanese ha vinto le elezioni lo scorso anno dopo nove anni di governo conservatore in Australia.

Contenuto dell’articolo

Pubblicità 3

Contenuto dell’articolo

La Cina ha accettato di rivedere le sue tariffe sul vino australiano nell’arco di cinque mesi, ha affermato l’ufficio di Albanese. In cambio, l’Australia ha sospeso la denuncia contro il suo partner di libero scambio presso l’Organizzazione mondiale del commercio.

La Cina ha confermato che le due parti hanno raggiunto un consenso sulla risoluzione “appropriata” delle questioni relative al vino australiano.

“Siamo disposti a lavorare con l’Australia per continuare a incontrarci a metà strada attraverso il dialogo e la consultazione e promuovere congiuntamente lo sviluppo stabile e sano delle relazioni economiche e commerciali bilaterali”, ha affermato domenica il Ministero del Commercio cinese in una breve dichiarazione.

Un piano simile per la risoluzione delle controversie ha portato la Cina a rimuovere le tariffe sull’orzo australiano.

Albanese ha affermato che la riapertura del mercato cinese del vino varrebbe più di 1 miliardo di dollari australiani (631 milioni di dollari) per gli esportatori.

“Siamo molto fiduciosi che ciò porterà ancora una volta il vino australiano, un ottimo prodotto, a poter arrivare in Cina senza le tariffe imposte dalla Cina”, ha detto Albanese.

“È importante stabilizzare le nostre relazioni con la Cina. Ciò è nell’interesse dell’Australia e della Cina, ed è davvero nell’interesse del mondo che abbiamo relazioni stabili ed è ciò che rappresenterà questa visita”, ha aggiunto.

Pubblicità 4

Contenuto dell’articolo

La visita si avvicinerà al cinquantesimo anniversario da quando il leader del partito laburista Gough Whitlam divenne il primo primo ministro australiano a visitare la Repubblica popolare cinese nel 1973.

Albanese ha accettato l’invito settimane fa a visitare la Cina quest’anno, ma trovare date adatte è stato impegnativo.

Albanese si recherà a Washington per incontrare Biden questa settimana e tornerà negli Stati Uniti dopo il suo viaggio in Cina per partecipare al forum dei leader della cooperazione economica Asia-Pacifico a San Francisco dal 15 al 17 novembre.

See also  Lavorare in Europa: quali paesi hanno il maggior numero di posti di lavoro vacanti e quali ruoli sono più richiesti?

Sarà la nona volta che Biden incontrerà Albanese come primo ministro. Il primo incontro è avvenuto a Tokyo, poche ore dopo che Albanese aveva prestato giuramento come leader del governo nel maggio dello scorso anno per un vertice dei leader del partenariato strategico Quad che comprendeva anche Giappone e India.

Oltre all’accordo AUKUS, i leader cercheranno anche una maggiore cooperazione sull’energia pulita, sui minerali critici e sul cambiamento climatico.

Il dipartimento di Albanese ha annunciato venerdì di aver deciso, dopo un’indagine, di non annullare il contratto di locazione di 99 anni di una società cinese sul porto di Darwin, strategicamente importante, nonostante le preoccupazioni degli Stati Uniti che il controllo straniero possa essere utilizzato per spiare le sue forze militari.

Pubblicità 5

Contenuto dell’articolo

Alcuni analisti della sicurezza hanno interpretato la decisione di lasciare che Shandong Landbridge Group mantenesse il contratto di locazione firmato nel 2015 e a lungo criticato da Albanese come una concessione alla Cina in vista della sua visita.

Il rilascio da parte della Cina della giornalista australiana Cheng Lei questo mese, dopo aver trascorso tre anni in detenzione a Pechino con l’accusa di spionaggio, è stato ampiamente visto come una concessione all’Australia.

Albanese ha affermato che la svolta sul vino “non è stata transazionale”, il che significa che l’Australia non ha fatto alcuna concessione corrispondente alle richieste cinesi.

“Continueremo a sostenere la nostra causa su questioni che sono nell’interesse nazionale dell’Australia”, ha affermato.

“Ho detto in modo molto coerente: coopereremo con la Cina dove possiamo, non saremo d’accordo dove dobbiamo e ci impegneremo nel nostro interesse nazionale, ed è esattamente quello che stiamo facendo”, ha aggiunto.

Contenuto dell’articolo

Commenti

Postmedia si impegna a mantenere un forum di discussione vivace ma civile e incoraggia tutti i lettori a condividere le loro opinioni sui nostri articoli. I commenti potrebbero richiedere fino a un’ora per la moderazione prima di essere visualizzati sul sito. Ti chiediamo di mantenere i tuoi commenti pertinenti e rispettosi. Abbiamo abilitato le notifiche via email: ora riceverai un’email se ricevi una risposta al tuo commento, se c’è un aggiornamento in un thread di commenti che segui o se un utente che segui commenta. Consulta le nostre Linee guida della community per ulteriori informazioni e dettagli su come modificare le impostazioni e-mail.

Leave a Comment