Insoddisfazione garantita dalla liquidazione del prestito Covid

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Tradizionalmente le banche accettano depositi e concedono prestiti. Il rischio che quest’ultimo vada storto – chiamato rischio di credito – è a carico della banca e dei suoi azionisti. Valutare questo è una competenza chiave per i banchieri.

Non devono impegnarsi così tanto quando il governo garantisce i prestiti che concedono, di solito in periodi di stress economico. Lo Stato sarebbe in difficoltà per il prestito se il mutuatario fosse inadempiente. Il suo obiettivo tipico è quello di sostenere le imprese che la crisi potrebbe altrimenti distruggere.

Durante la pandemia di coronavirus, il governo britannico ha sottoscritto prestiti per circa 77 miliardi di sterline per tenere sotto controllo fallimenti e disoccupazione. Questa settimana è arrivata la notizia dalla British Business Bank, che amministra le garanzie, che circa 1 miliardo di sterline di prestiti non sono più ammissibili al sostegno del governo. Le banche dovranno assumersi la responsabilità di eventuali perdite.

Stai vedendo un’istantanea di un grafico interattivo. Ciò è molto probabilmente dovuto al fatto che sei offline o che JavaScript è disabilitato nel tuo browser.

Le garanzie sono arrivate tramite tre programmi destinati ad imprese di varie dimensioni. Il più controverso è stato il Bounce Back Loans Scheme, a sostegno delle piccole e medie imprese. BBLS è stato anche il programma più grande con circa 47 miliardi di sterline di prestiti concessi. I consueti controlli sull’accessibilità economica e sul credito per i prestiti sono stati trascurati a favore di un rapido prelievo dei soldi.

La BBB ha affermato che la maggior parte delle garanzie annullate riguardavano prestiti concessi nell’ambito della BBLS. Ha citato carenze come prestiti duplicati, errori nelle domande e violazioni delle regole del sistema.

Stai vedendo un’istantanea di un grafico interattivo. Ciò è molto probabilmente dovuto al fatto che sei offline o che JavaScript è disabilitato nel tuo browser.

Il sistema rimane nel mirino a causa della facilità con cui i truffatori sono riusciti ad accedere ai fondi. Ufficialmente, circa 1,6 miliardi di sterline di prestiti sono stati segnalati come potenzialmente fraudolenti. Altre stime suggeriscono che la cifra finale potrebbe salire fino a 5 miliardi di sterline, ovvero un decimo di tutti i prestiti BBLS.

Quando è stato annunciato il programma di prestito, Lex ha evidenziato la sua vulnerabilità alle frodi. Ma lo abbiamo visto come un prezzo che valeva la pena pagare per sostenere la maggioranza dei mutuatari onesti in una crisi. Le critiche successive sono state avanzate dalla confortante sicurezza di un mondo in cui il coronavirus è sotto controllo.

Le perdite totali su BBLS ammontano a circa 7 miliardi di sterline. Ciò non include le perdite derivanti da potenziali frodi. Altri 4 miliardi di sterline sono in qualche modo in difficoltà e probabilmente porteranno a richieste di garanzia.

Gli azionisti devono ancora affrontare le scosse di assestamento della pandemia mentre incombono le scadenze per i finanziamenti delle banche centrali. Per sostenere i programmi di prestito di emergenza, la Banca d’Inghilterra ha creato lo scioglilingua Term Funding Scheme con incentivi aggiuntivi per le PMI (TFSME). Ciò ha fornito alle banche commerciali denaro a bassissimo costo che potevano poi prestare. Le banche del Regno Unito hanno preso in prestito 193 miliardi di sterline dalla struttura con una durata di quattro anni. I rimborsi dovrebbero iniziare l’anno prossimo.

Questo è già un comportamento distorsivo. Le banche sono affamate di depositi per compensare un imminente deficit di finanziamento. Ciò sta spingendo al rialzo i tassi di deposito e intaccando la redditività.

NatWest ha riferito che i tassi sui depositi sono aumentati di 70 punti base in occasione dei risultati del terzo trimestre la scorsa settimana. Il calo dei margini di interesse netti potrebbe significare che i profitti saranno inferiori del 15% rispetto a quanto precedentemente previsto per il prossimo anno. Per ogni aumento di 10 punti base dei tassi di deposito, i profitti del settore diminuiscono di 1 miliardo di sterline o del 5%, stima Jonathan Pierce, analista di Numis.

Questo è un bene per te se sei un depositante, un male per te se sei un investitore e potrebbe quasi pareggiare se sei entrambi.

Bancarotta: banchieri e avvocati danzanti si preparano a pagare una fortuna

Al giorno d’oggi gli unici banchieri d’investimento che ricevono compensi sono quelli che gli amministratori delegati non vogliono mai vedere; quelli che si presentano dopo che le cose sono andate male. Questa settimana, la banca boutique statunitense PJT Partners ha riferito che i ricavi del suo gruppo sono aumentati dell’11% per i primi nove mesi dell’anno. La crescita si è verificata anche quando due delle sue attività chiave, la consulenza convenzionale in materia di fusioni e acquisizioni e la raccolta di fondi di private equity, hanno subito un brusco calo, quest’ultima di un enorme 50%.

Gli azionisti dovrebbero ringraziare il gruppo di ristrutturazione di PJT. Funziona con le aziende che hanno finito i soldi o sono sul punto di farlo. Anche i creditori aziendali sono clienti. Le situazioni recenti in cui PJT è stata coinvolta includono WeWork, Carvana e Revlon.

PJT non analizza i ricavi basati sulla ristrutturazione, ma ha affermato che le commissioni complessive per la consulenza sulle operazioni sono aumentate del 24%, anche se la parte M&A è diminuita. Un rivale, Houlihan Lokey, ha riportato ricavi di ristrutturazione in aumento del 17% nell’ultimo trimestre.

Le commissioni addebitate dalla ristrutturazione a banchieri e avvocati sono esplose proprio mentre i costi di finanziamento delle imprese sono aumentati vertiginosamente e la liquidità è evaporata. Per la manciata di consulenti specializzati in aziende fallite, la miniera d’oro sarà significativa in un momento in cui gli specialisti di fusioni e IPO sono in gran parte inattivi.

La caotica bancarotta del gruppo di cosmetici Revlon ha prodotto circa 250 milioni di dollari in compensi professionali per un incarico di 10 mesi. Ciò ha scioccato anche gli osservatori stanchi del settore. PJT, secondo i documenti del tribunale, ha fatturato 26,9 milioni di dollari alla società in qualità di banca d’investimento. Lo studio legale di Revlon, Paul Weiss, ha fatturato quasi 60 milioni di dollari, mentre i partner addebitavano più di 2.000 dollari l’ora per i loro sforzi.

PJT, tuttavia, aveva solo un team centrale di una dozzina di persone sul caso, a differenza dei multipli di quella cifra tra gli avvocati. A PJT sono state pagate commissioni mensili di mantenimento, commissioni per l’organizzazione del finanziamento di uscita e quindi una commissione finale di “successo” di 15 milioni di dollari.

Gli sponsor finanziari e gli hedge fund attivi nel debito in sofferenza hanno lanciato l’allarme sul cosiddetto “fee creep”. Ci sono molte ragioni per cui un’azienda dovrebbe evitare il fallimento. Il costo allettante è in cima a quella lista.

Gli articoli sopra riportati sono versioni modificate di articoli apparsi su Lex, la rubrica quotidiana sugli investimenti di punta del FT.

Questo articolo è stato modificato per aggiornare il totale TFSME

See also  La SEC indaga sulla funzione di raccolta contanti di Wells Fargo

Leave a Comment