India tra le prime 3 nazioni con la più alta base 5G, notevole: CEO di Nokia

India tra le prime 3 nazioni con la più alta base 5G, notevole: CEO di Nokia

Nuova Delhi:

Il lancio della rete 5G in India è stato notevole e il paese è tra le prime tre nazioni con la più grande base installata 5G al mondo, ha detto giovedì un alto funzionario Nokia. Il presidente e amministratore delegato di Nokia, Pekka Lundmark, è intervenuto a un evento durante l’inaugurazione del laboratorio di ricerca 6G dell’azienda a Bangalore.

“L’implementazione del 5G in India è davvero notevole. Si è trattato di una delle implementazioni di rete di telecomunicazioni più rapide mai realizzate e significa che l’India è ora tra i primi tre paesi al mondo ad avere la più grande base installata di 5G, con velocità di download del 5G che battono quelle riscontrate.” in molti mercati avanzati”, ha affermato Lundmark.

Sebbene si sia verificato un calo nelle spedizioni di apparecchiature per le telecomunicazioni nelle principali aree geografiche, il lancio del 5G in India è stato in grado di compensare un calo delle attività di Ericsson e Nokia.

Nokia ha registrato una crescita del 333% nelle vendite in India a circa Rs 9.500 crore nel trimestre di giugno del 2023.

Ericsson ha registrato una crescita del 74% delle vendite nette nel trimestre di giugno 2023 nel “Sud-est asiatico, Oceania e India” per circa Rs 10.700 crore, di cui circa il 90% delle sue attività proviene dall’India.

Si prevede che Reliance Jio e Bharti Airtel investiranno circa Rs 75.000 crore nell’attuale anno finanziario per rafforzare le loro reti, secondo un rapporto di JM Financial.

Secondo il rapporto, Jio potrebbe investire circa Rs 42.000 crore e Bharti Airtel circa Rs 33.000 crore nell’anno fiscale 24, ma l’investimento si ridurrà una volta raggiunto l’obiettivo di lancio della rete 5G secondo il loro annuncio.

See also  MicroStrategy rafforza le partecipazioni in Bitcoin in un contesto di performance in rialzo Di Investing.com

“Finora siamo soddisfatti di questo lavoro, ma c’è ancora molto da fare. Continueremo a sostenere la trasformazione digitale dell’India nell’industria, nella società e nei servizi pubblici”, ha affermato Lundmark.

Il 6G Lab di Nokia è stato inaugurato virtualmente dal ministro delle telecomunicazioni dell’Unione Ashwini Vaishnaw.

Il progetto, primo nel suo genere, mira ad accelerare lo sviluppo di tecnologie fondamentali e casi d’uso innovativi sostenuti dalla tecnologia 6G che risponderanno alle esigenze future sia dell’industria che della società.

Il laboratorio 6G di Nokia funzionerà come piattaforma per la collaborazione tra le parti interessate del settore e faciliterà la sperimentazione di soluzioni innovative, stabilendone al tempo stesso il potenziale per la commercializzazione.

Il laboratorio include un’impostazione per la ricerca sulla tecnologia “Network as a Sensor” che consente alla rete di rilevare oggetti, persone e movimento senza la necessità di sensori a bordo.

Nell’era del 6G, “Network as a Sensor” è stata identificata come una tecnologia abilitante chiave che supporta la visione di unire il mondo digitale e quello fisico, ha affermato Nokia in una nota.

Il rilevamento sarà completamente integrato nella rete wireless e funzionerà contemporaneamente ai servizi di comunicazione.

“Gli esperti di Nokia nel suo centro di Bangalore sosterranno l’ambizione dell’India di dare un contributo notevole agli standard tecnologici globali 6G. Inoltre, è in procinto di costruire collaborazioni di ricerca con i principali istituti di ricerca indiani come IISc e IIT per ampliare ulteriormente l’iniziativa di ricerca 6G in India”, si legge nella nota.

Il mese scorso, la visione dell’India di avere una copertura onnipresente con la tecnologia 6G è stata accettata dal gruppo di studio dell’ITU, organismo delle Nazioni Unite, nella riunione tenutasi a Ginevra – una mossa che dovrebbe ridurre i costi di implementazione della tecnologia di prossima generazione.

See also  L'ex capo della FCA avverte dei rischi per gli investitori derivanti dal piano britannico di regolamentare le criptovalute

L’Unione Internazionale delle Telecomunicazioni (ITU) decide sullo sviluppo degli standard internazionali di telecomunicazione mobile dopo il coordinamento con i suoi paesi membri, le aziende tecnologiche e altre parti interessate.

L’India ha già ottenuto più di 200 brevetti sulla tecnologia 6G attraverso la collaborazione industriale e accademica con il supporto del Dipartimento delle telecomunicazioni.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Leave a Comment