Il procuratore generale di New York fa causa a DCG, Gemini e Genesis per presunta frode crittografica da 1,1 miliardi di dollari

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Il procuratore generale di New York ha citato in giudizio il conglomerato di criptovalute Digital Valuta Group, l’exchange Gemini dei gemelli Winklevoss e l’istituto di credito Genesis crollato per aver presumibilmente frodato gli investitori per oltre 1,1 miliardi di dollari.

La causa, presentata giovedì, affermava che le società avevano mentito a più di 230.000 investitori sulla sicurezza dei loro investimenti in criptovalute quando i prezzi di gettoni popolari come bitcoin erano crollati bruscamente lo scorso anno.

I dirigenti senior di DCG e Gemini sono rimasti coinvolti in un’aspra disputa pubblica sulle conseguenze del crollo delle criptovalute, che ha lasciato migliaia di investitori nell’impossibilità di recuperare i propri soldi.

La controversia ha rivelato gli stretti legami e l’entità dei prestiti rischiosi tra alcuni dei maggiori partecipanti al mercato delle criptovalute in bolla all’inizio del 2022.

La causa della NYAG ha anche accusato l’ex amministratore delegato della Genesis Soichiro Moro e l’amministratore delegato della DCG Barry Silbert di aver tentato di nascondere al pubblico le perdite di 1,1 miliardi di dollari.

“I newyorkesi che lavorano duro e gli investitori in tutto il Paese hanno perso più di un miliardo di dollari perché sono stati nutriti di menzogne ​​sfacciate secondo cui i loro soldi sarebbero stati al sicuro e sarebbero cresciuti”, ha affermato Letitia James, procuratore generale di New York.

DCG e Genesis non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento. Gemini ha affermato che la causa conferma che lei e i suoi clienti “sono stati vittime di una massiccia frode e sistematicamente hanno mentito” da queste parti sulla “condizione finanziaria di Genesis”.

See also  Due probabili scenari per Bitcoin nei prossimi giorni: analisi dei prezzi BTC

“Detto questo, siamo totalmente in disaccordo con la decisione della NYAG di citare in giudizio anche Gemini. Incolpare una vittima per essere stata defraudata e ingannata non ha senso e non vediamo l’ora di difenderci da questa posizione incoerente”, ha aggiunto.

La controversia ha avuto origine da un prodotto di prestito crittografico gestito da Gemini, l’exchange di criptovalute, e gestito in collaborazione con Genesis, una filiale di DCG.

Quest’ultimo è uno dei più grandi e antichi investitori in criptovalute del mondo, sostenuto da gruppi tra cui SoftBank e la società di venture capital di Google Capital G.

Gemini offrì ai clienti un investimento che poteva fruttare fino al 7% di interesse all’anno e prestò i beni dei clienti a Genesis per aumentare i rendimenti. Genesis li ha prestati ad altri investitori, in particolare al duo di hedge fund di criptovaluta Three Arrows Capital di Singapore e Alameda Research di Sam Bankman-Fried.

Tuttavia, il fallimento dell’FTX di Bankman-Fried lo scorso novembre ha scatenato turbolenze sul mercato poiché i clienti chiedevano un rendimento dei loro asset. A gennaio Genesis ha dichiarato fallimento e la Securities and Exchange Commission ha accusato sia Gemini che Genesis di aver offerto titoli non registrati agli investitori.

La NYAG ha affermato che il fallimento di Three Arrows lo scorso giugno ha contribuito a creare un buco di 1,1 miliardi di dollari presso Genesis, che i dirigenti hanno insabbiato.

Silbert ha detto al consiglio di amministrazione della DCG che l’esposizione di Genesis a Three Arrows era “sgradevolmente grande” e che il creditore si stava preparando per una corsa agli sportelli, sostiene la causa. Giorni dopo, Genesis ha dichiarato in pubblico che il suo “bilancio è solido e la nostra attività funziona normalmente”.

See also  L’industria delle criptovalute osserva scenari di frode senza precedenti

Ma la causa sosteneva che Genesis non sarebbe stata in grado di assorbire la perdita di Three Arrows mentre l’istituto di credito doveva anche riportare un bilancio fortemente capitalizzato alla fine del mese. Per coprire il buco, DCG ha promesso di pagare a Genesis 1,1 miliardi di dollari in 10 anni con un interesse dell’1%, afferma la causa.

“La cambiale faceva parte di un piano per frodare gli investitori di Gemini Earn e il pubblico sulla condizione finanziaria di Genesis e sulla sua capacità di gestire la propria attività”, ha aggiunto.

I gemelli Winklevoss hanno cercato di recuperare i soldi dei loro clienti e in luglio hanno citato in giudizio DCG e Genesis, sostenendo che le società erano coinvolte in frodi legate alla cambiale, per coprire le perdite. DCG sta contestando la causa.

L’azione legale mira a “fermare permanentemente” Gemini, Genesis, DCG e i suoi dirigenti dall’effettuare qualsiasi attività relativa a titoli o materie prime in o da New York, nonché a recuperare il denaro degli investitori.

Leave a Comment