Il sospettato della sparatoria nel Maine, Robert Card, è stato trovato morto dopo una caccia all’uomo durata due giorni, dicono i funzionari

Il sospettato nel sparatorie di massa che ha ucciso 18 persone A Lewiston, nel Maine, il quarantenne Robert Card, è stato trovato morto, ha confermato venerdì l’ufficio dello sceriffo della contea di Androscoggin.

Il corpo del sospettato è stato trovato dalle forze dell’ordine vicino a un impianto di riciclaggio nella zona di Lisbona, hanno confermato a CBS News diverse fonti delle forze dell’ordine. È morto per una ferita da arma da fuoco autoinflitta, ha detto Mike Sauschuck, commissario del Dipartimento di Pubblica Sicurezza del Maine, in una conferenza stampa venerdì sera.

Sauchuck ha detto che il corpo è stato localizzato intorno alle 19:45 ora locale vicino al fiume Androscoggin a Lisbona, una città a circa 8 miglia a sud-ovest di Lewiston. Il veicolo del sospettato, una Subaru Outback bianca, era stato precedentemente trovato abbandonato da una lancia in barca sul fiume.

Il governatore del Maine Janet Mills ha detto ai giornalisti di aver chiamato il presidente Biden per informarlo della morte del sospetto.

“Come molte persone, tiro un sospiro di sollievo sapendo che Robert Card non è più una minaccia per nessuno”, ha detto Mills.

Nella sua dichiarazione di venerdì sera tardi, il presidente Biden ha definito “due giorni tragici, non solo per Lewiston, nel Maine, ma per l’intero Paese”.

“Gli americani non dovrebbero vivere in questo modo”, ha detto Biden. “Chiedo ancora una volta ai repubblicani al Congresso di adempiere al loro obbligo di garantire la sicurezza del popolo americano. Fino a quel giorno, continuerò a fare tutto ciò che è in mio potere per porre fine a questa epidemia di violenza armata. La comunità di Lewiston – e tutti gli americani – meritano nientemeno.”

See also  Corzine prevede di chiudere gli hedge fund e restituire il capitale agli investitori

Centinaia di poliziotti statali e locali e di agenti federali sono stati coinvolti nell’incidente caccia all’uomo dalla sparatoria di mercoledì sera.

Giovedì sera, per diverse ore, la polizia pesantemente armata aveva circondato una casa a Bowdoin, una piccola cittadina da cui proveniva il sospettato, a circa 35 minuti da Lewiston, ma lì avevano completato la ricerca senza trovarlo.

Venerdì, la polizia ha annunciato che i subacquei stavano conducendo ricerche subacquee vicino al luogo in cui è stato ritrovato abbandonato il suo veicolo.

Le autorità avevano recuperato un’arma dal veicolo abbandonato del sospettato, fonti delle forze dell’ordine hanno detto a Pat Milton e Robert Legare di CBS News venerdì scorso. L’arma è stata acquistata legalmente, ha confermato una fonte delle forze dell’ordine. Non è chiaro se l’arma recuperata sia stata utilizzata nella sparatoria.

CBS News aveva anche appreso che gli investigatori avevano localizzato il cellulare del sospettato e stavano cercando di crackarlo e di analizzare attentamente la sua attività online, inclusi messaggi di testo ed e-mail, sperando di trovare indizi sul motivo della sparatoria.

La furia mortale è iniziata poco prima delle 19 di mercoledì sera, quando la polizia ha ricevuto una chiamata ai servizi di emergenza sanitaria per una sparatoria allo Sparetime Recreation, una pista da bowling a Lewiston. La polizia ha poi detto che sei uomini e una donna sono morti apparentemente per ferite da arma da fuoco.

Poco più di 10 minuti dopo, alle 19:08, la polizia è stata chiamata sul luogo di un’altra sparatoria a pochi chilometri di distanza, a Schemengees Bar e Griglia. Otto persone sono state uccise, ha detto la polizia. Altre tre persone sono morte negli ospedali della zona.

See also  Il Texas giustizia l'uomo che ha messo in dubbio le prove del furto d'auto mortale di una donna anziana: NPR

La polizia ha detto che l’uomo armato è fuggito in seguito alla sparatoria e ha avvertito che “dovrebbe essere considerato armato e pericoloso”.

Il sospettato, un membro della US Army Reserve, aveva recentemente riferito di aver avuto problemi di salute mentale, compreso udire voci, e aveva minacciato di sparare in una base militare a Saco, ha detto un bollettino delle forze dell’ordine visto da CBS News. A luglio, ha iniziato a “comportarsi in modo irregolare”, ha detto a CBS News un portavoce della Guardia nazionale dell’esercito di New York, ed è stato ricoverato in una struttura di salute mentale per due settimane.

Diverse comunità della zona hanno trascorso i giorni successivi alla sparatoria sotto l’allarme di rifugiarsi sul posto, con le scuole chiuse e i residenti invitati a rimanere in casa. Gli ordini di ricovero sul posto sono stati revocati venerdì scorso.

“Per me era incomprensibile che ciò potesse accadere a Lewiston, nel Maine”, ha affermato il sindaco Carl Sheline ha detto a CBS News Boston.

“La nostra città sta affrontando questa incredibile perdita e sono completamente distrutta per la nostra città, e il mio cuore è davvero vicino alle vittime e alle loro famiglie in questo momento”, ha detto Sheline.

Gli investigatori stavano esaminando se il sospettato potesse aver preso di mira un individuo specifico, che si ritiene sia l’attuale o ex fidanzata, hanno detto a CBS News due funzionari statunitensi e un ex funzionario di alto rango. Non è chiaro se si trovasse in uno dei due luoghi attaccati.

IL vittime della sparatoria di massa aveva un’età compresa tra 14 e 76 anni, ha detto il medico legale. Includevano un direttore del bar che ha cercato di fermare l’uomo armato; UN istruttore di bowling chi insegnava ai bambini; un amato padre; un quattordicenne e suo padre; e diverse persone che partecipano ad un torneo di cornhole per atleti non udenti.

See also  La Bank of America aumenterà il salario minimo a 23 dollari l’ora

Il procuratore generale Merrick Garland ha affermato in una dichiarazione che “anche se siamo grati che il sospettato in questo caso non rappresenti più una minaccia, sappiamo che nulla può riportare indietro le vite che ha rubato o annullare il terrore che ha inflitto”.

La senatrice Susan Collins del Maine ha rilasciato una dichiarazione ringraziando “i coraggiosi primi soccorritori che hanno lavorato notte e giorno per trovare questo assassino”.

Giulia Kimani, Jeff Pegues, Andres Triay, Robert Legare e Matthew Mosk hanno contribuito a questo rapporto.

Leave a Comment