L’IRDAI si oppone alla promessa da parte del Gruppo Hinduja di azioni di una compagnia assicurativa per acquisire Reliance Capital

L’autorità di regolamentazione assicurativa indiana si è opposta alla proposta della International IndusInd Holdings Ltd (IIHL), di proprietà del gruppo Hinduja, di raccogliere fondi impegnando le azioni della Reliance General Insurance Co., promossa da Anil Ambani, e della Reliance Nippon Life Insurance Co. per acquisire la fallita Reliance Capital, hanno affermato persone con conoscenza della questione.

In risposta, gli istituti di credito hanno chiesto al gruppo Hinduja di presentare una proposta rivista che non comporterebbe lo sfruttamento delle azioni delle compagnie assicurative per acquisire Reliance Capital, hanno detto le persone sopra citate.

Il Gruppo Hinduja è in trattative con istituti di credito offshore per raccogliere 800 milioni di dollari (l’equivalente di 6.660 crore di Rs) per acquisire la società finanziaria ai sensi del Codice sull’insolvenza e sul fallimento, hanno detto le fonti. I finanziatori hanno votato all’unanimità a favore di un piano di Rs 9.660 crore offerto dall’IIHL a giugno.

L’IIHL e l’Autorità indiana per la regolamentazione e lo sviluppo delle assicurazioni (IRDAI) non hanno risposto alla richiesta di commenti di ET.

Reliance General Insurance è posseduta al 100% da Reliance Capital ed è tra le risorse più preziose. Reliance Nippon Life Insurance è posseduta al 51% da Reliance Capital e al 49% da Nippon Life Insurance.

L’IIHL aveva presentato domanda all’IRDAI chiedendo l’approvazione per un “cambio di controllo” delle due compagnie assicurative. L’IRDAI ha indicato che la richiesta di “cambio di controllo” dell’IIHL non sarebbe considerata “favorevole” se la fonte dei fondi per l’acquisizione fosse la creazione di pegno sulle azioni delle compagnie di assicurazione, hanno detto le persone sopra citate. La questione è stata discussa nel comitato dei creditori, dopodiché l’amministratore ha ordinato all’IIHL di presentare un’offerta rivista. “Abbiamo chiesto all’IIHL di presentare un piano che fornisca dettagli sulla fonte dei fondi e che non preveda la creazione di pegno su azioni di compagnie di assicurazione”, ha detto una delle persone sopra citate.

See also  Sarsfield, ex studente di Goldman, diventerà amministratore delegato del gestore patrimoniale P10

Il gruppo Hinduja è in trattative con fondi di credito globali per finanziare l’acquisizione di Reliance Capital, ha riferito ET il 12 luglio.

Poiché Reliance Capital è una società di servizi finanziari, l’offerente vincitore richiederebbe l’approvazione di tutti gli enti di regolamentazione finanziaria, tra cui la Reserve Bank of India e l’IRDAI. Il Tribunale nazionale per il diritto societario prenderà in considerazione la richiesta di Hinduja dopo che RBI e IRDAI le avranno approvate come “idonee e idonee” ad acquisire la società finanziaria.

Torrent Investments, anch’essa in lizza per Reliance Capital, si era rivolta alla Corte Suprema contestando la decisione degli istituti di credito di condurre una seconda asta della società finanziaria.

Al centro della controversia c’è un’offerta da parte dell’entità del Gruppo Hinduja, presentata 24 ore dopo la scadenza dell’asta (21 dicembre), che prevale sull’offerta fatta nei tempi stabiliti da Torrent Investments.

Gli istituti di credito hanno deciso di indire una seconda tornata di aste e la questione è pendente dinanzi alla Corte Suprema. Mentre Torrent è stato il miglior offerente offrendo Rs 8.640 crore nel primo round, Hinduja ha offerto Rs 9.660 crore nel secondo round. Torrent non ha partecipato al secondo round dell’asta.

Leave a Comment