Israele mette in guardia da una “lunga” guerra con l’inizio dell’invasione della Striscia di Gaza

Israele ha annunciato la “seconda fase” della sua guerra contro Hamas, con il primo ministro Benjamin Netanyahu che ha avvertito che l’invasione di terra della Striscia di Gaza sarà “lunga e difficile” poiché aumentano i rischi di un conflitto più ampio in Medio Oriente.

Contenuto dell’articolo

(Bloomberg) – Israele ha annunciato la “seconda fase” della sua guerra contro Hamas, con il primo ministro Benjamin Netanyahu che ha avvertito che l’invasione di terra della Striscia di Gaza sarà “lunga e difficile” poiché aumentano i rischi di un conflitto più ampio in Medio Oriente.

“Abbiamo un obiettivo principale: sconfiggere il nemico e garantire la nostra esistenza”, ha detto Netanyahu, vestito di nero, in un discorso televisivo a livello nazionale.

Pubblicità 2

Contenuto dell’articolo

Contenuto dell’articolo

Dopo l’assalto senza precedenti del 7 ottobre da parte del gruppo militante che ha provocato la morte di oltre 1.400 israeliani, la domanda era quale sarebbe stata la risposta dopo le ripetute minacce di Netanyahu di spazzare via Hamas.

Ripetuti bombardamenti hanno ucciso migliaia di palestinesi, ma sotto la pressione dei leader mondiali in visita e la minaccia di attacchi su più fronti, Israele ha calibrato la sua ritorsione. Continua a negoziare il rilascio di circa 200 ostaggi.

Sembra che si tratti di un’invasione furtiva. Ma il timore è che in risposta i gruppi sostenuti dall’Iran intensifichino ulteriormente gli attacchi in Medio Oriente. Anche gli alleati arabi di Washington nella regione, le cui popolazioni sono molto in sintonia con la causa palestinese, hanno messo in guardia da tensioni più ampie.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, che non può permettersi di essere coinvolto in un altro grande conflitto durante la sua campagna di rielezione, ha già inviato due gruppi di portaerei e sistemi di difesa aerea nella regione produttrice di energia e ha messo in allerta migliaia di truppe.

Netanyahu, la cui eredità è in gioco, ha parlato dopo che Israele ha intensificato le operazioni a Gaza con truppe, carri armati, artiglieria e intensi bombardamenti aerei. Internet e le comunicazioni erano state interrotte a Gaza durante una grande incursione in cui le truppe avevano preso il controllo di parte del nord del territorio.

Contenuto dell’articolo

Pubblicità 3

Contenuto dell’articolo

E nonostante la sua retorica ampollosa, gli analisti si sono affrettati a mettere le sue parole in prospettiva. L’offensiva di terra israeliana a Gaza non è un attacco “su vasta scala” come molti si aspettavano, ha affermato Amos Yadlin, ex direttore dell’intelligence militare israeliana.

“È un conflitto a bassa intensità. Non è una guerra lampo, è un centimetro per centimetro, metro per metro”, ha detto Yadlin ai giornalisti in una teleconferenza.

Intervenendo in una conferenza stampa, Netanyahu ha respinto l’idea che l’invasione di Gaza metterebbe in pericolo circa 200 ostaggi tenuti da Hamas, affermando che non c’è “nessuna contraddizione” tra l’obiettivo di liberarli e quello di distruggere Hamas, che è considerato un gruppo terroristico dagli Stati Uniti e Unione Europea.

Il ministro della Difesa Yoav Gallant ha detto che le truppe israeliane stanno operando sia in superficie che nel sottosuolo a Gaza. Hamas dispone di una vasta rete di tunnel che utilizza per spostarsi con armi e uomini e dove si ritiene tengano alcuni prigionieri.

È probabile che l’operazione comporti aspri combattimenti urbani e provochi ingenti perdite da entrambe le parti. Israele ha bombardato il territorio dagli attacchi del 7 ottobre, uccidendo migliaia di persone secondo le autorità dell’enclave gestita da Hamas.

Pubblicità 4

Contenuto dell’articolo

La rete di tunnel segreti di Hamas complica l’offensiva israeliana a Gaza

Il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amirabdollahian ha avvertito in un’intervista con Bloomberg Television prima dell’annuncio di Israele che si aprirebbero nuovi fronti contro gli Stati Uniti se manterranno il sostegno inequivocabile a Israele, intensificando un botta e risposta retorico che ha alimentato i timori di una guerra regionale più ampia.

See also  La polizia individua l'ultimo veicolo utilizzato dal sospetto nel caso di omicidio del giudice del Maryland: NPR

Proprio questa settimana, gli Stati Uniti hanno inviato aerei da guerra per colpire obiettivi in ​​Siria – la prima azione militare nella regione dal 7 ottobre – dopo che una serie di attacchi da parte delle milizie appoggiate dall’Iran avevano ferito più di una dozzina di soldati nelle basi statunitensi lì e in Iraq. .

“I nostri partner nel mondo arabo capiscono che se Israele non vince, saranno loro i prossimi”, ha detto Netanyahu, con un riferimento sottilmente velato ai gruppi di milizie sostenuti dall’Iran nella regione e alla minaccia che i paesi del Medio Oriente potrebbero affrontare. loro.

I leader, dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan al principe ereditario dell’Arabia Saudita Mohammed bin Salman, hanno messo in guardia Israele contro un’invasione di terra e hanno sollecitato un cessate il fuoco.

Si teme che Hezbollah risponda all’incursione di terra lanciando una massa di missili attraverso il confine settentrionale di Israele.

Il gruppo libanese è, come Hamas, finanziato e sostenuto dall’Iran e designato gruppo terroristico dagli Stati Uniti. È una delle milizie più potenti del Medio Oriente e si ritiene abbia a disposizione più di 100.000 razzi e missili. Nelle ultime due settimane si sono verificati frequenti scontri a fuoco con l’esercito israeliano.

(Aggiunge contesto in tutto, citazione nel settimo)

Contenuto dell’articolo

Commenti

Postmedia si impegna a mantenere un forum di discussione vivace ma civile e incoraggia tutti i lettori a condividere le loro opinioni sui nostri articoli. I commenti potrebbero richiedere fino a un’ora per la moderazione prima di essere visualizzati sul sito. Ti chiediamo di mantenere i tuoi commenti pertinenti e rispettosi. Abbiamo abilitato le notifiche via email: ora riceverai un’email se ricevi una risposta al tuo commento, se c’è un aggiornamento in un thread di commenti che segui o se un utente che segui commenta. Consulta le nostre Linee guida della community per ulteriori informazioni e dettagli su come modificare le impostazioni e-mail.

Leave a Comment