Kari Lake annuncia la corsa al Senato dell’Arizona

Martedì, Kari Lake ha lanciato una campagna al Senato degli Stati Uniti per un seggio in Arizona in uno spettacolare raduno a Scottsdale mai concesso che ha perso la corsa per la carica di governatore dell’Arizona l’anno scorso.

Sta sperimentando nuovi messaggi e cercando il sostegno dei repubblicani nazionali che ha insultato in passato. Ma l’ex conduttrice televisiva non si tira indietro sulle cose che l’hanno resa una star dell’estrema destra: la sua combattività con i nemici percepiti, la sua fedeltà a Donald Trump e la sua volontà di difendere le sue bugie elettorali.

I leader nazionali repubblicani pensano che un candidato repubblicano potrebbe trarre vantaggio da quella che potrebbe essere una corsa a tre se la senatrice Kyrsten Sinema cercasse la rielezione. Sinema, ex democratica diventata indipendente l’anno scorso, si sta preparando per una campagna ma non ha detto se cercherà un secondo mandato. È probabile che il rappresentante americano Ruben Gallego abbia bloccato la nomina democratica.

Alla sua manifestazione di martedì, Lake non ha ammesso di aver perso le ultime elezioni ora-Gov. Katie Hobbs, ma non ha detto che è stato rubato e ne ha fatto solo un breve cenno durante un discorso durato quasi 50 minuti. Ha detto che “non si allontanerà mai dalla lotta per ripristinare elezioni oneste”.

Candidatura al Senato per il raduno di Kari Lake
L’ex candidata governativa repubblicana dell’Arizona Kari Lake annuncia la sua candidatura per la sede del senatore indipendente Kyrsten Sinema al JetSet Magazine il 10 ottobre 2023 a Scottsdale, in Arizona.

REBECCA NOBILE/Getty Images


“Abbiamo fatto tutto bene e abbiamo visto il disastro del giorno delle elezioni in Arizona”, ha detto Lake. “A volte, quando le cose non vanno come ci aspettiamo, ci troviamo a interrogarci e a chiederci perché… penso che Dio abbia piani più grandi per noi.”

Ha elogiato l’ex presidente Donald Trump, che ha registrato un video di sponsorizzazione trasmesso durante la manifestazione, e ha ripetutamente attaccato i media, definendo i giornalisti che coprivano il suo evento “folli di notizie false”.

“Quando tornerò alla Casa Bianca, ho bisogno di combattenti forti come Kari al Senato”, ha detto Trump.

Un cambiamento di tono

Lake ha anche offerto parole concilianti per gli elettori che non sono d’accordo con lei, in netto contrasto con la sua ultima campagna, quando non voleva il sostegno dei repubblicani dell’establishment, anche dopo averli sconfitti alle primarie del GOP.

“Potrei non essere d’accordo con gli arizonani che hanno votato per Joe Biden”, ha detto Lake. “Ma non penso che tu sia una minaccia per la democrazia. Sei un cittadino proprio come me.”

Dopo aver definito una volta il senatore Mitch McConnell del Kentucky un “vecchio pipistrello” e aver detto che aveva bisogno di essere sostituito come leader repubblicano, Lake ora dice che lo sosterrebbe se fosse eletta. L’anno scorso ha definito l’aborto “il peccato supremo” e ha sostenuto un divieto quasi totale dell’aborto in Arizona. Ora, dice che non approverebbe un divieto federale di aborto.

Lake ha recentemente incontrato il senatore Steve Daines del Montana, che guida il lavoro della campagna repubblicana al Senato in qualità di presidente del comitato senatoriale repubblicano nazionale, e ha visto diversi altri senatori repubblicani durante un viaggio a Washington. Daines ha pubblicamente esortato Lake a concentrarsi sul futuro invece di rimettere in discussione le elezioni passate.

Ex conduttrice televisiva per quasi tre decenni nel mercato di Phoenix, Lake era già conosciuta a livello locale ma non aveva alcun profilo nazionale quando abbandonò la sua carriera nel 2021, dichiarò che “il giornalismo è morto” e colpì con una mazza le televisioni che mostravano i notiziari via cavo. .

Fino al giorno delle elezioni, ha abbracciato Trump, è apparsa con personaggi di destra come Steve Bannon e con i repubblicani dell’establishment, tra cui il defunto senatore John McCain.

Ha perso la corsa al governatore per meno di 1 punto. Secondo AP VoteCast, un sondaggio condotto tra gli elettori statunitensi, circa quattro elettori su 10 dell’Arizona nelle elezioni del 2022 hanno affermato di essere “molto preoccupati” che le opinioni di Lake fossero troppo estreme. Ha perso l’11% dei repubblicani. Circa il 63% degli indipendenti e il 96% dei democratici hanno sostenuto la vincitrice, la democratica Katie Hobbs.

Ma Lake è diventata una figura nazionale dell’estrema destra con le sue apparizioni televisive e la sua difesa delle falsità elettorali di Trump.

Le battaglie legali di Lake per le sue affermazioni elettorali fraudolente

Nei mesi successivi, Lake ha viaggiato molto per parlare con gruppi repubblicani in tutto il paese, le sue osservazioni si sono concentrate in gran parte sulle sue affermazioni elettorali fraudolente. I suoi frequenti viaggi in Iowa, lo stato in cui è nata ma che ha anche ospitato i primi caucus presidenziali, hanno sollevato perplessità negli ambienti politici. Alcuni l’hanno proposta come compagna di corsa di Trump, il favorito per la nomina presidenziale repubblicana del 2024.

Lei ha citato in giudizio la contea di Maricopa, sostenendo che i funzionari elettorali hanno deliberatamente creato malfunzionamenti della stampante per farle perdere. Ha perso, e i suoi appelli infruttuosi sono rimbalzati attraverso il sistema giudiziario, fino in fondo alla Corte Suprema dell’Arizona.

È stata anche denunciata per diffamazione dal registratore della contea di Maricopa Stephen Richer, un funzionario repubblicano che afferma di aver subito minacce di morte perché lei ha mentito su come ha condotto le elezioni.

Il mese scorso è tornata in tribunale per il suo terzo caso legato alle elezioni, dove ha visto il suo avvocato sostenere che la legge sui registri pubblici dell’Arizona le dà il diritto di vedere copie delle buste di voto firmate per posta. Afferma che la revisione delle firme le consentirebbe di dimostrare che le schede sono state conteggiate come non avrebbero dovuto essere, tracciando paralleli con un riconteggio partigiano senza precedenti delle schede condotto dai sostenitori di Trump per conto dei repubblicani del Senato statale dopo le elezioni del 2020.

Le sue lotte durante le elezioni del 2020 e del 2022 l’hanno ulteriormente resa cara ai repubblicani dell’Arizona, che hanno nominato una lista di candidati sostenuti da Trump che hanno diffuso bugie elettorali e hanno continuato a perdere a metà mandato. Entra nella corsa al Senato come favorita immediata nelle primarie del GOP, dove affronterà lo sceriffo della contea di Pinal Mark Lamb.

L’NRSC non ha escluso di appoggiare Lake alle primarie, secondo una persona che ha familiarità con la strategia dell’organizzazione e che ha parlato a condizione di anonimato per discutere di deliberazioni private. Il sostegno dell’NRSC potrebbe potenzialmente aprire un flusso di finanziamenti redditizi e segnalare ai donatori che Lake ha il sostegno dei senatori chiave del GOP.

See also  Capitale dello scultore: le aree grigie causano capelli grigi in una disordinata guerra di offerte

Leave a Comment