La banca francese attira l’attenzione per ragioni sbagliate

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Parigi strombazza il suo successo nell’allontanare i banchieri londinesi dopo la Brexit. Lo stesso magnetismo non si applica agli investitori e alla Société Générale. Semmai la polarità si è invertita. Questa istituzione francese, un tempo preminente, ha subito una consistente erosione della sua reputazione sul mercato. Gli investitori hanno abbandonato questa banca. I risultati del terzo trimestre non hanno fatto nulla per dissipare l’oscurità.

Il nuovo amministratore delegato di SocGen, Slawomir Krupa, non ha impressionato con la sua presentazione strategica di settembre che prometteva una redditività moderata tra qualche anno. Ha un coefficiente di capitale primario di prima classe del 13,3%. Pertanto, né i grandi pagamenti agli azionisti né le grandi svalutazioni dovute alle ristrutturazioni andranno bene per la Banca Centrale Europea. Solitamente le banche europee ne detengono circa il 15%, sottolinea Barclays.

I dati del terzo trimestre non hanno portato gioia. Un risultato confuso è arrivato con un netto downgrade dovuto al settore bancario al dettaglio francese. Le previsioni sul margine d’interesse netto per l’intero anno della banca sono state nuovamente riviste al ribasso. SocGen prevede che il calo su base annua supererà il 20%. Almeno l’unità di consulenza della sua banca d’investimento ha mostrato un po’ di vita.

SocGen è costantemente una delle banche più economiche d’Europa, commerciando a circa il 30% del suo patrimonio netto tangibile. Quello dell’indice bancario Stoxx 600 tocca il doppio e il divario sta crescendo. Gli azionisti dubitano che molto denaro, se non nessuno, arriverà presto dal suo nuovo amministratore delegato.

See also  Migliore udienza iniziale dei debitori inadempienti, dicono le banche commerciali alla RBI

Forse la banca potrebbe effettuare delle cessioni che libererebbero fondi da distribuire agli azionisti? Sembra improbabile. Ha unità bancarie dell’Europa orientale redditizie, ma ha bisogno di quei guadagni. Utilizzando i dati SocGen, le sue attività in Europa, Francia esclusa, da inizio anno hanno realizzato quattro volte il ritorno sul capitale al netto delle imposte del gruppo, portando allo stesso tempo un quinto dell’utile del gruppo. Il costo del capitale proprio del gruppo, molto più elevato, si avvicina al 20%.

La redditività così così e il capitale appena sufficiente danno a SocGen pochissimo spazio di manovra in caso di problemi. È necessaria una sana dose di cautela.

Se sei abbonato e desideri ricevere avvisi quando vengono pubblicati articoli Lex, fai semplicemente clic sul pulsante “Aggiungi a myFT”, che appare nella parte superiore di questa pagina sopra il titolo.

Leave a Comment